C'era una volta…
…c'erano due ragazzi di Rotterdam che erano appassionati di dirt race.
Sfortunatamente, se vuoi provare una buona guida fuoristrada, non ci sono molti posti nei Paesi Bassi dove puoi semplicemente salire su una bicicletta e colpire liberamente la ghiaia o le dune di sabbia adeguate. La maggior parte di questo paese sotto il livello del mare è recintata in modo sicuro e quando decidi di non preoccuparti del filo spinato e di farti strada attraverso piccole strade di campagna, è probabile che troverai un funzionario locale arrabbiato sulla tua strada.

Tempo per un po' di divertimento
Quindi, per divertirsi un po', i ragazzi si sono voltati a sud e si sono ritrovati a guidare il carburante alimentato Scampa l'Africa nel 2017. Dopo aver cancellato questo evento dalla loro lista dei desideri, hanno deciso che era ora di creare una versione mini di questo, più vicino a casa e condividerlo con altri che potrebbero non avere mai la possibilità di attraversare il Mediterraneo per cavalcare il deserto.

Immagina di creare un evento off road con molti partecipanti su moto rumorose e puzzolenti, vestiti con gli abiti più stupidi che puoi immaginare su moto che sono il più delle volte assolutamente inadatte al terreno che stanno scavando. Tutto questo nel paese che abbiamo descritto all'inizio di questa storia e con un sacco di visitatori entusiasti che arrivano su motociclette personalizzate vintage o in stile retrò per tifare i pazzi fangosi (e le donne!).

Impertinenti di città
Aggiungete a ciò l'idea di organizzare questo alla periferia della seconda città più grande del paese, e vi ritroverete in lunghi incontri con i funzionari della città e il governo locale, scuotendo costantemente la testa increduli dei vostri audaci piani.

Non così a Rotterdam! Con il prezioso aiuto di un poliziotto locale che sa come muoversi in municipio ed è un grande appassionato di moto, Gideon Schipaanboard e il suo amico Joey Delwell è riuscito a ottenere un permesso per organizzare il primo Rotterdam Dirt Ride nel settembre 2018.

Essendo già di per sé una grande impresa, si sono trovati a grattarsi la testa mentre guardavano i giornali che permettevano loro di andare a creare una data unica nel calendario motociclistico internazionale. Avere una grande idea sulla carta è una cosa, realizzarla in realtà è un'altra.

Gideon è un esperto di marketing che lavora per i principali marchi di motociclette e aziende associate e Joey ha un background professionale nella logistica. Entrambi hanno una vasta rete all'interno della comunità motociclistica e molti dei loro contatti sono buoni amici. È con l'aiuto di questa rete che sono riusciti a strozzare la linea di partenza e costruire un evento che offre tonnellate di divertimento per tutti coloro che vengono a godersi un po' di sporco.

La scala del fattore divertimento
Il "fattore divertimento" è ciò per cui lo fanno tutti. Sicuramente non per i soldi, poiché la maggior parte di questo è reso possibile con il gentile aiuto degli sponsor e la vendita dei biglietti a un prezzo amichevole. Ottenere il permesso di organizzare un evento come questo potrebbe essere stata una vittoria importante e inaspettata, ma l'elenco delle misure di sicurezza potrebbe continuare all'infinito. Gli olandesi non sono solo molto bravi a recintare il territorio, ma sono veri campioni nel creare regole e regolamenti per tenere le cose sotto controllo in questo pezzo di terreno densamente popolato, di proprietà degli dei del mare fino a quando i nostri antenati decisero di costruire dighe e pompa fuori l'acqua.

Anno dopo anno l'evento è cresciuto organicamente da un club locale di circa 25 amici che lanciavano fango su un pezzo di terra vicino all'autostrada, a una data fissa sul calendario. La crescita è stata esponenziale ogni anno, e anche in uno degli anni storicamente più difficili, sono riusciti a continuare con 70 partecipanti e 250 persone a tifare per loro.

Fortunatamente nel corso di quest'anno le cose hanno iniziato a tornare alla 'normalità' come tutti lo conoscevamo e Rotterdam ha accolto 110 riders da tutta Europa e 750 visitatori (il massimo consentito) durante la due giorni di edizione. Secondo Gideon sarebbero stati facilmente in grado di ottenere un pubblico compreso tra 3.500 e 5.000 se non fossero stati strangolati dalle normative post-covid.

Vai grande
L'evento si è spostato dalla sua lastra di terra iniziale, a un pezzo di terra leggermente più grande appena fuori dall'anello della città di Rotterdam; molto più vicino al cuore della città. Avendo il lusso di più spazio, gli organizzatori hanno deciso di creare più emozioni aggiungendo una pista sterrata ovale e un percorso di mini bike per bambini al già esistente layout di motocross.

Schipaanboord afferma: “La base dell'evento è divertirsi con la tua famiglia di appassionati di moto. Vogliamo anche che questo sia un torneo facilmente accessibile sia per i piloti che per le persone lungo la pista. Un vero ritrovo di vecchi e nuovi amici a cui portare in tutta sicurezza i vostri bambini.

Nonostante abbiamo un concorso e diamo dei premi ai vincitori, è la partecipazione che conta davvero. Cerchiamo di non prendere le cose (norme di sicurezza a parte) troppo sul serio. Questo si vede davvero in tutte le immagini che vedrai di questo colorato evento. Sorrisi dappertutto!

Tempo permettendo, invitiamo attivamente le persone ad accamparsi in pista e condividere storie seduti attorno al fuoco del campo. So che sembra romantico, ma funziona davvero".


Danza della pioggia
Questa quarta edizione era in ritardo nella stagione di guida. Il passaggio da settembre all'inizio di ottobre è stato un invito per Pluvius a unirsi al divertimento e ad aumentare di qualche gradino la scala di difficoltà sia per i corridori che per gli spettatori. Il proverbio dice 'non piove mai ma diluvia'. E versarlo lo fece. Un flusso costante di secchi è stato svuotato sopra le teste di tutti i presenti. Il sabato come la domenica.

Tuttavia è stato impossibile spegnere il fuoco interiore a chiunque fosse presente a questa festa del fango e condividiamo le immagini per dimostrarlo. Dopo un paio di edizioni belle, asciutte, soleggiate e polverose, dover solcare (o forse navigare è una descrizione più appropriata in questo caso) attraverso i profondi fossati di fango appiccicoso sembrava solo aumentare l'euforia. Poiché cercare di rimanere all'asciutto era impossibile per gli spettatori, essere coperti di fango fino alle orecchie era il risultato di qualsiasi cavaliere spavaldo attraverso i boschi fangosi.

Ma l'uomo si sono divertiti!


Specchietto retrovisore
Guardando indietro, Gideon sorride soddisfatto. Aggiunge: “Lo spirito ottimista di tutti i partecipanti era semplicemente incredibile. Come organizzatore corri un grosso rischio nell'organizzare qualcosa del genere. Dopo quegli anni di sole, l'abbiamo attenuato nel 2020, ma siamo comunque riusciti ad andare avanti e a renderlo un modesto successo. Continuare a costruire era il nostro obiettivo principale quell'anno.

Quando i cavalli sono finalmente di nuovo liberi nel prato, saltano di gioia. Nel nostro caso era più simile a una danza della pioggia e siamo andati nel weekend guardando il cielo con preoccupazione. Ma quando anche la gente ha continuato a riversarsi, siamo stati sollevati e ci siamo goduti i due giorni proprio come sembravano fare tutti gli altri”.


Continua: “Guardiamo al futuro con fiducia. Anche quest'anno siamo riusciti a crescere controcorrente. Letteralmente ahahah! Vogliamo crescere negli anni a venire, ma mantenendolo entro certi limiti. La nostra missione è diffondere nel mondo quanto divertimento si può avere con un gruppo di persone che la pensano allo stesso modo e mostrare l'amore e la passione per lo sport del motociclismo a qualsiasi livello.

Si tratta di questo e dell'emozione. Periodo."


Manca il punto
Più seriamente: “È sorprendente ricevere così poco supporto dall'industria motociclistica. Ci sono alcuni marchi che hanno immerso le dita dei piedi nell'acqua, ma nessuno è mai veramente saltato dentro. È come se non ci fosse una piena comprensione per la scena retrò e personalizzata e ciò che fa ticchettare quegli appassionati.

Mi sorprende ancora di più quando guardi il numero di produttori che producono macchine in stile retrò per soddisfare questo pubblico. Metterli in viaggio è ciò in cui sono davvero bravi, seguire il flusso di questa crescente band di fratelli che vogliono divertirsi con loro come facevano le persone negli anni Sessanta e Settanta sembra essere più difficile da comprendere per i marchi.

Perdono grandi opportunità in calendario in tutta Europa. Che si tratti di guidare sulle spiagge, nello sporco o di sbattere le bici a tutto gas nel fango, ci sono grandi gruppi di persone che si divertono a tutti gli aspetti della guida su due ruote con una svolta”. Conclude il marketeer free-lance.

Amen per questo! è tutto il BikeBrewers squadra può dire di riassumere tutto questo.

E ci vediamo tutti l'anno prossimo!

Giro sterrato di Rotterdam
Rotterdam Dirt Ride Instagram

Fotografia:
Sjoerd Schenk
Joep.Foto
Remko van Diggelen





Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag

C'era una volta…
…c'erano due ragazzi di Rotterdam che erano appassionati di dirt race.
Sfortunatamente, se vuoi provare una buona guida fuoristrada, non ci sono molti posti nei Paesi Bassi dove puoi semplicemente salire su una bicicletta e colpire liberamente la ghiaia o le dune di sabbia adeguate. La maggior parte di questo paese sotto il livello del mare è recintata in modo sicuro e quando decidi di non preoccuparti del filo spinato e di farti strada attraverso piccole strade di campagna, è probabile che troverai un funzionario locale arrabbiato sulla tua strada.

Tempo per un po' di divertimento
Quindi, per divertirsi un po', i ragazzi si sono voltati a sud e si sono ritrovati a guidare il carburante alimentato Scampa l'Africa nel 2017. Dopo aver cancellato questo evento dalla loro lista dei desideri, hanno deciso che era ora di creare una versione mini di questo, più vicino a casa e condividerlo con altri che potrebbero non avere mai la possibilità di attraversare il Mediterraneo per cavalcare il deserto.

Immagina di creare un evento off road con molti partecipanti su moto rumorose e puzzolenti, vestiti con gli abiti più stupidi che puoi immaginare su moto che sono il più delle volte assolutamente inadatte al terreno che stanno scavando. Tutto questo nel paese che abbiamo descritto all'inizio di questa storia e con un sacco di visitatori entusiasti che arrivano su motociclette personalizzate vintage o in stile retrò per tifare i pazzi fangosi (e le donne!).

Impertinenti di città
Aggiungete a ciò l'idea di organizzare questo alla periferia della seconda città più grande del paese, e vi ritroverete in lunghi incontri con i funzionari della città e il governo locale, scuotendo costantemente la testa increduli dei vostri audaci piani.

Non così a Rotterdam! Con il prezioso aiuto di un poliziotto locale che sa come muoversi in municipio ed è un grande appassionato di moto, Gideon Schipaanboard e il suo amico Joey Delwell è riuscito a ottenere un permesso per organizzare il primo Rotterdam Dirt Ride nel settembre 2018.

Essendo già di per sé una grande impresa, si sono trovati a grattarsi la testa mentre guardavano i giornali che permettevano loro di andare a creare una data unica nel calendario motociclistico internazionale. Avere una grande idea sulla carta è una cosa, realizzarla in realtà è un'altra.

Gideon è un esperto di marketing che lavora per i principali marchi di motociclette e aziende associate e Joey ha un background professionale nella logistica. Entrambi hanno una vasta rete all'interno della comunità motociclistica e molti dei loro contatti sono buoni amici. È con l'aiuto di questa rete che sono riusciti a strozzare la linea di partenza e costruire un evento che offre tonnellate di divertimento per tutti coloro che vengono a godersi un po' di sporco.

La scala del fattore divertimento
Il "fattore divertimento" è ciò per cui lo fanno tutti. Sicuramente non per i soldi, poiché la maggior parte di questo è reso possibile con il gentile aiuto degli sponsor e la vendita dei biglietti a un prezzo amichevole. Ottenere il permesso di organizzare un evento come questo potrebbe essere stata una vittoria importante e inaspettata, ma l'elenco delle misure di sicurezza potrebbe continuare all'infinito. Gli olandesi non sono solo molto bravi a recintare il territorio, ma sono veri campioni nel creare regole e regolamenti per tenere le cose sotto controllo in questo pezzo di terreno densamente popolato, di proprietà degli dei del mare fino a quando i nostri antenati decisero di costruire dighe e pompa fuori l'acqua.

Anno dopo anno l'evento è cresciuto organicamente da un club locale di circa 25 amici che lanciavano fango su un pezzo di terra vicino all'autostrada, a una data fissa sul calendario. La crescita è stata esponenziale ogni anno, e anche in uno degli anni storicamente più difficili, sono riusciti a continuare con 70 partecipanti e 250 persone a tifare per loro.

Fortunatamente nel corso di quest'anno le cose hanno iniziato a tornare alla 'normalità' come tutti lo conoscevamo e Rotterdam ha accolto 110 riders da tutta Europa e 750 visitatori (il massimo consentito) durante la due giorni di edizione. Secondo Gideon sarebbero stati facilmente in grado di ottenere un pubblico compreso tra 3.500 e 5.000 se non fossero stati strangolati dalle normative post-covid.

Vai grande
L'evento si è spostato dalla sua lastra di terra iniziale, a un pezzo di terra leggermente più grande appena fuori dall'anello della città di Rotterdam; molto più vicino al cuore della città. Avendo il lusso di più spazio, gli organizzatori hanno deciso di creare più emozioni aggiungendo una pista sterrata ovale e un percorso di mini bike per bambini al già esistente layout di motocross.

Schipaanboord afferma: “La base dell'evento è divertirsi con la tua famiglia di appassionati di moto. Vogliamo anche che questo sia un torneo facilmente accessibile sia per i piloti che per le persone lungo la pista. Un vero ritrovo di vecchi e nuovi amici a cui portare in tutta sicurezza i vostri bambini.

Nonostante abbiamo un concorso e diamo dei premi ai vincitori, è la partecipazione che conta davvero. Cerchiamo di non prendere le cose (norme di sicurezza a parte) troppo sul serio. Questo si vede davvero in tutte le immagini che vedrai di questo colorato evento. Sorrisi dappertutto!

Tempo permettendo, invitiamo attivamente le persone ad accamparsi in pista e condividere storie seduti attorno al fuoco del campo. So che sembra romantico, ma funziona davvero".


Danza della pioggia
Questa quarta edizione era in ritardo nella stagione di guida. Il passaggio da settembre all'inizio di ottobre è stato un invito per Pluvius a unirsi al divertimento e ad aumentare di qualche gradino la scala di difficoltà sia per i corridori che per gli spettatori. Il proverbio dice 'non piove mai ma diluvia'. E versarlo lo fece. Un flusso costante di secchi è stato svuotato sopra le teste di tutti i presenti. Il sabato come la domenica.

Tuttavia è stato impossibile spegnere il fuoco interiore a chiunque fosse presente a questa festa del fango e condividiamo le immagini per dimostrarlo. Dopo un paio di edizioni belle, asciutte, soleggiate e polverose, dover solcare (o forse navigare è una descrizione più appropriata in questo caso) attraverso i profondi fossati di fango appiccicoso sembrava solo aumentare l'euforia. Poiché cercare di rimanere all'asciutto era impossibile per gli spettatori, essere coperti di fango fino alle orecchie era il risultato di qualsiasi cavaliere spavaldo attraverso i boschi fangosi.

Ma l'uomo si sono divertiti!


Specchietto retrovisore
Guardando indietro, Gideon sorride soddisfatto. Aggiunge: “Lo spirito ottimista di tutti i partecipanti era semplicemente incredibile. Come organizzatore corri un grosso rischio nell'organizzare qualcosa del genere. Dopo quegli anni di sole, l'abbiamo attenuato nel 2020, ma siamo comunque riusciti ad andare avanti e a renderlo un modesto successo. Continuare a costruire era il nostro obiettivo principale quell'anno.

Quando i cavalli sono finalmente di nuovo liberi nel prato, saltano di gioia. Nel nostro caso era più simile a una danza della pioggia e siamo andati nel weekend guardando il cielo con preoccupazione. Ma quando anche la gente ha continuato a riversarsi, siamo stati sollevati e ci siamo goduti i due giorni proprio come sembravano fare tutti gli altri”.


Continua: “Guardiamo al futuro con fiducia. Anche quest'anno siamo riusciti a crescere controcorrente. Letteralmente ahahah! Vogliamo crescere negli anni a venire, ma mantenendolo entro certi limiti. La nostra missione è diffondere nel mondo quanto divertimento si può avere con un gruppo di persone che la pensano allo stesso modo e mostrare l'amore e la passione per lo sport del motociclismo a qualsiasi livello.

Si tratta di questo e dell'emozione. Periodo."


Manca il punto
Più seriamente: “È sorprendente ricevere così poco supporto dall'industria motociclistica. Ci sono alcuni marchi che hanno immerso le dita dei piedi nell'acqua, ma nessuno è mai veramente saltato dentro. È come se non ci fosse una piena comprensione per la scena retrò e personalizzata e ciò che fa ticchettare quegli appassionati.

Mi sorprende ancora di più quando guardi il numero di produttori che producono macchine in stile retrò per soddisfare questo pubblico. Metterli in viaggio è ciò in cui sono davvero bravi, seguire il flusso di questa crescente band di fratelli che vogliono divertirsi con loro come facevano le persone negli anni Sessanta e Settanta sembra essere più difficile da comprendere per i marchi.

Perdono grandi opportunità in calendario in tutta Europa. Che si tratti di guidare sulle spiagge, nello sporco o di sbattere le bici a tutto gas nel fango, ci sono grandi gruppi di persone che si divertono a tutti gli aspetti della guida su due ruote con una svolta”. Conclude il marketeer free-lance.

Amen per questo! è tutto il BikeBrewers squadra può dire di riassumere tutto questo.

E ci vediamo tutti l'anno prossimo!

Giro sterrato di Rotterdam
Rotterdam Dirt Ride Instagram

Fotografia:
Sjoerd Schenk
Joep.Foto
Remko van Diggelen





Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag