V gemello
Nel 1981 Yamaha introdusse le motociclette della gamma XV, tutte basate su un motore bicilindrico a V raffreddato ad aria. Il loro modello più notevole era l'incrociatore Virago; tuttavia, un po' più anonimo era il TR1. Venduti in varie forme di cilindrata, che vanno da 535 cc a 1100 cc, i modelli XV erano principalmente rivolti agli acquirenti statunitensi ed europei, in particolare quelli che non erano interessati alle quattro moto giapponesi "pane e burro" in linea a quella volta. Divenne presto chiaro che i bicilindrici a V Yamaha non potevano competere con le motociclette americane ed europee in termini di potenza (ahum, principalmente Harley-Davidson) o maneggevolezza (pensa, Ducati). Nonostante ciò, era ancora una moto a posto.

Culto-Classico
A causa della sua impopolarità all'epoca, il XV iniziò lentamente a crescere un seguito di culto. Essendo un perdente, le XV di seconda mano sono state in palio per i soldi della birra, e presto sono diventate la bici base scelta dal costruttore di custom; con il suo telaio stretto, il passo corto, il motore facile da lavorare e la qualità costruttiva giapponese. Nessuna sorpresa che noi di BikeBrewers avere presentava XV modificati più di una dozzina di volte!

Moto Jerem
Abbiamo visto cosa ha sede in Francia Jeremie Duchampt di Jerem Motorcycles è in grado di spegnersi in passato. Questa volta, ha fatto la sua magia sulla venerabile Yamaha XV 1000 TR-1. La bici che ha usato era un modello del 1982 dall'aspetto ordinato. Tutto stock e originale. Jeremie ha prima smontato l'intera motocicletta, sostituendo ogni singolo bullone e cuscinetto. Le prime modifiche sono state apportate al forcellone e al telaio ausiliario. Il forcellone è stato ripulito rimuovendo tutte le linguette non necessarie e il telaietto posteriore è stato sostituito con un'unità prodotta internamente. Successivamente, entrambe le parti hanno ricevuto una sabbiatura e una nuova mano di vernice nera lucida.

Cannibale
Al fronte le cose sono diventate un po' più serie. La parte anteriore della Yama è stata sostituita con una forcella e una ruota anteriore di una Kawasaki ZX6R Ninja. Lo stesso vale per i freni a pinza radiale Tokico. In combinazione con una pompa freno Brembo e tubi in treccia d'acciaio, danno alla vecchia TR-1 un incredibile potere di arresto. La visibilità è fornita dalle luci a LED nella parte anteriore e posteriore e dagli indicatori a LED tutt'intorno. Un tachimetro KOSO fornisce tutte le informazioni necessarie pur mantenendo un aspetto minimalista. La ruota posteriore è un'unità di una Suzuki SV 2006 del 650 e ora viene offerta la trazione da un ammortizzatore posteriore Sachs che è stato cannibalizzato da una MV Agusta.

Il motore ha ricevuto una ricostruzione ed è stato messo a punto su un banco prova da Thorn Bike, non che fosse necessario, ma più per la tranquillità. Anche i carburatori sono stati ricostruiti e ora sono accoppiati a un filtro dell'aria Harley-Davidson. Il pezzo de-resistenza deve essere il sistema di scarico. Costruito a mano nell'officina Jerem Motorcycles, sembra un'opera d'arte. Altro piacere per gli occhi deve essere il sedile fatto a mano. Realizzato da Point Sellier 34, veste la XV come un guanto.

Il digitale incontra l'analogico
Sebbene la costruzione sia stata mantenuta minimalista, ci sono un sacco di dettagli su questa bici. Il serbatoio del carburante originale è stato sostituito con un altro serbatoio Yamaha, uno di una XV750. È stato leggermente modificato per ospitare un sensore di carburante Motogadget. La vernice speciale con finitura glitterata Stardust e 12 strati di vernice trasparente è stata eseguita dai ragazzi di A2F. Sotto il serbatoio del carburante è alloggiata una leggera batteria al litio Solise, insieme all'unità M. La parte inferiore del serbatoio ha ricevuto la protezione KEVLAR.

Infine, qualche piccolo dettaglio in più che lascia un grande impatto. La moto ha il logo JM inciso su varie parti della moto, rendendo chiaro che Jeremie ha costruito questa. In questa café racer sono state impiegate circa 400 ore di lavoro, ma i risultati parlano da soli. Non abbiamo ricevuto alcuna specifica ufficiale, ma è sicuro dire che la maggior parte degli originali 70 CV e 80 Nm di coppia sono ora disponibili alla spina. In combinazione con la forte riduzione del peso... Se fossimo in Francia, faremmo sicuramente un salto a dare un'occhiata a questa costruzione. Nel frattempo, dovremo accontentarci delle foto che Jeremie ci ha inviato.

Dettagli del costruttore:
Moto Jerem
Instagram
Facebook

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

tag

V gemello
Nel 1981 Yamaha introdusse le motociclette della gamma XV, tutte basate su un motore bicilindrico a V raffreddato ad aria. Il loro modello più notevole era l'incrociatore Virago; tuttavia, un po' più anonimo era il TR1. Venduti in varie forme di cilindrata, che vanno da 535 cc a 1100 cc, i modelli XV erano principalmente rivolti agli acquirenti statunitensi ed europei, in particolare quelli che non erano interessati alle quattro moto giapponesi "pane e burro" in linea a quella volta. Divenne presto chiaro che i bicilindrici a V Yamaha non potevano competere con le motociclette americane ed europee in termini di potenza (ahum, principalmente Harley-Davidson) o maneggevolezza (pensa, Ducati). Nonostante ciò, era ancora una moto a posto.

Culto-Classico
A causa della sua impopolarità all'epoca, il XV iniziò lentamente a crescere un seguito di culto. Essendo un perdente, le XV di seconda mano sono state in palio per i soldi della birra, e presto sono diventate la bici base scelta dal costruttore di custom; con il suo telaio stretto, il passo corto, il motore facile da lavorare e la qualità costruttiva giapponese. Nessuna sorpresa che noi di BikeBrewers avere presentava XV modificati più di una dozzina di volte!

Moto Jerem
Abbiamo visto cosa ha sede in Francia Jeremie Duchampt di Jerem Motorcycles è in grado di spegnersi in passato. Questa volta, ha fatto la sua magia sulla venerabile Yamaha XV 1000 TR-1. La bici che ha usato era un modello del 1982 dall'aspetto ordinato. Tutto stock e originale. Jeremie ha prima smontato l'intera motocicletta, sostituendo ogni singolo bullone e cuscinetto. Le prime modifiche sono state apportate al forcellone e al telaio ausiliario. Il forcellone è stato ripulito rimuovendo tutte le linguette non necessarie e il telaietto posteriore è stato sostituito con un'unità prodotta internamente. Successivamente, entrambe le parti hanno ricevuto una sabbiatura e una nuova mano di vernice nera lucida.

Cannibale
Al fronte le cose sono diventate un po' più serie. La parte anteriore della Yama è stata sostituita con una forcella e una ruota anteriore di una Kawasaki ZX6R Ninja. Lo stesso vale per i freni a pinza radiale Tokico. In combinazione con una pompa freno Brembo e tubi in treccia d'acciaio, danno alla vecchia TR-1 un incredibile potere di arresto. La visibilità è fornita dalle luci a LED nella parte anteriore e posteriore e dagli indicatori a LED tutt'intorno. Un tachimetro KOSO fornisce tutte le informazioni necessarie pur mantenendo un aspetto minimalista. La ruota posteriore è un'unità di una Suzuki SV 2006 del 650 e ora viene offerta la trazione da un ammortizzatore posteriore Sachs che è stato cannibalizzato da una MV Agusta.

Il motore ha ricevuto una ricostruzione ed è stato messo a punto su un banco prova da Thorn Bike, non che fosse necessario, ma più per la tranquillità. Anche i carburatori sono stati ricostruiti e ora sono accoppiati a un filtro dell'aria Harley-Davidson. Il pezzo de-resistenza deve essere il sistema di scarico. Costruito a mano nell'officina Jerem Motorcycles, sembra un'opera d'arte. Altro piacere per gli occhi deve essere il sedile fatto a mano. Realizzato da Point Sellier 34, veste la XV come un guanto.

Il digitale incontra l'analogico
Sebbene la costruzione sia stata mantenuta minimalista, ci sono un sacco di dettagli su questa bici. Il serbatoio del carburante originale è stato sostituito con un altro serbatoio Yamaha, uno di una XV750. È stato leggermente modificato per ospitare un sensore di carburante Motogadget. La vernice speciale con finitura glitterata Stardust e 12 strati di vernice trasparente è stata eseguita dai ragazzi di A2F. Sotto il serbatoio del carburante è alloggiata una leggera batteria al litio Solise, insieme all'unità M. La parte inferiore del serbatoio ha ricevuto la protezione KEVLAR.

Infine, qualche piccolo dettaglio in più che lascia un grande impatto. La moto ha il logo JM inciso su varie parti della moto, rendendo chiaro che Jeremie ha costruito questa. In questa café racer sono state impiegate circa 400 ore di lavoro, ma i risultati parlano da soli. Non abbiamo ricevuto alcuna specifica ufficiale, ma è sicuro dire che la maggior parte degli originali 70 CV e 80 Nm di coppia sono ora disponibili alla spina. In combinazione con la forte riduzione del peso... Se fossimo in Francia, faremmo sicuramente un salto a dare un'occhiata a questa costruzione. Nel frattempo, dovremo accontentarci delle foto che Jeremie ci ha inviato.

Dettagli del costruttore:
Moto Jerem
Instagram
Facebook

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

tag