Lunga corsa
Alcune delle persone più felici del pianeta vivono e lavorano ad Hamamatsu, in Giappone. Yamaha ha introdotto l'XJR 1200 in Europa nel 1995 e ha continuato a vendere l'XJR in Europa fino al 2016, ma non senza alcune modifiche nel corso degli anni. In particolare, l'XJR ha una capacità polmonare di 100CC in più, vantando 100 CV sani e 108 Nm di coppia. Non male considerando che il motore è un'unità raffreddata ad aria / olio. Persino ingegnerizzato, alcuni potrebbero dire. In modo simile alla Moto Guzzi, la XJR ha iniziato a diventare davvero cool intorno al 2015, proprio verso la fine del suo ciclo di vita. Là dove Moto Guzzi ha deciso di andare a tutto gas con le sue moto retrò, Yamaha ha staccato la spina del modello XJR per fare spazio alle serie XSR e SCR Faster Sons. E ad essere onesti, l'XJR non sarebbe sopravvissuto alle sempre più severe normative sulle emissioni senza che fosse stato investito un serio investimento in ricerca e sviluppo. Il che mi riporta a quella prima frase. Una corsa di 21 anni è incredibile e un risultato straordinario. Il dipartimento R & D di Yamaha può essere orgoglioso di se stesso, perché riteniamo che l'XJR sia diventato un iconico motore.

scultura
Essere una moto iconica significa quasi automaticamente che da essa si trae ispirazione. E questa è esattamente la storia dietro la Sculpt Moto costruita da Sergey Smirnov XJR 1300, soprannominata Kintaro. Specializzato esclusivamente in Café Racers, l'artigiano lettone considera ciascuna delle sue costruzioni come una scultura, da cui il nome "Sculpt Moto". Ciò significa che in realtà non sono costruttori di biciclette ma artisti. Lo scaviamo. Allora, perché scegliere una XJR 1300? La risposta è semplice. L'XJR è un classico senza tempo che porta già alcune linee davvero belle. Inoltre, i proprietari di XJR di solito guidano le loro biciclette per molti anni. Questo la rende una moto popolare che soddisfa ancora le esigenze dei suoi proprietari.

Samurai!
La moto che vediamo qui oggi è una versione full fat della Yamaha XJR 2001SP del 1300, proveniente dalla Germania. I modelli SP sono dotati di sospensione Ohlins di serie. Essendo una motocicletta giapponese, l'ispirazione per questa build è stata presa dal leggendario samurai Kintaro. Questa Yamaha rappresenta l'incarnazione dell'antica leggenda del samurai Kintarō e il potere della misteriosa maschera Hannya, considerata un forte amuleto per i samurai.

revisione
Molto lavoro è stato fatto in questa build. L'elenco delle modifiche è ampio, dato il gran numero di dettagli che sono stati inseriti in questo progetto. Il processo è iniziato con lo smontaggio completo della bici del donatore. Il telaio ausiliario è stato modificato e il telaio è stato verniciato a polvere, così come il forcellone e le forcelle. Le forcelle sono state aggiornate con nuove molle Wirth, paraoli, cuscinetti sostituiti e olio. Il motore è stato ricostruito e riverniciato ei carburatori sono stati aggiornati con un kit DynoJet Stage-3.

Ma c'è di più:

  • Parti metalliche cromate
  • Coprisedile staccabile con sedile in pelle nera fatto a mano - "Fish Scales"
  • Esclusiva vernice personalizzata in scaglie di metallo Candy-Tangerine-sandpearl
  • Ruote a raggi KINEO
  • Set clip-on ABM regolabile
  • Specchi Rizoma
  • Contachilometri / contagiri AceWell con staffa personalizzata
  • Faro LED 7 ”con staffe faro CNC
  • Supporto targa
  • Ghette forcella
  • Griglia del radiatore su misura
  • Coperture laterali in metallo su misura
  • Filtri aria K&N
  • Poggiapiedi regolabile LSL
  • Silenziatori Dina cromati, nuove guarnizioni di scarico
  • Tubi di collegamento su misura e staffe di scarico su misura
  • Cupolino anteriore e piastre laterali "87" in alluminio realizzate a mano in stile Club

Il risultato del lavoro di Sculpt Moto parla da solo. La combinazione dell'aerografo e dei colori conferisce a questa XJR 1300 un aspetto molto elegante. Non solo, ma la qualità di questa costruzione si avvicina alla finitura di fabbrica, dando alla XJR una nuova prospettiva di vita. La domanda che ci poniamo sempre è: come va? A quanto pare, va come una potente macchina sportiva. Sergey Smirnov, vi salutiamo signore!

Dettagli del costruttore:
Scolpisci Moto
Sito web
Instagram
Facebook

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag

Lunga corsa
Alcune delle persone più felici del pianeta vivono e lavorano ad Hamamatsu, in Giappone. Yamaha ha introdotto l'XJR 1200 in Europa nel 1995 e ha continuato a vendere l'XJR in Europa fino al 2016, ma non senza alcune modifiche nel corso degli anni. In particolare, l'XJR ha una capacità polmonare di 100CC in più, vantando 100 CV sani e 108 Nm di coppia. Non male considerando che il motore è un'unità raffreddata ad aria / olio. Persino ingegnerizzato, alcuni potrebbero dire. In modo simile alla Moto Guzzi, la XJR ha iniziato a diventare davvero cool intorno al 2015, proprio verso la fine del suo ciclo di vita. Là dove Moto Guzzi ha deciso di andare a tutto gas con le sue moto retrò, Yamaha ha staccato la spina del modello XJR per fare spazio alle serie XSR e SCR Faster Sons. E ad essere onesti, l'XJR non sarebbe sopravvissuto alle sempre più severe normative sulle emissioni senza che fosse stato investito un serio investimento in ricerca e sviluppo. Il che mi riporta a quella prima frase. Una corsa di 21 anni è incredibile e un risultato straordinario. Il dipartimento R & D di Yamaha può essere orgoglioso di se stesso, perché riteniamo che l'XJR sia diventato un iconico motore.

scultura
Essere una moto iconica significa quasi automaticamente che da essa si trae ispirazione. E questa è esattamente la storia dietro la Sculpt Moto costruita da Sergey Smirnov XJR 1300, soprannominata Kintaro. Specializzato esclusivamente in Café Racers, l'artigiano lettone considera ciascuna delle sue costruzioni come una scultura, da cui il nome "Sculpt Moto". Ciò significa che in realtà non sono costruttori di biciclette ma artisti. Lo scaviamo. Allora, perché scegliere una XJR 1300? La risposta è semplice. L'XJR è un classico senza tempo che porta già alcune linee davvero belle. Inoltre, i proprietari di XJR di solito guidano le loro biciclette per molti anni. Questo la rende una moto popolare che soddisfa ancora le esigenze dei suoi proprietari.

Samurai!
La moto che vediamo qui oggi è una versione full fat della Yamaha XJR 2001SP del 1300, proveniente dalla Germania. I modelli SP sono dotati di sospensione Ohlins di serie. Essendo una motocicletta giapponese, l'ispirazione per questa build è stata presa dal leggendario samurai Kintaro. Questa Yamaha rappresenta l'incarnazione dell'antica leggenda del samurai Kintarō e il potere della misteriosa maschera Hannya, considerata un forte amuleto per i samurai.

revisione
Molto lavoro è stato fatto in questa build. L'elenco delle modifiche è ampio, dato il gran numero di dettagli che sono stati inseriti in questo progetto. Il processo è iniziato con lo smontaggio completo della bici del donatore. Il telaio ausiliario è stato modificato e il telaio è stato verniciato a polvere, così come il forcellone e le forcelle. Le forcelle sono state aggiornate con nuove molle Wirth, paraoli, cuscinetti sostituiti e olio. Il motore è stato ricostruito e riverniciato ei carburatori sono stati aggiornati con un kit DynoJet Stage-3.

Ma c'è di più:

  • Parti metalliche cromate
  • Coprisedile staccabile con sedile in pelle nera fatto a mano - "Fish Scales"
  • Esclusiva vernice personalizzata in scaglie di metallo Candy-Tangerine-sandpearl
  • Ruote a raggi KINEO
  • Set clip-on ABM regolabile
  • Specchi Rizoma
  • Contachilometri / contagiri AceWell con staffa personalizzata
  • Faro LED 7 ”con staffe faro CNC
  • Supporto targa
  • Ghette forcella
  • Griglia del radiatore su misura
  • Coperture laterali in metallo su misura
  • Filtri aria K&N
  • Poggiapiedi regolabile LSL
  • Silenziatori Dina cromati, nuove guarnizioni di scarico
  • Tubi di collegamento su misura e staffe di scarico su misura
  • Cupolino anteriore e piastre laterali "87" in alluminio realizzate a mano in stile Club

Il risultato del lavoro di Sculpt Moto parla da solo. La combinazione dell'aerografo e dei colori conferisce a questa XJR 1300 un aspetto molto elegante. Non solo, ma la qualità di questa costruzione si avvicina alla finitura di fabbrica, dando alla XJR una nuova prospettiva di vita. La domanda che ci poniamo sempre è: come va? A quanto pare, va come una potente macchina sportiva. Sergey Smirnov, vi salutiamo signore!

Dettagli del costruttore:
Scolpisci Moto
Sito web
Instagram
Facebook

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag