C'è un nuovo ragazzo in città!

All'improvviso sembra che tutti, insieme ai loro vicini, stiano spingendo le motociclette a un ritmo allarmante. Ma non lo vediamo come una cosa negativa, forse un po' confuso, ma è qui che entriamo in gioco noi. Di seguito, elaboreremo la gamma di nuove bici dell'ultima aggiunta, il motore QJ.

Ora, quando diciamo nuovo, in realtà intendiamo "nuovo per il BeNeLux", ma c'è molto di più. Come avrai intuito, il motore QJ è cinese, il che significa che devi immergerti un po' nella sua storia per sapere con cosa hai a che fare. Avendo sede nei Paesi Bassi, la nostra prospettiva è limitata all'importatore, su cui riteniamo non sarebbe molto interessante approfondire troppo. Si può però dire che MotoMondo si è impegnata per regalarci questo marchio, in collaborazione con il gruppo Louwman, a sua volta importatore di moto Suzuki. Quindi questi importanti attori del mercato BeNeLux si fidano abbastanza del marchio da collegare ad esso il loro nome. E questo ti dice quanto credono che siano ben fatte queste bici.

Il che non è molto sorprendente se si fa davvero un tuffo nel marchio, nel suo proprietario, nei partner e nei prodotti. Come nel caso di molti altri marchi cinesi, QJ Motor ha distribuito milioni di unità e dispone di un portafoglio che molti altri marchi possono solo sognare. Ad esempio, anche le bici Benelli sono prodotte in Cina, dalla stessa azienda.

QJ Motor si è già fatto un nome in Asia, potresti persino riconoscere il marchio dalla competizione nel Gran Premio. Non sono nuovi giocatori che hanno creato una gamma di biciclette piuttosto ordinata. Una cosa che risalta però è il focus di questa gamma. Ovviamente nel loro catalogo ci sono un sacco di bici di piccola cilindrata, ma presenta anche alcune interessanti bici più grandi. Queste sono le bici a cui il mercato internazionale è molto più interessato, e quindi queste bici stanno arrivando da noi proprio adesso. Forse alcuni lettori potrebbero scoprire che manca un modello, ma il motivo principale è probabilmente un aggiornamento imminente che l'importatore sta aspettando. Da smistare prima o poi, ampliando così la gamma. Aspetta e riceverai.

In questo momento abbiamo cinque diverse grandi moto e altre arriveranno questo o il prossimo anno. Aggiungi le bici da 125 cc e puoi parlare di un'autonomia molto buona. Mettili tutti insieme (come abbiamo fatto nella foto) e avrai bisogno di un bel po' di spazio!

Quindi eccoci qui, esamineremo brevemente alcune delle caratteristiche di queste bici e diremo qualcosa su come appaiono, si sentono o ci impressionano in altro modo.

SRT800

A partire dalla più grande del lotto, la SRT 800. Si tratta di una bici bicilindrica da 800 cc in stile avventura disponibile in due versioni, base o Touring. La differenza tra le due, non diversamente dalle altre bici di questa categoria, è il kit bagagli. E IMHO ti sarebbe difficile acquistare la versione base, dato che puoi sempre lasciare le custodie a casa quando ne hai voglia, ma averle comunque quando stai per intraprendere un grande viaggio.

La bici stessa è GRANDE. È gestibile, ma sì, è una manciata. Tutte le funzionalità funzionano come ti aspetteresti, fino alla connettività, permettendoti di eseguire la navigazione sul tuo telefono che appare sul grande cruscotto. Onestamente mi sembra abbastanza buono. Con la navigazione sul tuo cellulare sempre migliore, non c'è più davvero bisogno di acquistare tecnologie di navigazione dedicate.

La bici va come ti aspetteresti da un bicilindrico 800, ma ha un pizzico di ruvidità nella mappatura dell'iniezione. Ci vuole un po' per abituarsi, ma non è un grosso problema. Se ti piacciono le cose un po' più fluide, c'è il modello 700, che in realtà è dotato di un motore più recente e apparentemente più perfezionato.

SRT700

A quanto pare, la moto da 700 cc è davvero molto simile alla 800. E sapendo che guida un po' meglio e non è molto indietro in termini di potenza, questa potrebbe essere proprio quella giusta da scegliere. Come le altre bici, è dotata di tutta l'elettronica di cui hai bisogno, ma senza fronzoli. Quindi niente controllo della trazione a milioni di passi, niente controllo dell'impennata o ABS in curva, niente cambio rapido, niente di tutto questo. Ma viene fornito con Showa, Brembo e un sacco di altre parti che abbiamo imparato ad apprezzare. Sembra un po' più leggero rispetto all'800, quindi se dovessi scegliere, probabilmente sceglierei questo. Anche se ne ha un po' 'Konstantfahrtruckeln' (cercalo :-))– è ce crescere su di te.

SRK800RR

Questa è sicuramente una sorpresa. Chi avrebbe mai pensato che un produttore sarebbe stato abbastanza coraggioso da costruire una nuova moto supersportiva a quattro cilindri in linea al giorno d'oggi? Ma è qui ed è reale. E ha del potenziale; con i suoi modesti 100 CV non è la moto più potente in circolazione – considerando che ha 800 cc, non 600 – ma non ha alcuna importanza. Questo potrebbe essere stato un fattore squalificante fino a circa dieci anni fa, ma i tempi sono cambiati. Questo tipo di potenza lascia un certo margine di affidabilità – il motore non deve lavorare tanto – e di una quantità di coppia davvero soddisfacente.

Ciò non cambia la sensazione di essere riportati indietro di circa un decennio quando passiamo da questa macchina. L'intero setup urla semplicemente: 'siamo stati qui... molto tempo fa'. Nonostante il display TFT, le luci a LED e le ali aerodinamiche su ciascun lato, è semplicemente un po'... nostalgico sedersi su una moto che ha così tanto focus sull'anteriore. Ma una volta che l’immagine svanisce, cresce dentro di te. Perché ricorda; queste bici erano divertenti, vero? Erano la bici preferita per qualunque cosa facessimo, che si trattasse di un lungo viaggio in autostrada, di una vacanza di tre settimane o di una veloce corsa su un passo di montagna, non c'era discussione. Quindi forse... siamo invecchiati?

Ad ogni modo, se tu, come me, ricordi com'era una volta, beh, è ​​proprio così. Con i bonus aggiuntivi degli espedienti digitali di cui abbiamo appena parlato – e non dimentichiamoci dell'aspetto. Sembra davvero fantastico. Anche se si riconoscono alcuni dettagli stilistici, l'aspetto generale non ne risente, forse addirittura il contrario. E beh, se ti piace guidare una Supersport a un passo dalla sua vita, ecco una nuova opzione per te... e non è poi così costosa!

SRC 550

Questo era quello che non vedevo davvero l'ora. Sembra divertente appena uscito dalla scatola. E davvero, non delude. Si tratta di una bicilindrica nuda, con una cilindrata appena leggermente inferiore rispetto ai bicilindrici a cui siamo abituati. Quindi puoi immaginare cosa aspettarti, sono circa 60 HP di facilità e, beh, divertimento. La moto non è molto grande, ma sembra molto diversa dalla Ninja 650, ad esempio. Sebbene quella bici abbia visto una discreta evoluzione nel tempo, la sua prima incarnazione era decisamente piccola. La SRK ha saltato quel viaggio per la maggior parte, ma si sente ancora un po' corta in senso longitudinale. Sembra molto simile alle altre bici del marchio, ma decisamente più corta. Ti ci abitui però, non è che tutti si scambieranno le bici come abbiamo fatto ai nostri giorni con QJ Motor, giusto?

Tra le diverse bici che abbiamo provato, sembra che QJ abbia ottenuto il massimo Iniezione di carburante punto su questo. Avevamo solo un esemplare di ciascun modello da testare, quindi non è giusto fare affermazioni definitive, ma ci è sembrato comunque che questa bici sia la più fluida e matura della gamma che abbiamo provato.

Poi c'è l'elettronica: c'è sempre spazio per migliorare, giusto? La bici ha il controllo della trazione, che ovviamente può essere disabilitato, ma ci avrei messo molto più tempo del necessario per capirlo. E vorremmo sapere quanto è bravo nelle impennate, vero? Immagino che dovremo aspettare quella risposta…..

Ad ogni modo, tutte le altre funzionalità funzionano a meraviglia, compreso il display, la connettività e tutti gli altri modernismi di cui possiamo facilmente fare a meno, tuttavia sono sicuramente "carini da avere" su una nuova bici.

Infine mi chiedo come si comporterebbe questa moto a lungo raggio e con i bagagli, magari per un'altra volta….

SRV600

L'ultima bici della gamma che abbiamo provato si è rivelata la sorpresa più grande. Potresti pensare che abbia una famigliaguarda, ci ricorda thLe motociclette prodotte da un certo produttore americano, e beh, non è una coincidenza.

Ma la SRV 600 ha qualcos'altro da offrire che non abbiamo nemmeno notato subito – e questo è davvero il suo più grande punto di forza: questa moto è alimentata da un V4. Vedi il sistema di scarico? Sono 4 marmitte, signore. All'inizio non ce ne siamo accorti, ma siamo stati corretti molto presto. Mentre i vari membri del nostro gruppo di corrispondenti motociclistici si davano il cambio guidando tutte le diverse moto, ci è voluto un po' prima che il nostro turno guidasse la SRV, ma ragazzi – ha mai disturbato i nostri sensi! Direttamente da fermo, avviandolo si ottiene un suono stereo completo. E questo suono non assomiglia nemmeno ai motori V4 che conosciamo. Nemmeno un milione di miglia suona come una Ducati, né come una VFR. Forse somiglia un po' ad un'Aprilia, ma soprattutto suona come un ottimo V4 degli anni Novanta. Sì, in effetti, guidare questa moto tipo cruiser/bobber con una vendetta ti fa sentire come se stessi cercando di battere il record sul giro dell'Isola di Man su una RC30 in piena regola (o forse una NC30), anche se non gira abbastanza altrettanto alto. Se a ciò aggiungiamo la consapevolezza che questo motore è ad iniezione ed è omologato Euro5, sono convinto che questo motore troverà la sua strada in una configurazione nuda o addirittura supersportiva. Sarei anche propenso a farlo da solo, se ne avessi l'opportunità. Se questo mi fa sembrare eccessivamente entusiasta è perché lo sono.

Anche il giro è piuttosto divertente. Naturalmente è un bobber, che ha i suoi limiti, ma puoi facilmente trovarli ed essere abbastanza veloce allo stesso tempo. Anche se non sono sicuro che a tutti piacerà il suo suono di scarico, perché è molto caratteristico (attirerà gli acquirenti o no?), ma la guida è fantastica, la potenza va bene, anche le sospensioni vanno bene. Quindi sì, provaci. Fallo. Indulgere. E lasciati sorprendere...

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Vincenzo Burger

Lascia un commento

tag

C'è un nuovo ragazzo in città!

All'improvviso sembra che tutti, insieme ai loro vicini, stiano spingendo le motociclette a un ritmo allarmante. Ma non lo vediamo come una cosa negativa, forse un po' confuso, ma è qui che entriamo in gioco noi. Di seguito, elaboreremo la gamma di nuove bici dell'ultima aggiunta, il motore QJ.

Ora, quando diciamo nuovo, in realtà intendiamo "nuovo per il BeNeLux", ma c'è molto di più. Come avrai intuito, il motore QJ è cinese, il che significa che devi immergerti un po' nella sua storia per sapere con cosa hai a che fare. Avendo sede nei Paesi Bassi, la nostra prospettiva è limitata all'importatore, su cui riteniamo non sarebbe molto interessante approfondire troppo. Si può però dire che MotoMondo si è impegnata per regalarci questo marchio, in collaborazione con il gruppo Louwman, a sua volta importatore di moto Suzuki. Quindi questi importanti attori del mercato BeNeLux si fidano abbastanza del marchio da collegare ad esso il loro nome. E questo ti dice quanto credono che siano ben fatte queste bici.

Il che non è molto sorprendente se si fa davvero un tuffo nel marchio, nel suo proprietario, nei partner e nei prodotti. Come nel caso di molti altri marchi cinesi, QJ Motor ha distribuito milioni di unità e dispone di un portafoglio che molti altri marchi possono solo sognare. Ad esempio, anche le bici Benelli sono prodotte in Cina, dalla stessa azienda.

QJ Motor si è già fatto un nome in Asia, potresti persino riconoscere il marchio dalla competizione nel Gran Premio. Non sono nuovi giocatori che hanno creato una gamma di biciclette piuttosto ordinata. Una cosa che risalta però è il focus di questa gamma. Ovviamente nel loro catalogo ci sono un sacco di bici di piccola cilindrata, ma presenta anche alcune interessanti bici più grandi. Queste sono le bici a cui il mercato internazionale è molto più interessato, e quindi queste bici stanno arrivando da noi proprio adesso. Forse alcuni lettori potrebbero scoprire che manca un modello, ma il motivo principale è probabilmente un aggiornamento imminente che l'importatore sta aspettando. Da smistare prima o poi, ampliando così la gamma. Aspetta e riceverai.

In questo momento abbiamo cinque diverse grandi moto e altre arriveranno questo o il prossimo anno. Aggiungi le bici da 125 cc e puoi parlare di un'autonomia molto buona. Mettili tutti insieme (come abbiamo fatto nella foto) e avrai bisogno di un bel po' di spazio!

Quindi eccoci qui, esamineremo brevemente alcune delle caratteristiche di queste bici e diremo qualcosa su come appaiono, si sentono o ci impressionano in altro modo.

SRT800

A partire dalla più grande del lotto, la SRT 800. Si tratta di una bici bicilindrica da 800 cc in stile avventura disponibile in due versioni, base o Touring. La differenza tra le due, non diversamente dalle altre bici di questa categoria, è il kit bagagli. E IMHO ti sarebbe difficile acquistare la versione base, dato che puoi sempre lasciare le custodie a casa quando ne hai voglia, ma averle comunque quando stai per intraprendere un grande viaggio.

La bici stessa è GRANDE. È gestibile, ma sì, è una manciata. Tutte le funzionalità funzionano come ti aspetteresti, fino alla connettività, permettendoti di eseguire la navigazione sul tuo telefono che appare sul grande cruscotto. Onestamente mi sembra abbastanza buono. Con la navigazione sul tuo cellulare sempre migliore, non c'è più davvero bisogno di acquistare tecnologie di navigazione dedicate.

La bici va come ti aspetteresti da un bicilindrico 800, ma ha un pizzico di ruvidità nella mappatura dell'iniezione. Ci vuole un po' per abituarsi, ma non è un grosso problema. Se ti piacciono le cose un po' più fluide, c'è il modello 700, che in realtà è dotato di un motore più recente e apparentemente più perfezionato.

SRT700

A quanto pare, la moto da 700 cc è davvero molto simile alla 800. E sapendo che guida un po' meglio e non è molto indietro in termini di potenza, questa potrebbe essere proprio quella giusta da scegliere. Come le altre bici, è dotata di tutta l'elettronica di cui hai bisogno, ma senza fronzoli. Quindi niente controllo della trazione a milioni di passi, niente controllo dell'impennata o ABS in curva, niente cambio rapido, niente di tutto questo. Ma viene fornito con Showa, Brembo e un sacco di altre parti che abbiamo imparato ad apprezzare. Sembra un po' più leggero rispetto all'800, quindi se dovessi scegliere, probabilmente sceglierei questo. Anche se ne ha un po' 'Konstantfahrtruckeln' (cercalo :-))– è ce crescere su di te.

SRK800RR

Questa è sicuramente una sorpresa. Chi avrebbe mai pensato che un produttore sarebbe stato abbastanza coraggioso da costruire una nuova moto supersportiva a quattro cilindri in linea al giorno d'oggi? Ma è qui ed è reale. E ha del potenziale; con i suoi modesti 100 CV non è la moto più potente in circolazione – considerando che ha 800 cc, non 600 – ma non ha alcuna importanza. Questo potrebbe essere stato un fattore squalificante fino a circa dieci anni fa, ma i tempi sono cambiati. Questo tipo di potenza lascia un certo margine di affidabilità – il motore non deve lavorare tanto – e di una quantità di coppia davvero soddisfacente.

Ciò non cambia la sensazione di essere riportati indietro di circa un decennio quando passiamo da questa macchina. L'intero setup urla semplicemente: 'siamo stati qui... molto tempo fa'. Nonostante il display TFT, le luci a LED e le ali aerodinamiche su ciascun lato, è semplicemente un po'... nostalgico sedersi su una moto che ha così tanto focus sull'anteriore. Ma una volta che l’immagine svanisce, cresce dentro di te. Perché ricorda; queste bici erano divertenti, vero? Erano la bici preferita per qualunque cosa facessimo, che si trattasse di un lungo viaggio in autostrada, di una vacanza di tre settimane o di una veloce corsa su un passo di montagna, non c'era discussione. Quindi forse... siamo invecchiati?

Ad ogni modo, se tu, come me, ricordi com'era una volta, beh, è ​​proprio così. Con i bonus aggiuntivi degli espedienti digitali di cui abbiamo appena parlato – e non dimentichiamoci dell'aspetto. Sembra davvero fantastico. Anche se si riconoscono alcuni dettagli stilistici, l'aspetto generale non ne risente, forse addirittura il contrario. E beh, se ti piace guidare una Supersport a un passo dalla sua vita, ecco una nuova opzione per te... e non è poi così costosa!

SRC 550

Questo era quello che non vedevo davvero l'ora. Sembra divertente appena uscito dalla scatola. E davvero, non delude. Si tratta di una bicilindrica nuda, con una cilindrata appena leggermente inferiore rispetto ai bicilindrici a cui siamo abituati. Quindi puoi immaginare cosa aspettarti, sono circa 60 HP di facilità e, beh, divertimento. La moto non è molto grande, ma sembra molto diversa dalla Ninja 650, ad esempio. Sebbene quella bici abbia visto una discreta evoluzione nel tempo, la sua prima incarnazione era decisamente piccola. La SRK ha saltato quel viaggio per la maggior parte, ma si sente ancora un po' corta in senso longitudinale. Sembra molto simile alle altre bici del marchio, ma decisamente più corta. Ti ci abitui però, non è che tutti si scambieranno le bici come abbiamo fatto ai nostri giorni con QJ Motor, giusto?

Tra le diverse bici che abbiamo provato, sembra che QJ abbia ottenuto il massimo Iniezione di carburante punto su questo. Avevamo solo un esemplare di ciascun modello da testare, quindi non è giusto fare affermazioni definitive, ma ci è sembrato comunque che questa bici sia la più fluida e matura della gamma che abbiamo provato.

Poi c'è l'elettronica: c'è sempre spazio per migliorare, giusto? La bici ha il controllo della trazione, che ovviamente può essere disabilitato, ma ci avrei messo molto più tempo del necessario per capirlo. E vorremmo sapere quanto è bravo nelle impennate, vero? Immagino che dovremo aspettare quella risposta…..

Ad ogni modo, tutte le altre funzionalità funzionano a meraviglia, compreso il display, la connettività e tutti gli altri modernismi di cui possiamo facilmente fare a meno, tuttavia sono sicuramente "carini da avere" su una nuova bici.

Infine mi chiedo come si comporterebbe questa moto a lungo raggio e con i bagagli, magari per un'altra volta….

SRV600

L'ultima bici della gamma che abbiamo provato si è rivelata la sorpresa più grande. Potresti pensare che abbia una famigliaguarda, ci ricorda thLe motociclette prodotte da un certo produttore americano, e beh, non è una coincidenza.

Ma la SRV 600 ha qualcos'altro da offrire che non abbiamo nemmeno notato subito – e questo è davvero il suo più grande punto di forza: questa moto è alimentata da un V4. Vedi il sistema di scarico? Sono 4 marmitte, signore. All'inizio non ce ne siamo accorti, ma siamo stati corretti molto presto. Mentre i vari membri del nostro gruppo di corrispondenti motociclistici si davano il cambio guidando tutte le diverse moto, ci è voluto un po' prima che il nostro turno guidasse la SRV, ma ragazzi – ha mai disturbato i nostri sensi! Direttamente da fermo, avviandolo si ottiene un suono stereo completo. E questo suono non assomiglia nemmeno ai motori V4 che conosciamo. Nemmeno un milione di miglia suona come una Ducati, né come una VFR. Forse somiglia un po' ad un'Aprilia, ma soprattutto suona come un ottimo V4 degli anni Novanta. Sì, in effetti, guidare questa moto tipo cruiser/bobber con una vendetta ti fa sentire come se stessi cercando di battere il record sul giro dell'Isola di Man su una RC30 in piena regola (o forse una NC30), anche se non gira abbastanza altrettanto alto. Se a ciò aggiungiamo la consapevolezza che questo motore è ad iniezione ed è omologato Euro5, sono convinto che questo motore troverà la sua strada in una configurazione nuda o addirittura supersportiva. Sarei anche propenso a farlo da solo, se ne avessi l'opportunità. Se questo mi fa sembrare eccessivamente entusiasta è perché lo sono.

Anche il giro è piuttosto divertente. Naturalmente è un bobber, che ha i suoi limiti, ma puoi facilmente trovarli ed essere abbastanza veloce allo stesso tempo. Anche se non sono sicuro che a tutti piacerà il suo suono di scarico, perché è molto caratteristico (attirerà gli acquirenti o no?), ma la guida è fantastica, la potenza va bene, anche le sospensioni vanno bene. Quindi sì, provaci. Fallo. Indulgere. E lasciati sorprendere...

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Vincenzo Burger

Lascia un commento

tag