Signori, possiamo avere i vostri voti per favore?
In 2021 l' BikeBrewers la squadra è stata invitata dal Café Racer Club Bulgaria a fungere da giudice per la 2a edizione del Caféracerfest a Kyustendil, in Bulgaria. Non sapevamo cosa aspettarci, dal momento che questa era la prima volta che ci veniva chiesto di svolgere questo serio dovere e tutto ciò che avevamo visto finora erano le (belle) foto del prima edizione. Ora, potremmo non sapere molto dell'Eurovision Song Contest, tuttavia, sappiamo una o due cose sui caféracer, quindi abbiamo afferrato la nostra attrezzatura da motocicletta e ci siamo diretti verso est.

[su_youtube url=”https://youtu.be/HGsCVV4aKvc” width=”800″ title=”Caferacerfest Bulgaria – l’edizione 2021”]

Ritorno al passato 2021
Come ricorderete, siamo rimasti sbalorditi dalla qualità dell'evento, che abbiamo chiaramente comunicato nel ns Rapporto del 24 settembre. Un fattore importante nel successo delle prime due edizioni è l'impavido organizzatore dell'evento, Ivan Mushev. Quel nome può suonare un campanello, e dovrebbe; abbiamo presentato alcuni di Ivan capolavori sotto il nome del suo vestito Toro Moto personalizzato. Ma non è quello che siamo qui per ora.

Dobbiamo aver fatto qualcosa di giusto perché siamo stati invitati a giudicare di nuovo all'edizione 2022 del Caféracerfest che si terrà l'11 giugno, e non potremmo essere più entusiasti! Guardare indietro all'evento dell'anno scorso ha sollevato la domanda se i contendenti di quest'anno abbiano idea dell'alto livello dei partecipanti dell'anno scorso? Se andiamo da quello che abbiamo visto l'anno scorso, abbiamo delle aspettative piuttosto alte.

…e il vincitore è..!
Questa storia riguarda Borislav Aleksov e il suo sogno di costruire l'ultima Café Racer. Prima che il costruttore bulgaro mettesse le mani su questa Yamaha XV1992 del 1100, aveva già costruito una café racer Honda CX500. Borislav era affascinato dal bicilindrico a V Yamaha raffreddato ad aria, quindi quando uno dei suoi amici vendeva il suo, Borislav sapeva che era ora o mai più. Siamo felici che abbia colto l'occasione.

È sicuro dire che non abbiamo ancora visto un noioso caféracer Yamaha XV qui a BikeBrewers. Questa sembra essere l'ultima aggiunta a quella lista, mantenendo lo standard ancora una volta molto alto. Difficile immaginare che Borislav avesse un budget di soli 7500 euro; quel tipo di denaro che ti aspetteresti da una bici costruita in un capannone, sicuramente non un'unità vincente come questa.

Torce spente
Borislav ha iniziato tagliando il telaio ausiliario posteriore e costruendone uno nuovo da zero. All'anteriore è stata adottata una serie di forcelle Suzuki GSX-R1000, tenute saldamente in posizione da una serie di piastre triple Aprilia RSV4. Le forcelle consentono di montare le pinze dei freni radiali, che è esattamente ciò che ha fatto il maestro artigiano, per gentile concessione di Tokico. Al posteriore, un monoammortizzatore Yamaha FZ6 mantiene la moto in pista. I nuovi fork hanno portato un nuovo dilemma; l'altezza da terra era ora compromessa. La soluzione: alzare il motore nel telaio. Non è un compito facile, quindi sono state spese innumerevoli ore cercando di farlo bene.

Il motore non è rientrato nel telaio prima di essere stato completamente revisionato e coperto con una nuova mano di vernice. I carboidrati sono stati puliti e ricostruiti, in modo che si prendesse cura del lato di aspirazione delle cose. Sul lato dello scarico, è stato costruito da zero un nuovo sistema di scarico su misura. Ci sono piaciute molto le linee e gli angoli dell'impianto di scarico, ed è una delle caratteristiche chiave che ci ha attratto di questa moto il giorno dell'evento. Quando abbiamo chiesto a Borislav quali fossero le sue intenzioni quando ha costruito questa bici, ha detto che, all'inizio voleva costruire una café racer dall'aspetto classico, ma che ha cambiato idea a metà del progetto dopo essere stato ispirato da alcune build che ha visto su Facebook.

Ruote
Un amico di Borislav si è occupato di allacciare i mozzi a un nuovo set di cerchi in alluminio, anch'essi neri. Sì, il nero è il tema di questa build e ci piace! Sai cos'è anche nero? Il serbatoio del carburante Benelli modificato, l'epitome dei serbatoi del carburante delle café racer. Tutto è stato dipinto internamente dallo stesso Borislav. Una sella in pelle personalizzata mantiene il pilota saldamente in posizione e una Daytona Velona 80 fornisce tutte le informazioni necessarie sul pilota pur mantenendo un look contemporaneo.

È chiaro il motivo per cui questo particolare café racer ha vinto il 1° premio durante il Caferacerfest 2021.
Questo è ciò che Borislav ha detto sulla sua build:
“Mi piace la livrea e il profilo generale della moto che è l'esatto opposto di un chopper. L'esperienza di guida è inspiegabile dopo 3 anni di lavoro su questo progetto per poterlo finalmente guidare è un sogno diventato realtà. Grazie anche per il Elmo Felice che ho ricevuto in premio. Migliora davvero l'aspetto della vettura” sorride.

Vita precedente
Di seguito sono riportati alcuni scatti della bici prima che Borislave aprisse la sua cassetta degli attrezzi e la costruzione in corso.

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

tag

Signori, possiamo avere i vostri voti per favore?
In 2021 l' BikeBrewers la squadra è stata invitata dal Café Racer Club Bulgaria a fungere da giudice per la 2a edizione del Caféracerfest a Kyustendil, in Bulgaria. Non sapevamo cosa aspettarci, dal momento che questa era la prima volta che ci veniva chiesto di svolgere questo serio dovere e tutto ciò che avevamo visto finora erano le (belle) foto del prima edizione. Ora, potremmo non sapere molto dell'Eurovision Song Contest, tuttavia, sappiamo una o due cose sui caféracer, quindi abbiamo afferrato la nostra attrezzatura da motocicletta e ci siamo diretti verso est.

[su_youtube url=”https://youtu.be/HGsCVV4aKvc” width=”800″ title=”Caferacerfest Bulgaria – l’edizione 2021”]

Ritorno al passato 2021
Come ricorderete, siamo rimasti sbalorditi dalla qualità dell'evento, che abbiamo chiaramente comunicato nel ns Rapporto del 24 settembre. Un fattore importante nel successo delle prime due edizioni è l'impavido organizzatore dell'evento, Ivan Mushev. Quel nome può suonare un campanello, e dovrebbe; abbiamo presentato alcuni di Ivan capolavori sotto il nome del suo vestito Toro Moto personalizzato. Ma non è quello che siamo qui per ora.

Dobbiamo aver fatto qualcosa di giusto perché siamo stati invitati a giudicare di nuovo all'edizione 2022 del Caféracerfest che si terrà l'11 giugno, e non potremmo essere più entusiasti! Guardare indietro all'evento dell'anno scorso ha sollevato la domanda se i contendenti di quest'anno abbiano idea dell'alto livello dei partecipanti dell'anno scorso? Se andiamo da quello che abbiamo visto l'anno scorso, abbiamo delle aspettative piuttosto alte.

…e il vincitore è..!
Questa storia riguarda Borislav Aleksov e il suo sogno di costruire l'ultima Café Racer. Prima che il costruttore bulgaro mettesse le mani su questa Yamaha XV1992 del 1100, aveva già costruito una café racer Honda CX500. Borislav era affascinato dal bicilindrico a V Yamaha raffreddato ad aria, quindi quando uno dei suoi amici vendeva il suo, Borislav sapeva che era ora o mai più. Siamo felici che abbia colto l'occasione.

È sicuro dire che non abbiamo ancora visto un noioso caféracer Yamaha XV qui a BikeBrewers. Questa sembra essere l'ultima aggiunta a quella lista, mantenendo lo standard ancora una volta molto alto. Difficile immaginare che Borislav avesse un budget di soli 7500 euro; quel tipo di denaro che ti aspetteresti da una bici costruita in un capannone, sicuramente non un'unità vincente come questa.

Torce spente
Borislav ha iniziato tagliando il telaio ausiliario posteriore e costruendone uno nuovo da zero. All'anteriore è stata adottata una serie di forcelle Suzuki GSX-R1000, tenute saldamente in posizione da una serie di piastre triple Aprilia RSV4. Le forcelle consentono di montare le pinze dei freni radiali, che è esattamente ciò che ha fatto il maestro artigiano, per gentile concessione di Tokico. Al posteriore, un monoammortizzatore Yamaha FZ6 mantiene la moto in pista. I nuovi fork hanno portato un nuovo dilemma; l'altezza da terra era ora compromessa. La soluzione: alzare il motore nel telaio. Non è un compito facile, quindi sono state spese innumerevoli ore cercando di farlo bene.

Il motore non è rientrato nel telaio prima di essere stato completamente revisionato e coperto con una nuova mano di vernice. I carboidrati sono stati puliti e ricostruiti, in modo che si prendesse cura del lato di aspirazione delle cose. Sul lato dello scarico, è stato costruito da zero un nuovo sistema di scarico su misura. Ci sono piaciute molto le linee e gli angoli dell'impianto di scarico, ed è una delle caratteristiche chiave che ci ha attratto di questa moto il giorno dell'evento. Quando abbiamo chiesto a Borislav quali fossero le sue intenzioni quando ha costruito questa bici, ha detto che, all'inizio voleva costruire una café racer dall'aspetto classico, ma che ha cambiato idea a metà del progetto dopo essere stato ispirato da alcune build che ha visto su Facebook.

Ruote
Un amico di Borislav si è occupato di allacciare i mozzi a un nuovo set di cerchi in alluminio, anch'essi neri. Sì, il nero è il tema di questa build e ci piace! Sai cos'è anche nero? Il serbatoio del carburante Benelli modificato, l'epitome dei serbatoi del carburante delle café racer. Tutto è stato dipinto internamente dallo stesso Borislav. Una sella in pelle personalizzata mantiene il pilota saldamente in posizione e una Daytona Velona 80 fornisce tutte le informazioni necessarie sul pilota pur mantenendo un look contemporaneo.

È chiaro il motivo per cui questo particolare café racer ha vinto il 1° premio durante il Caferacerfest 2021.
Questo è ciò che Borislav ha detto sulla sua build:
“Mi piace la livrea e il profilo generale della moto che è l'esatto opposto di un chopper. L'esperienza di guida è inspiegabile dopo 3 anni di lavoro su questo progetto per poterlo finalmente guidare è un sogno diventato realtà. Grazie anche per il Elmo Felice che ho ricevuto in premio. Migliora davvero l'aspetto della vettura” sorride.

Vita precedente
Di seguito sono riportati alcuni scatti della bici prima che Borislave aprisse la sua cassetta degli attrezzi e la costruzione in corso.

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

tag