Introduzione
Con questo primo post vi presentiamo il nostro nuovo corrispondente dalla West Coast.
Sì, è un altro olandese che ha deciso di esplorare il mondo oltre le dighe che circondano i Paesi Bassi. Poco fa abbiamo presentato a Daan Staffhorst, che risiede sulla costa orientale, un primo rapporto sul suo Avventura in Alaska.

Morso dalla cimice della motocicletta in Asia, il nostro nuovo reporter Koen Theeuwes è diventato irrequieto, ha interrotto la sua carriera e si è trasferito negli Stati Uniti.
Attualmente residente in California, ha in programma di dirigersi a sud seguendo la Pan American Highway.
Lasciamo a lui presentare se stesso e le sue motivazioni per il suo viaggio.
Team editoriale.

A proposito di Koen Theeuwes
Vorrei iniziare con una breve introduzione su di me, prima di arrivare agli argomenti importanti.
Mi chiamo Koen, un tipico nome olandese (credo che i miei genitori non abbiano mai voluto che andassi all'estero) ma, poiché significa "coraggioso", è un nome che indosso con orgoglio. Sono nato e cresciuto nei Paesi Bassi. Ho studiato Economia e Finanza, che ancora amo, ma circa 10 anni fa ho scoperto il mio più grande interesse: le persone e le loro diverse culture.

Solo una cosa ti permette di vivere al meglio le persone e le loro culture; in viaggio. Quindi questo è quello che ho deciso di fare. Ora potresti pensare a te stesso: "Sono su un dannato blog di motociclisti, cosa m'importa di questo ragazzo che ama le persone, voglio l'odore della benzina e dei motori ruggenti". Bel pensiero, tienilo, ci arriviamo in un secondo.

Come è nato questo sogno?
Durante i miei studi a Rotterdam, ho fatto uno scambio a Istanbul e uno stage in Nigeria.
Ciò ha alimentato ancora di più la mia "voglia di viaggiare" (termine terribile, sono d'accordo). Quindi prima di iniziare a lavorare nel settore della Consulenza, ho viaggiato per 6 mesi nel sud-est asiatico e ho vissuto la vita. È qui che è iniziato il mio amore per le due ruote. Dopo aver noleggiato tutte le moto in Thailandia, Malesia, Filippine, Myanmar e Indonesia sono arrivato in Vietnam.

Le mie bici asiatiche
Per $ 250 ho comprato una versione cinese di una Honda Win. Ben 110 cc di pura potenza e bellezza (..). Chi ha bisogno di licenza, assicurazione o lezioni? Non me!

L'ho guidato da Ho Chi Minh lungo il delta del Mekong e sono tornato fino ad Hanoi. Dopo questi 4000 km / 2500 miglia mi sono appassionato.
La moto sarebbe diventata il mio mezzo di trasporto per esplorare il mondo.

Ritorno in Olanda
Col senno di poi, cavalcare il Vietnam senza alcuna preparazione ovviamente è stato piuttosto irresponsabile (scusa mamma, di questo ne parleremo dopo). Quindi, tornando a casa, sono tornato in me e ho deciso di prendere effettivamente una licenza. Ovviamente ho anche una bici. Il mio secondo amore è stata una Kawasaki CSR 305 personalizzata. Non era veloce, ma sembrava incredibile e suonava ancora meglio.

Mentre guidavo in Vietnam, mi sono ripromesso di fare un grande viaggio in moto, prima di compiere 30 anni. Quando ho saputo della Panamericana ho capito subito che sarebbe stato il prossimo.

Trovare il momento giusto
Ma come con la maggior parte dei sogni, la vita normale si è in qualche modo intralciata. La mia carriera procedeva bene e mi piaceva molto quello che facevo (dopo Consulting ho lavorato per Kraft Heinz, a chi non piace vendere ketchup?). Tuttavia, il prurito per un viaggio avventuroso continuava a crescere.
Ma quando è il momento giusto? Una cosa ho imparato: non c'è mai un buon momento. Devi solo provarci. Fortunatamente sono riuscito a trovare uno slot meno "cattivo" di altri. La pianificazione vera e propria è iniziata a febbraio (2021), ho informato il mio datore di lavoro ad aprile che avevo bisogno di un anno di ferie e ho deciso di partire a settembre.

finalmente stavo per farlo! Forse non finire prima di compiere 30 anni, ma iniziarlo, di sicuro!

Preparativi
Nella vita quotidiana sono molto organizzata, ma quando viaggio mi piace andare il più possibile senza un piano.
C'erano alcune cose che richiedevano la mia attenzione:
1. COVID – dovevo aspettare le vaccinazioni, da qui la mia data di congedo a settembre. Altrimenti avrei iniziato in Alaska a luglio
2. Percorso – Volevo assicurarmi che fosse effettivamente possibile guidare la mia bici fino in fondo. Si scopre che non lo è. Ma ci sono soluzioni
3. Moto: potevo guidare legalmente una moto in tutti i paesi sul mio percorso? Con un veicolo americano, sì. Qualsiasi veicolo latino / sudamericano probabilmente avrebbe sollevato domande ai funzionari di frontiera a un certo punto. Questo concludeva così anche il mio paese di partenza
4. Punto di partenza – Ho un buon amico a Vancouver (stato di Washington, appena a nord di Portland) che va anche in bicicletta. Ho pensato che sarebbe stato utile iniziare da qualche parte in cui avevo una "guida"
5. Altre "banalità" - assicurazioni, vaccinazioni, bagagli, visti, altri documenti, ecc. Non entrerò nei dettagli noiosi qui, ma per qualsiasi domanda trova i miei dettagli di contatto di seguito.

Nel mio prossimo blog scriverò del mio arrivo negli Stati Uniti e di tutti i cerchi che ho dovuto superare per iniziare davvero a correre. Anteprima in anteprima: è stato un successo, guarda il mio mostro qui sotto. Rimani sintonizzato!

Contatti
A grande richiesta.. :-) ..ho iniziato ad usare Instagram.
Non esitate a seguirci @koentheeuwes
Se hai domande più specifiche, puoi contattarci via e-mail: koen.theeuwes@gmail.com. (Felice di rispondere o aiutare!)

By Pubblicato il: 9 gennaio 2022Categorie: Articoli, Malizia in moto, Stile di vita Petrolhead1 Commenti in viaggio panamericanoTag: , , 5 min lettoVisualizzazioni: 695

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Un commento

  1. Moe Febbraio 16, 2022 a 7: 37 pm - Rispondi

    Mi chiedevo solo la tua posizione attuale e come stanno andando i valichi di frontiera; Partirò dall'Ontario sudoccidentale a metà ottobre 2022, spero di essere a Bogotà entro metà dicembre.

Lascia un commento

tag

Introduzione
Con questo primo post vi presentiamo il nostro nuovo corrispondente dalla West Coast.
Sì, è un altro olandese che ha deciso di esplorare il mondo oltre le dighe che circondano i Paesi Bassi. Poco fa abbiamo presentato a Daan Staffhorst, che risiede sulla costa orientale, un primo rapporto sul suo Avventura in Alaska.

Morso dalla cimice della motocicletta in Asia, il nostro nuovo reporter Koen Theeuwes è diventato irrequieto, ha interrotto la sua carriera e si è trasferito negli Stati Uniti.
Attualmente residente in California, ha in programma di dirigersi a sud seguendo la Pan American Highway.
Lasciamo a lui presentare se stesso e le sue motivazioni per il suo viaggio.
Team editoriale.

A proposito di Koen Theeuwes
Vorrei iniziare con una breve introduzione su di me, prima di arrivare agli argomenti importanti.
Mi chiamo Koen, un tipico nome olandese (credo che i miei genitori non abbiano mai voluto che andassi all'estero) ma, poiché significa "coraggioso", è un nome che indosso con orgoglio. Sono nato e cresciuto nei Paesi Bassi. Ho studiato Economia e Finanza, che ancora amo, ma circa 10 anni fa ho scoperto il mio più grande interesse: le persone e le loro diverse culture.

Solo una cosa ti permette di vivere al meglio le persone e le loro culture; in viaggio. Quindi questo è quello che ho deciso di fare. Ora potresti pensare a te stesso: "Sono su un dannato blog di motociclisti, cosa m'importa di questo ragazzo che ama le persone, voglio l'odore della benzina e dei motori ruggenti". Bel pensiero, tienilo, ci arriviamo in un secondo.

Come è nato questo sogno?
Durante i miei studi a Rotterdam, ho fatto uno scambio a Istanbul e uno stage in Nigeria.
Ciò ha alimentato ancora di più la mia "voglia di viaggiare" (termine terribile, sono d'accordo). Quindi prima di iniziare a lavorare nel settore della Consulenza, ho viaggiato per 6 mesi nel sud-est asiatico e ho vissuto la vita. È qui che è iniziato il mio amore per le due ruote. Dopo aver noleggiato tutte le moto in Thailandia, Malesia, Filippine, Myanmar e Indonesia sono arrivato in Vietnam.

Le mie bici asiatiche
Per $ 250 ho comprato una versione cinese di una Honda Win. Ben 110 cc di pura potenza e bellezza (..). Chi ha bisogno di licenza, assicurazione o lezioni? Non me!

L'ho guidato da Ho Chi Minh lungo il delta del Mekong e sono tornato fino ad Hanoi. Dopo questi 4000 km / 2500 miglia mi sono appassionato.
La moto sarebbe diventata il mio mezzo di trasporto per esplorare il mondo.

Ritorno in Olanda
Col senno di poi, cavalcare il Vietnam senza alcuna preparazione ovviamente è stato piuttosto irresponsabile (scusa mamma, di questo ne parleremo dopo). Quindi, tornando a casa, sono tornato in me e ho deciso di prendere effettivamente una licenza. Ovviamente ho anche una bici. Il mio secondo amore è stata una Kawasaki CSR 305 personalizzata. Non era veloce, ma sembrava incredibile e suonava ancora meglio.

Mentre guidavo in Vietnam, mi sono ripromesso di fare un grande viaggio in moto, prima di compiere 30 anni. Quando ho saputo della Panamericana ho capito subito che sarebbe stato il prossimo.

Trovare il momento giusto
Ma come con la maggior parte dei sogni, la vita normale si è in qualche modo intralciata. La mia carriera procedeva bene e mi piaceva molto quello che facevo (dopo Consulting ho lavorato per Kraft Heinz, a chi non piace vendere ketchup?). Tuttavia, il prurito per un viaggio avventuroso continuava a crescere.
Ma quando è il momento giusto? Una cosa ho imparato: non c'è mai un buon momento. Devi solo provarci. Fortunatamente sono riuscito a trovare uno slot meno "cattivo" di altri. La pianificazione vera e propria è iniziata a febbraio (2021), ho informato il mio datore di lavoro ad aprile che avevo bisogno di un anno di ferie e ho deciso di partire a settembre.

finalmente stavo per farlo! Forse non finire prima di compiere 30 anni, ma iniziarlo, di sicuro!

Preparativi
Nella vita quotidiana sono molto organizzata, ma quando viaggio mi piace andare il più possibile senza un piano.
C'erano alcune cose che richiedevano la mia attenzione:
1. COVID – dovevo aspettare le vaccinazioni, da qui la mia data di congedo a settembre. Altrimenti avrei iniziato in Alaska a luglio
2. Percorso – Volevo assicurarmi che fosse effettivamente possibile guidare la mia bici fino in fondo. Si scopre che non lo è. Ma ci sono soluzioni
3. Moto: potevo guidare legalmente una moto in tutti i paesi sul mio percorso? Con un veicolo americano, sì. Qualsiasi veicolo latino / sudamericano probabilmente avrebbe sollevato domande ai funzionari di frontiera a un certo punto. Questo concludeva così anche il mio paese di partenza
4. Punto di partenza – Ho un buon amico a Vancouver (stato di Washington, appena a nord di Portland) che va anche in bicicletta. Ho pensato che sarebbe stato utile iniziare da qualche parte in cui avevo una "guida"
5. Altre "banalità" - assicurazioni, vaccinazioni, bagagli, visti, altri documenti, ecc. Non entrerò nei dettagli noiosi qui, ma per qualsiasi domanda trova i miei dettagli di contatto di seguito.

Nel mio prossimo blog scriverò del mio arrivo negli Stati Uniti e di tutti i cerchi che ho dovuto superare per iniziare davvero a correre. Anteprima in anteprima: è stato un successo, guarda il mio mostro qui sotto. Rimani sintonizzato!

Contatti
A grande richiesta.. :-) ..ho iniziato ad usare Instagram.
Non esitate a seguirci @koentheeuwes
Se hai domande più specifiche, puoi contattarci via e-mail: koen.theeuwes@gmail.com. (Felice di rispondere o aiutare!)

By Pubblicato il: 9 gennaio 2022Categorie: Articoli, Malizia in moto, Stile di vita Petrolhead1 Commenti in viaggio panamericanoTag: , , 5 min lettoVisualizzazioni: 695

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Un commento

  1. Moe Febbraio 16, 2022 a 7: 37 pm - Rispondi

    Mi chiedevo solo la tua posizione attuale e come stanno andando i valichi di frontiera; Partirò dall'Ontario sudoccidentale a metà ottobre 2022, spero di essere a Bogotà entro metà dicembre.

Lascia un commento

tag