Quando avevo 18 anni, molti molti anni fa, ho visto una Honda CB350F fuori da un club di Amsterdam. Sembrava sporca, aveva ruote a raggi in filo cromato, un piccolo sedile da café racer, manubrio in stile clubman, senza specchietti o indicatori, senza parafanghi e un unico calibro che era il contagiri. Oh, e un bellissimo sistema di scarico Marshall 4-1. Ricordo il ragazzo che lo possedeva, che usciva dal locale con la sua giacca di pelle. Inserì la chiave nel quadro, montò sulle pedane e con un calcio deciso mise in moto la piccola Honda. Un po' di fumo e rumore hanno causato un effetto drammatico. Quando è decollato, la Honda ha scoppiettato, ma mentre accelerava, l'ululato della moto è stato magnifico! Questo è stato il mio primo incontro che ricordo, con una cafè racer. È sicuro dire che per questo motivo, Café racer Honda occupa un posto speciale nel mio cuore.

Ultimamente abbiamo assistito a una tendenza nella scena dei café racer. Sempre più costruttori stanno iniziando a guardare alla venerabile Honda CB 750 da utilizzare come bici di base. Pensiamo che questo potrebbe essere il revival delle Honda Café Racer e lo stiamo scavando! Non fraintendermi, amiamo vedere trionfi, BMW e Moto Guzzi essere tagliato e ricostruito in gustosi café racer e scrambler. Ma c'è qualcosa nella forma e nello stile di un quattro cilindri in linea JDM che cattura il nostro interesse. Dopotutto, all'epoca fornivano prestazioni da super-bike per i prezzi dei ciclomotori.

Potresti ricordare il nome Jeremy Duchampt di qualche tempo fa. Il francese è responsabile due Ducati e una Yamaha TR-1 che abbiamo presentato qui su BikeBrewers non molto tempo fa. Quando abbiamo ricevuto un messaggio dall'uomo principale dietro Jerem Motorcycles che aveva costruito una Honda CB 750 Rothmans café racer, abbiamo provato sentimenti caldi e confusi nelle nostre pance; sapevamo che doveva essere buono! Oh ragazzo, ci aspettavamo una sorpresa. Questa Honda è così elegante, le proporzioni sono così ben bilanciate, sembra che la CB stia facendo 100 mph da ferma!

La base di questo progetto è a Honda CB 750 F2, come viene ufficialmente chiamato. Un modello prodotto dalla Honda dal 1992 fino al 2007(!). Il dipartimento di ricerca e sviluppo della Honda deve essere stato molto soddisfatto di questo, senza dubbio. Sulla carta, la CB 750 produceva circa 75 CV e 65 Nm di coppia, con un peso dichiarato di circa 210 kg. Nessuna specifica sbalorditiva, ma c'è di più. Il Seven Fifty si distingue per la semplicità, l'affidabilità e la reputazione generale di essere a prova di proiettile.

Quello che Jeremy ha fatto a questa bici è straordinario. L'elenco delle modifiche è lungo, quindi ecco un breve riassunto.

• Parafango anteriore personalizzato
• Sottotelaio modificato
• Sedile in pelle café racer personalizzato e Alcantara con cuciture (Irina: Point saddler 34)
• Calandra su misura con fanale posteriore a LED integrato (FFPro Design)
• Indicatori di fine barra a LED
• Specchi a barra
• Faro LED giallo tondo stile vintage con staffe personalizzate
• Accensione senza chiave (KAIROS RFID)
• Tachimetro d'epoca (CINQUEACES)
• Forcella superiore a triplo morsetto tagliata al laser (USVracing)
• Clip-on con impugnature del manubrio marroni
• Pompa freno e leve BREMBO
• Cerchi verniciati a polvere
• Ammortizzatore posteriore modificato
• Air box rimosso con filtri DNA pod
• Motore, telaio e forcellone oscurati
• Scarico personalizzato 4 in 1
• Regolazione dei carboidrati
• Verniciatura personalizzata Rothmans Style (FFPro Design)

Il modo in cui è venuto fuori questo café racer è ipnotizzante. Cresciute negli anni '1980 e '1990, le aziende di sigarette spesso sponsorizzavano squadre di corse, una delle quali era la Honda. Chi si ricorda dell'NSR250, NSR500 o RC30? Questo design ispirato a Rothmans riporta alla mente i ricordi di quei giorni, quando i motori di piccola cilindrata e ad alto regime dominavano le piste e le strade. Non è un segreto che ci piacerebbe mettere le mani su questa Honda. Per ora, abbiamo a che fare con le immagini.

Dettagli del costruttore:
Moto Jerem
Instagram
Facebook

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

tag

Quando avevo 18 anni, molti molti anni fa, ho visto una Honda CB350F fuori da un club di Amsterdam. Sembrava sporca, aveva ruote a raggi in filo cromato, un piccolo sedile da café racer, manubrio in stile clubman, senza specchietti o indicatori, senza parafanghi e un unico calibro che era il contagiri. Oh, e un bellissimo sistema di scarico Marshall 4-1. Ricordo il ragazzo che lo possedeva, che usciva dal locale con la sua giacca di pelle. Inserì la chiave nel quadro, montò sulle pedane e con un calcio deciso mise in moto la piccola Honda. Un po' di fumo e rumore hanno causato un effetto drammatico. Quando è decollato, la Honda ha scoppiettato, ma mentre accelerava, l'ululato della moto è stato magnifico! Questo è stato il mio primo incontro che ricordo, con una cafè racer. È sicuro dire che per questo motivo, Café racer Honda occupa un posto speciale nel mio cuore.

Ultimamente abbiamo assistito a una tendenza nella scena dei café racer. Sempre più costruttori stanno iniziando a guardare alla venerabile Honda CB 750 da utilizzare come bici di base. Pensiamo che questo potrebbe essere il revival delle Honda Café Racer e lo stiamo scavando! Non fraintendermi, amiamo vedere trionfi, BMW e Moto Guzzi essere tagliato e ricostruito in gustosi café racer e scrambler. Ma c'è qualcosa nella forma e nello stile di un quattro cilindri in linea JDM che cattura il nostro interesse. Dopotutto, all'epoca fornivano prestazioni da super-bike per i prezzi dei ciclomotori.

Potresti ricordare il nome Jeremy Duchampt di qualche tempo fa. Il francese è responsabile due Ducati e una Yamaha TR-1 che abbiamo presentato qui su BikeBrewers non molto tempo fa. Quando abbiamo ricevuto un messaggio dall'uomo principale dietro Jerem Motorcycles che aveva costruito una Honda CB 750 Rothmans café racer, abbiamo provato sentimenti caldi e confusi nelle nostre pance; sapevamo che doveva essere buono! Oh ragazzo, ci aspettavamo una sorpresa. Questa Honda è così elegante, le proporzioni sono così ben bilanciate, sembra che la CB stia facendo 100 mph da ferma!

La base di questo progetto è a Honda CB 750 F2, come viene ufficialmente chiamato. Un modello prodotto dalla Honda dal 1992 fino al 2007(!). Il dipartimento di ricerca e sviluppo della Honda deve essere stato molto soddisfatto di questo, senza dubbio. Sulla carta, la CB 750 produceva circa 75 CV e 65 Nm di coppia, con un peso dichiarato di circa 210 kg. Nessuna specifica sbalorditiva, ma c'è di più. Il Seven Fifty si distingue per la semplicità, l'affidabilità e la reputazione generale di essere a prova di proiettile.

Quello che Jeremy ha fatto a questa bici è straordinario. L'elenco delle modifiche è lungo, quindi ecco un breve riassunto.

• Parafango anteriore personalizzato
• Sottotelaio modificato
• Sedile in pelle café racer personalizzato e Alcantara con cuciture (Irina: Point saddler 34)
• Calandra su misura con fanale posteriore a LED integrato (FFPro Design)
• Indicatori di fine barra a LED
• Specchi a barra
• Faro LED giallo tondo stile vintage con staffe personalizzate
• Accensione senza chiave (KAIROS RFID)
• Tachimetro d'epoca (CINQUEACES)
• Forcella superiore a triplo morsetto tagliata al laser (USVracing)
• Clip-on con impugnature del manubrio marroni
• Pompa freno e leve BREMBO
• Cerchi verniciati a polvere
• Ammortizzatore posteriore modificato
• Air box rimosso con filtri DNA pod
• Motore, telaio e forcellone oscurati
• Scarico personalizzato 4 in 1
• Regolazione dei carboidrati
• Verniciatura personalizzata Rothmans Style (FFPro Design)

Il modo in cui è venuto fuori questo café racer è ipnotizzante. Cresciute negli anni '1980 e '1990, le aziende di sigarette spesso sponsorizzavano squadre di corse, una delle quali era la Honda. Chi si ricorda dell'NSR250, NSR500 o RC30? Questo design ispirato a Rothmans riporta alla mente i ricordi di quei giorni, quando i motori di piccola cilindrata e ad alto regime dominavano le piste e le strade. Non è un segreto che ci piacerebbe mettere le mani su questa Honda. Per ora, abbiamo a che fare con le immagini.

Dettagli del costruttore:
Moto Jerem
Instagram
Facebook

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

tag