..E ora qualcosa di completamente diverso
Sì, lo sappiamo. questa non è una build personalizzata!
Tuttavia, andare in moto ci porta ogni tipo di esperienza. Allora perché non deviare dalle strade familiari e partire ogni tanto per una nuova avventura?


Zero effettivi
"Esperienza elettrica" ​​è il modo in cui Zero Motorcycles invita i motociclisti a fare un passaggio e provare le loro moto elettriche.
Avendo guidato un certo numero di loro macchine in condizioni stradali regolari, ero già al passo con i vantaggi dell'abbandono dei motori a combustione. Inutile dire che c'è ancora un certo margine di miglioramento, ma questo ha più a che fare con la capacità della batteria e le infrastrutture di ricarica (internazionali).

In media utilizzerai fino all'1% per chilometro fuoristrada. Una carica completa ti offrirà circa 100 km di beatitudine fangosa. Su asfalto puoi aggiungere altri 50 chilometri, ma su strade tortuose o in condizioni urbane. Le fiamme in autostrada scaricano la batteria molto più velocemente senza il vantaggio di rigenerarsi durante la frenata.

Dal punto di vista della guida pura, le motociclette elettriche hanno fatto molta strada negli ultimi anni e offrono (davvero) molta eccitazione pura fin dall'inizio. Avendo provato diverse motociclette Zero su asfalto, che è il loro habitat naturale, sono stato lieto di ricevere un invito dalla sede europea di Zero Motorcycles per un po' più di natura.
Ho dovuto percorrere 250 chilometri a sud, non lontano dal confine tra Belgio e Francia, dove Thierry Sarasyn, un esperto esperto di fuoristrada con molta esperienza nel motocross e nell'enduro, mi stava aspettando con due bici Zero FX in assetto fuoristrada.

Consulenza
Lo Zero FX è un mostro di coppia. Sembra leggero e coccoloso quando lo vedi, ma il suo potente motore brushless Z-Force ti sorprenderà. È integrato centralmente nel telaio ed è fornito di fabbrica con trasmissione a cinghia in fibra di carbonio collegata direttamente alla ruota posteriore. Il cuore della bestia è il motore elettrico Zero Z-Force. Fornirà più coppia rispetto alla maggior parte dei motori a combustione da 1.000 cc direttamente dalla linea di partenza. La decalcomania "7.2" (rimossa sulla moto nelle immagini) indica la forza di 7.42 kWh che è sempre con te. Il motore eroga ben 106 Nm di coppia da 0 giri/min. La Zero FX è molto simile al fratello FXS orientato alla strada e contiene la maggior parte delle caratteristiche/specifiche, ma è sicuramente nata da un pedigree più fangoso ed è la soluzione migliore quando si cerca una bici estremamente leggera per un serio percorso.

Per scopi fuoristrada una bici elettrica è molto attraente in quanto non richiede una manutenzione tecnica più complicata dopo un giro che semplicemente spruzzandola con acqua.

Per ottenere la massima felicità durante le avventure fuoristrada, Thierry aveva preparato le moto per adattarsi alla situazione. La trasmissione a cinghia è stata sostituita da una catena e ruote dentate. Cinture e fango non si amano esattamente. La corona ha una dimensione impressionante. Domina la ruota posteriore ed è una chiara indicazione che ci aspettavamo cose serie. Anche l'"abbraccio" che proteggeva la cintura è stato rimosso.

Sono state montate anche pedane fuoristrada adeguate e il manubrio è stato dotato di protezioni per le mani. La sospensione anteriore ha ricevuto tre clic in più per lo smorzamento della compressione e il precarico della molla è stato aumentato di due tacche. La sospensione anteriore USD (Showa) è completamente regolabile per adattarsi alle preferenze personali di qualsiasi pilota o al terreno da conquistare. Anche il precarico della sospensione posteriore è stato dotato di due tacche in più. La corsa della sospensione anteriore è di 218 mm, quella posteriore di 227 mm.

La gomma italiana (Pirelli Scorpion) è stata sostituita da pneumatici Bridgestone AX41. Questi offrono una presa sufficiente sullo sporco e sono piacevoli sulla superficie dura in condizioni stradali normali. Passare da una pista all'altra guidando sulla strada è stato un gioco da ragazzi e senza cumuli di fango che ti colpivano il viso quando seguivi il tuo vantaggio. Come ci si può aspettare, quest'ultimo set sarà più rumoroso sulla strada. Quindi, se finisci per guidare di più su una superficie dura, le Pirelli sono una scelta eccellente per la ruota anteriore da 21" e il cerchione posteriore da 18".
Se vai per avventure fuoristrada ancora più serie, prendi in considerazione la sostituzione del parafango anteriore con una versione decente in stile motocross. Per questo giorno è andato tutto bene comunque. Detto questo, alla fine del viaggio di tre ore la ruggine era stata spazzata via da un'ondata di testosteron e mi sono ritrovato a fare cose stupide simili alle mie buffonate da adolescente.

A completare la struttura high-tech della motocicletta Zero FX c'è un cruscotto LCD blu dal design minimalista. Il display mostra il tachimetro della bici, il livello della batteria, la potenza erogata e il tempo di ricarica previsto, nonché la temperatura e il profilo di marcia. Questo è tutto ciò di cui hai veramente bisogno.

È inoltre possibile collegare un telefono cellulare al cruscotto per configurare le prestazioni e il comportamento della moto tramite l'app mobile di Zero Motorcycles.

Si parte!
Circa vent'anni fa ho venduto la mia ultima bici da cross perché diventava sempre più difficile godersi la guida fuoristrada senza dover passare due ore in macchina per poterla guidare. Il nord-ovest dei Paesi Bassi non è esattamente densamente popolato con discrete piste sterrate.
Quindi salire a bordo della Zero FX con la prospettiva di un vero e proprio fuoristrada è stato per me un viaggio nella memoria. Mi ha riempito di eccitazione ma anche di qualche dubbio su quanto bene (o male) avrei fatto su due ruote nello sterrato. Tanto più che questa sarebbe la prima volta su una moto elettrica. Essendo il fuoristrada arrugginito che sono, le immagini non ti daranno la spruzzatura professionale di fango che normalmente vedresti nei rapporti di trovare questo essere il loro habitat naturale purtroppo. Ma poi di nuovo questo pezzo è più che altro per mostrare che questo tipo di guida è disponibile per tutti noi facilmente e solo per gli high-flyer sponsorizzati dalla Red Bull.

Dal momento in cui abbiamo lasciato l'asfalto e ci siamo diretti verso il primo stretto sentiero fangoso, un senso di euforia ha preso il sopravvento. Anche se mi ci è voluta circa un'ora per tornare all'arte di base di alzarmi in piedi e strozzare attraverso fango, sabbia e acqua, mi è piaciuta l'esperienza fin dall'inizio.
Un elemento importante per l'incontro positivo con la guida in mezzo alla natura è stato il fatto che non dovevo più concentrarmi sul cambio di marcia. Questo è uno dei grandi vantaggi dell'utilizzo dell'opzione elettrica per un'occasione del genere. Basta girare (attentamente) l'acceleratore e il gioco è fatto!

Ci sono stati due preziosi suggerimenti che Thierry ha condiviso con me quando siamo partiti; metti la moto in modalità 'Eco' piuttosto che 'Sport'. Questo ti darà una quantità sufficiente di potenza in qualsiasi momento e ti aiuterà a colpire involontariamente "alberi magnetici" lungo la pista se gli dai troppa potenza. Quindi renditi la vita facile con te stesso e inizia in questa modalità, quando sei abituato alla bici puoi fare un salto di qualità e goderti il ​​livello successivo.

Il secondo consiglio è stato quello di cambiare il sistema di frenata ABS. In fuoristrada questo non è il tipo di assistenza che stavi cercando. Chiudere la modalità è stato facile. Un semplice "esaurimento" nell'erba bagnata per alcuni secondi manderebbe via gli assistenti dell'ABS per una pausa.

Questa bici, orientata al "segmento dell'avventura", che è vagamente definito come focalizzato sul semi-fuoristrada, è un vero piacere. Ti darà gioia istantanea sulla maggior parte dei terreni. Principalmente, perché ti darà la massima coppia da fermo. Anche in modalità ECO può essere una seria manciata nello sporco. Ti ritroverai a girare quella ruota posteriore se apri semplicemente il "acceleratore" e vai avanti.

Sorrisi dappertutto
Con il livello di estasi che aumentava ad ogni miglio percorso, c'era un elemento specifico che si aggiungeva all'eccitazione della corsa.
Mentre sfrecciavamo lungo i binari aperti alle persone che portavano a spasso il loro cane o semplicemente godendoci la natura, è stato incredibile incontrare solo sorrisi amichevoli e pollici in su. Prova a percorrere quei percorsi su una normale bici da cross rumorosa. Sicuramente non farai molti amici lungo la strada.

Questa è stata un'esperienza totalmente opposta. L'assenza di motori rumorosi e di gas di scarico sgradevoli ha reso l'esperienza piacevole sia per i piloti che per i passanti.
Che bel modo per tutti noi di condividere la gioia e sentirci bene.

Dopo aver pulito le bici siamo tornati in città e sono risalito sulla mia Triumph Thruxton caféracer ancora fradicia fino all'osso e con l'acqua che schizzava fino alla caviglia negli stivali. Tuttavia è stato impossibile cancellare il sorriso dalla mia faccia durante tutti i 250 km di ritorno ad Amsterdam.

Ringraziamenti speciali a:
Motociclette Zero
Thierry Sarasyn per la sua pazienza e per avermi sopportato. Sei fantastico!
Fotografia: Thierry Sarasyn per Motorini
MKC Moto
Belstaff
Caschi Bell
BIHR
Richa
Stylmartin
100 Percentuale

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag

..E ora qualcosa di completamente diverso
Sì, lo sappiamo. questa non è una build personalizzata!
Tuttavia, andare in moto ci porta ogni tipo di esperienza. Allora perché non deviare dalle strade familiari e partire ogni tanto per una nuova avventura?


Zero effettivi
"Esperienza elettrica" ​​è il modo in cui Zero Motorcycles invita i motociclisti a fare un passaggio e provare le loro moto elettriche.
Avendo guidato un certo numero di loro macchine in condizioni stradali regolari, ero già al passo con i vantaggi dell'abbandono dei motori a combustione. Inutile dire che c'è ancora un certo margine di miglioramento, ma questo ha più a che fare con la capacità della batteria e le infrastrutture di ricarica (internazionali).

In media utilizzerai fino all'1% per chilometro fuoristrada. Una carica completa ti offrirà circa 100 km di beatitudine fangosa. Su asfalto puoi aggiungere altri 50 chilometri, ma su strade tortuose o in condizioni urbane. Le fiamme in autostrada scaricano la batteria molto più velocemente senza il vantaggio di rigenerarsi durante la frenata.

Dal punto di vista della guida pura, le motociclette elettriche hanno fatto molta strada negli ultimi anni e offrono (davvero) molta eccitazione pura fin dall'inizio. Avendo provato diverse motociclette Zero su asfalto, che è il loro habitat naturale, sono stato lieto di ricevere un invito dalla sede europea di Zero Motorcycles per un po' più di natura.
Ho dovuto percorrere 250 chilometri a sud, non lontano dal confine tra Belgio e Francia, dove Thierry Sarasyn, un esperto esperto di fuoristrada con molta esperienza nel motocross e nell'enduro, mi stava aspettando con due bici Zero FX in assetto fuoristrada.

Consulenza
Lo Zero FX è un mostro di coppia. Sembra leggero e coccoloso quando lo vedi, ma il suo potente motore brushless Z-Force ti sorprenderà. È integrato centralmente nel telaio ed è fornito di fabbrica con trasmissione a cinghia in fibra di carbonio collegata direttamente alla ruota posteriore. Il cuore della bestia è il motore elettrico Zero Z-Force. Fornirà più coppia rispetto alla maggior parte dei motori a combustione da 1.000 cc direttamente dalla linea di partenza. La decalcomania "7.2" (rimossa sulla moto nelle immagini) indica la forza di 7.42 kWh che è sempre con te. Il motore eroga ben 106 Nm di coppia da 0 giri/min. La Zero FX è molto simile al fratello FXS orientato alla strada e contiene la maggior parte delle caratteristiche/specifiche, ma è sicuramente nata da un pedigree più fangoso ed è la soluzione migliore quando si cerca una bici estremamente leggera per un serio percorso.

Per scopi fuoristrada una bici elettrica è molto attraente in quanto non richiede una manutenzione tecnica più complicata dopo un giro che semplicemente spruzzandola con acqua.

Per ottenere la massima felicità durante le avventure fuoristrada, Thierry aveva preparato le moto per adattarsi alla situazione. La trasmissione a cinghia è stata sostituita da una catena e ruote dentate. Cinture e fango non si amano esattamente. La corona ha una dimensione impressionante. Domina la ruota posteriore ed è una chiara indicazione che ci aspettavamo cose serie. Anche l'"abbraccio" che proteggeva la cintura è stato rimosso.

Sono state montate anche pedane fuoristrada adeguate e il manubrio è stato dotato di protezioni per le mani. La sospensione anteriore ha ricevuto tre clic in più per lo smorzamento della compressione e il precarico della molla è stato aumentato di due tacche. La sospensione anteriore USD (Showa) è completamente regolabile per adattarsi alle preferenze personali di qualsiasi pilota o al terreno da conquistare. Anche il precarico della sospensione posteriore è stato dotato di due tacche in più. La corsa della sospensione anteriore è di 218 mm, quella posteriore di 227 mm.

La gomma italiana (Pirelli Scorpion) è stata sostituita da pneumatici Bridgestone AX41. Questi offrono una presa sufficiente sullo sporco e sono piacevoli sulla superficie dura in condizioni stradali normali. Passare da una pista all'altra guidando sulla strada è stato un gioco da ragazzi e senza cumuli di fango che ti colpivano il viso quando seguivi il tuo vantaggio. Come ci si può aspettare, quest'ultimo set sarà più rumoroso sulla strada. Quindi, se finisci per guidare di più su una superficie dura, le Pirelli sono una scelta eccellente per la ruota anteriore da 21" e il cerchione posteriore da 18".
Se vai per avventure fuoristrada ancora più serie, prendi in considerazione la sostituzione del parafango anteriore con una versione decente in stile motocross. Per questo giorno è andato tutto bene comunque. Detto questo, alla fine del viaggio di tre ore la ruggine era stata spazzata via da un'ondata di testosteron e mi sono ritrovato a fare cose stupide simili alle mie buffonate da adolescente.

A completare la struttura high-tech della motocicletta Zero FX c'è un cruscotto LCD blu dal design minimalista. Il display mostra il tachimetro della bici, il livello della batteria, la potenza erogata e il tempo di ricarica previsto, nonché la temperatura e il profilo di marcia. Questo è tutto ciò di cui hai veramente bisogno.

È inoltre possibile collegare un telefono cellulare al cruscotto per configurare le prestazioni e il comportamento della moto tramite l'app mobile di Zero Motorcycles.

Si parte!
Circa vent'anni fa ho venduto la mia ultima bici da cross perché diventava sempre più difficile godersi la guida fuoristrada senza dover passare due ore in macchina per poterla guidare. Il nord-ovest dei Paesi Bassi non è esattamente densamente popolato con discrete piste sterrate.
Quindi salire a bordo della Zero FX con la prospettiva di un vero e proprio fuoristrada è stato per me un viaggio nella memoria. Mi ha riempito di eccitazione ma anche di qualche dubbio su quanto bene (o male) avrei fatto su due ruote nello sterrato. Tanto più che questa sarebbe la prima volta su una moto elettrica. Essendo il fuoristrada arrugginito che sono, le immagini non ti daranno la spruzzatura professionale di fango che normalmente vedresti nei rapporti di trovare questo essere il loro habitat naturale purtroppo. Ma poi di nuovo questo pezzo è più che altro per mostrare che questo tipo di guida è disponibile per tutti noi facilmente e solo per gli high-flyer sponsorizzati dalla Red Bull.

Dal momento in cui abbiamo lasciato l'asfalto e ci siamo diretti verso il primo stretto sentiero fangoso, un senso di euforia ha preso il sopravvento. Anche se mi ci è voluta circa un'ora per tornare all'arte di base di alzarmi in piedi e strozzare attraverso fango, sabbia e acqua, mi è piaciuta l'esperienza fin dall'inizio.
Un elemento importante per l'incontro positivo con la guida in mezzo alla natura è stato il fatto che non dovevo più concentrarmi sul cambio di marcia. Questo è uno dei grandi vantaggi dell'utilizzo dell'opzione elettrica per un'occasione del genere. Basta girare (attentamente) l'acceleratore e il gioco è fatto!

Ci sono stati due preziosi suggerimenti che Thierry ha condiviso con me quando siamo partiti; metti la moto in modalità 'Eco' piuttosto che 'Sport'. Questo ti darà una quantità sufficiente di potenza in qualsiasi momento e ti aiuterà a colpire involontariamente "alberi magnetici" lungo la pista se gli dai troppa potenza. Quindi renditi la vita facile con te stesso e inizia in questa modalità, quando sei abituato alla bici puoi fare un salto di qualità e goderti il ​​livello successivo.

Il secondo consiglio è stato quello di cambiare il sistema di frenata ABS. In fuoristrada questo non è il tipo di assistenza che stavi cercando. Chiudere la modalità è stato facile. Un semplice "esaurimento" nell'erba bagnata per alcuni secondi manderebbe via gli assistenti dell'ABS per una pausa.

Questa bici, orientata al "segmento dell'avventura", che è vagamente definito come focalizzato sul semi-fuoristrada, è un vero piacere. Ti darà gioia istantanea sulla maggior parte dei terreni. Principalmente, perché ti darà la massima coppia da fermo. Anche in modalità ECO può essere una seria manciata nello sporco. Ti ritroverai a girare quella ruota posteriore se apri semplicemente il "acceleratore" e vai avanti.

Sorrisi dappertutto
Con il livello di estasi che aumentava ad ogni miglio percorso, c'era un elemento specifico che si aggiungeva all'eccitazione della corsa.
Mentre sfrecciavamo lungo i binari aperti alle persone che portavano a spasso il loro cane o semplicemente godendoci la natura, è stato incredibile incontrare solo sorrisi amichevoli e pollici in su. Prova a percorrere quei percorsi su una normale bici da cross rumorosa. Sicuramente non farai molti amici lungo la strada.

Questa è stata un'esperienza totalmente opposta. L'assenza di motori rumorosi e di gas di scarico sgradevoli ha reso l'esperienza piacevole sia per i piloti che per i passanti.
Che bel modo per tutti noi di condividere la gioia e sentirci bene.

Dopo aver pulito le bici siamo tornati in città e sono risalito sulla mia Triumph Thruxton caféracer ancora fradicia fino all'osso e con l'acqua che schizzava fino alla caviglia negli stivali. Tuttavia è stato impossibile cancellare il sorriso dalla mia faccia durante tutti i 250 km di ritorno ad Amsterdam.

Ringraziamenti speciali a:
Motociclette Zero
Thierry Sarasyn per la sua pazienza e per avermi sopportato. Sei fantastico!
Fotografia: Thierry Sarasyn per Motorini
MKC Moto
Belstaff
Caschi Bell
BIHR
Richa
Stylmartin
100 Percentuale

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag