BMW R18 – Incrociatore 1800cc
Ci sono momenti in cui vedi l'immagine di una motocicletta e non ti fa battere le palpebre o pensarci due volte. Qualcosa del genere è successo quando abbiamo visto le prime immagini della BMW R18 che circolavano sul web; non siamo rimasti troppo colpiti. Un altro produttore che punta i piedi nel segmento delle cruiser, abbiamo pensato. Perché BMW, che è il leader del settore quando si tratta di grandi moto d'avventura, dovrebbe avventurarsi nel regno delle cruiser? A quanto pare, la R18 richiama l'eredità di BMW che risale a uno dei primi modelli boxer BMW; la R5 del 1936/1937. Gran parte dell'ispirazione per la moderna R18 viene da questa particolare motocicletta. Inoltre, la R18 non è il primo tentativo di BMW di entrare nel mercato degli incrociatori pesanti nella storia recente. Chi si ricorda della R1200C? Questo non ha portato alla BMW il successo che avevano sperato, anche James Bond non poteva cambiarlo. Nonostante questo, non sono stato subito colpito dall'R18. Sembra bello e il cromo è lucido, questo è tutto.

Fino a quando non inizi a leggere la scheda tecnica e ti rendi conto che c'è qualcosa di piuttosto provocatorio nell'R18. Per cominciare, c'è quel motore enorme. Motore bicilindrico boxer 1800cc per la precisione, ancora raffreddato ad aria, ma con un piccolo aiuto da un radiatore dell'olio esterno. I 90 CV di potenza di picco a un minimo di 4750 giri/min non sono poi così male considerando la cilindrata, ma i 158 Nm di coppia a un ridicolo 3000 giri/min sono ciò che ci fa battere più forte il cuore; questo lo dobbiamo provare!

E ci abbiamo provato. BMW Motorrad nei Paesi Bassi ci ha invitato a provare la loro nuova versione elegante della R18, chiamata "First Edition", e la versione full-fat della R18 conosciuta come "Trans Continental". Questa recensione riguarda la "Prima edizione" della R18. Seguirà la recensione sulla R18 'Trans Continental'.

Prima impressione della R18 "First Edition"
Wow, questa cosa è enorme! Questa è stata la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho visto R18. È quel motore che ti fa impazzire. 900cc su ogni lato, le canne sono enormi rispetto a quelle a cui siamo abituati. Il colore nero con righe bianche è semplice ed elegante allo stesso tempo. Sembra senza tempo sulla R18. Ci sono poi i bellissimi terminali di scarico a coda di pesce lucidati cromati; sembrano incredibilmente belli; vorremmo che più produttori li mettessero su cruiser! Quello che la BMW ha fatto davvero bene con la R18 è nascondere alla vista i brutti convertitori catalitici sotto il motore, tra i collettori di scarico. La ruota a raggi, con raggi in acciaio inossidabile e cerchi neri aggiungono un aspetto e una sensazione distinti. Ma il "pezzo de-resistenza" deve essere quella trasmissione ad albero esposta. È così incredibilmente vecchio stile, che ci siamo innamorati perdutamente. È così che si costruisce una bici retrò!

Seconda impressione
Quando fai oscillare la gamba sul sedile, ti senti seduto su qualcosa di speciale. C'è un tachimetro minimalista, ma non commettere errori, ha un display LCD che ti consente di accedere alle informazioni di cui la maggior parte delle aziende sarebbe gelosa! La R18 prende vita in modo simile alla maggior parte delle auto e moto moderne. Tieni la chiave in tasca e premi semplicemente il pulsante di accensione sui controlli giusti. Ci sono 3 modalità di guida tra cui puoi scegliere: Rock, Roll e Rain. Abbiamo dovuto indovinare e cercare cosa faceva il Rock and Roll, ma c'erano pochissimi dubbi sulla modalità Rain. Ciò influisce sulla risposta dell'acceleratore e sul controllo della trazione in modo piacevole e non invadente. Rock sarebbe simile alla modalità "Sport" sulla maggior parte delle bici e Roll è l'equivalente di "Normale" o "Touring". Abbiamo mantenuto l'R18 su Rock, perché ha permesso una risposta dell'acceleratore molto utile.

Terza impressione
Raccogliere la bici dal cavalletto laterale fa immediatamente trapelare l'elefante nella stanza; 345 chilogrammi di peso bagnato. Manovrare l'R18 da fermo è difficile a dir poco. Far girare la bici ti aiuterà, quindi premi il pulsante di avvio. Primo pensiero: questa bici spacca! Letteralmente! La minima apertura della farfalla si traduce in una massiccia oscillazione a destra, causata dall'inerzia esercitata dal volano, che deve essere enorme. È anche lì che è stata imparata la prima lezione: tieni entrambi i piedi ben saldi a terra quando tiri su in prima marcia. Se lo dimentichi, rischi di ribaltare la bici a sinistra per la sola forza del movimento dei volani. Ma, come previsto, una volta che la massa è in movimento, l'R18 nasconde abbastanza bene il suo peso. Una caratteristica ordinata dell'R18 era la "retromarcia", che deve essere azionata manualmente. Questo aiuta a spostare la bici all'indietro senza sembrare che tu stia andando in palestra, se necessario.

Re della strada
Il suono che produce lo scarico quando si apre l'acceleratore è magnifico. Mi ricorda il suono che fa un motore diesel V8 turbo; profondo, corto, gutturale. Anche con una fascia di potenza simile! Una piccola torsione del polso destro si traduce in un'incredibile accelerazione. Sembra che la strada si muova sotto le tue gomme e non il contrario! L'R18 invita a sgranocchiare seriamente il miglio. Il manubrio non è troppo lontano, la sella è molto comoda, ma la posizione di seduta lascia molto a desiderare. Se hai un numero di scarpe più grande di 43 (taglia 10), farai fatica a impedire ai tuoi piedi di colpire i cilindri e la presa d'aria. Vuoi sederti con i piedi un po' più avanti, ma non puoi. Invece, sembra che tu sia seduto su una piccola sedia da campeggio. Peccato, perché avrebbe potuto apportare un enorme miglioramento alla qualità di guida. Stesso discorso per la sospensione. La forcella Showa anteriore funziona bene nella maggior parte delle circostanze, ma l'ammortizzatore posteriore ZF con la sua corsa limitata di soli 90 mm (!) Può essere un po' troppo duro su tutto ciò che non è asfalto liscio come la seta. I freni sono buoni per una moto così massiccia, ma non sono così buoni come i freni radiali Brembo che si possono trovare sulla 1400 California di Moto Guzzi. Il serbatoio del carburante da 16 litri ha fornito un'autonomia sufficiente per una guida confortevole senza l'ansia da autonomia, abbiamo una media di circa 16 km/l o 38 US MPG in condizioni di guida miste. Gite fino a 2 ore o fatte senza sforzo, soprattutto con piacevoli comfort come il controllo automatico della velocità e le manopole riscaldate, che hanno funzionato perfettamente.

Giudizio
Nel complesso, la BMW R18 "First Edition" è stata una sorpresa molto piacevole, al punto che prevediamo una rinascita delle custom cruiser. Abbiamo già visto revival di motociclette in stile retrò, come café racer e scrambler. L'incrociatore potrebbe essere la prossima grande novità? Se è così, allora BMW ha fissato lo standard piuttosto alto per quanto ci riguarda. Proprio come con qualsiasi altra nuova BMW, c'è un catalogo di accessori che sembra essere infinito con attrezzature speciali esclusive e di alta qualità, dove un potenziale acquirente può optare per caratteristiche come il cruise control, vernice speciale, ruote speciali, sedile comfort riscaldato e presto. Con un prezzo di partenza di poco inferiore a 28,000 euro nei Paesi Bassi, i prezzi possono arrivare fino a quasi 40,000 euro. Sono un sacco di soldi, la domanda è se la R18 ne vale la pena. Lasceremo decidere al mercato, ma sicuramente ci piacerebbe vedere queste bestie più spesso sulla strada.

fotografie:
Gijs Paradijs
BikeBrewers – Adnano

BMW Motorrad Olanda
Moto Hare

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag

BMW R18 – Incrociatore 1800cc
Ci sono momenti in cui vedi l'immagine di una motocicletta e non ti fa battere le palpebre o pensarci due volte. Qualcosa del genere è successo quando abbiamo visto le prime immagini della BMW R18 che circolavano sul web; non siamo rimasti troppo colpiti. Un altro produttore che punta i piedi nel segmento delle cruiser, abbiamo pensato. Perché BMW, che è il leader del settore quando si tratta di grandi moto d'avventura, dovrebbe avventurarsi nel regno delle cruiser? A quanto pare, la R18 richiama l'eredità di BMW che risale a uno dei primi modelli boxer BMW; la R5 del 1936/1937. Gran parte dell'ispirazione per la moderna R18 viene da questa particolare motocicletta. Inoltre, la R18 non è il primo tentativo di BMW di entrare nel mercato degli incrociatori pesanti nella storia recente. Chi si ricorda della R1200C? Questo non ha portato alla BMW il successo che avevano sperato, anche James Bond non poteva cambiarlo. Nonostante questo, non sono stato subito colpito dall'R18. Sembra bello e il cromo è lucido, questo è tutto.

Fino a quando non inizi a leggere la scheda tecnica e ti rendi conto che c'è qualcosa di piuttosto provocatorio nell'R18. Per cominciare, c'è quel motore enorme. Motore bicilindrico boxer 1800cc per la precisione, ancora raffreddato ad aria, ma con un piccolo aiuto da un radiatore dell'olio esterno. I 90 CV di potenza di picco a un minimo di 4750 giri/min non sono poi così male considerando la cilindrata, ma i 158 Nm di coppia a un ridicolo 3000 giri/min sono ciò che ci fa battere più forte il cuore; questo lo dobbiamo provare!

E ci abbiamo provato. BMW Motorrad nei Paesi Bassi ci ha invitato a provare la loro nuova versione elegante della R18, chiamata "First Edition", e la versione full-fat della R18 conosciuta come "Trans Continental". Questa recensione riguarda la "Prima edizione" della R18. Seguirà la recensione sulla R18 'Trans Continental'.

Prima impressione della R18 "First Edition"
Wow, questa cosa è enorme! Questa è stata la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho visto R18. È quel motore che ti fa impazzire. 900cc su ogni lato, le canne sono enormi rispetto a quelle a cui siamo abituati. Il colore nero con righe bianche è semplice ed elegante allo stesso tempo. Sembra senza tempo sulla R18. Ci sono poi i bellissimi terminali di scarico a coda di pesce lucidati cromati; sembrano incredibilmente belli; vorremmo che più produttori li mettessero su cruiser! Quello che la BMW ha fatto davvero bene con la R18 è nascondere alla vista i brutti convertitori catalitici sotto il motore, tra i collettori di scarico. La ruota a raggi, con raggi in acciaio inossidabile e cerchi neri aggiungono un aspetto e una sensazione distinti. Ma il "pezzo de-resistenza" deve essere quella trasmissione ad albero esposta. È così incredibilmente vecchio stile, che ci siamo innamorati perdutamente. È così che si costruisce una bici retrò!

Seconda impressione
Quando fai oscillare la gamba sul sedile, ti senti seduto su qualcosa di speciale. C'è un tachimetro minimalista, ma non commettere errori, ha un display LCD che ti consente di accedere alle informazioni di cui la maggior parte delle aziende sarebbe gelosa! La R18 prende vita in modo simile alla maggior parte delle auto e moto moderne. Tieni la chiave in tasca e premi semplicemente il pulsante di accensione sui controlli giusti. Ci sono 3 modalità di guida tra cui puoi scegliere: Rock, Roll e Rain. Abbiamo dovuto indovinare e cercare cosa faceva il Rock and Roll, ma c'erano pochissimi dubbi sulla modalità Rain. Ciò influisce sulla risposta dell'acceleratore e sul controllo della trazione in modo piacevole e non invadente. Rock sarebbe simile alla modalità "Sport" sulla maggior parte delle bici e Roll è l'equivalente di "Normale" o "Touring". Abbiamo mantenuto l'R18 su Rock, perché ha permesso una risposta dell'acceleratore molto utile.

Terza impressione
Raccogliere la bici dal cavalletto laterale fa immediatamente trapelare l'elefante nella stanza; 345 chilogrammi di peso bagnato. Manovrare l'R18 da fermo è difficile a dir poco. Far girare la bici ti aiuterà, quindi premi il pulsante di avvio. Primo pensiero: questa bici spacca! Letteralmente! La minima apertura della farfalla si traduce in una massiccia oscillazione a destra, causata dall'inerzia esercitata dal volano, che deve essere enorme. È anche lì che è stata imparata la prima lezione: tieni entrambi i piedi ben saldi a terra quando tiri su in prima marcia. Se lo dimentichi, rischi di ribaltare la bici a sinistra per la sola forza del movimento dei volani. Ma, come previsto, una volta che la massa è in movimento, l'R18 nasconde abbastanza bene il suo peso. Una caratteristica ordinata dell'R18 era la "retromarcia", che deve essere azionata manualmente. Questo aiuta a spostare la bici all'indietro senza sembrare che tu stia andando in palestra, se necessario.

Re della strada
Il suono che produce lo scarico quando si apre l'acceleratore è magnifico. Mi ricorda il suono che fa un motore diesel V8 turbo; profondo, corto, gutturale. Anche con una fascia di potenza simile! Una piccola torsione del polso destro si traduce in un'incredibile accelerazione. Sembra che la strada si muova sotto le tue gomme e non il contrario! L'R18 invita a sgranocchiare seriamente il miglio. Il manubrio non è troppo lontano, la sella è molto comoda, ma la posizione di seduta lascia molto a desiderare. Se hai un numero di scarpe più grande di 43 (taglia 10), farai fatica a impedire ai tuoi piedi di colpire i cilindri e la presa d'aria. Vuoi sederti con i piedi un po' più avanti, ma non puoi. Invece, sembra che tu sia seduto su una piccola sedia da campeggio. Peccato, perché avrebbe potuto apportare un enorme miglioramento alla qualità di guida. Stesso discorso per la sospensione. La forcella Showa anteriore funziona bene nella maggior parte delle circostanze, ma l'ammortizzatore posteriore ZF con la sua corsa limitata di soli 90 mm (!) Può essere un po' troppo duro su tutto ciò che non è asfalto liscio come la seta. I freni sono buoni per una moto così massiccia, ma non sono così buoni come i freni radiali Brembo che si possono trovare sulla 1400 California di Moto Guzzi. Il serbatoio del carburante da 16 litri ha fornito un'autonomia sufficiente per una guida confortevole senza l'ansia da autonomia, abbiamo una media di circa 16 km/l o 38 US MPG in condizioni di guida miste. Gite fino a 2 ore o fatte senza sforzo, soprattutto con piacevoli comfort come il controllo automatico della velocità e le manopole riscaldate, che hanno funzionato perfettamente.

Giudizio
Nel complesso, la BMW R18 "First Edition" è stata una sorpresa molto piacevole, al punto che prevediamo una rinascita delle custom cruiser. Abbiamo già visto revival di motociclette in stile retrò, come café racer e scrambler. L'incrociatore potrebbe essere la prossima grande novità? Se è così, allora BMW ha fissato lo standard piuttosto alto per quanto ci riguarda. Proprio come con qualsiasi altra nuova BMW, c'è un catalogo di accessori che sembra essere infinito con attrezzature speciali esclusive e di alta qualità, dove un potenziale acquirente può optare per caratteristiche come il cruise control, vernice speciale, ruote speciali, sedile comfort riscaldato e presto. Con un prezzo di partenza di poco inferiore a 28,000 euro nei Paesi Bassi, i prezzi possono arrivare fino a quasi 40,000 euro. Sono un sacco di soldi, la domanda è se la R18 ne vale la pena. Lasceremo decidere al mercato, ma sicuramente ci piacerebbe vedere queste bestie più spesso sulla strada.

fotografie:
Gijs Paradijs
BikeBrewers – Adnano

BMW Motorrad Olanda
Moto Hare

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag