Timothy Somers è relativamente nuovo sulla scena motociclistica, sicuramente rispetto a un veterano come me che è salito su una moto per la prima volta nel 1980... 

Ma lui - e la sua azienda Powerbrick - hanno davvero iniziato a fare colpo in questo mondo delle due ruote, e sicuramente tra gli appassionati delle BMW della serie K. Ecco dove sono le radici dell'azienda, le K-bike BMW degli anni '80 e dei primi anni '90, con i grandi blocchi motore rettangolari sospesi sotto di loro - da cui il nome "Powerbrick".  

Timothy ha iniziato a guidare nel 2018, ha preso la patente di guida per motociclette e ha acquistato una BMW K100 a buon prezzo. Questo è stato nello stesso momento in cui ha lasciato il lavoro a il suo agenzia di design, avendo lavorato alla progettazione e alla produzione di diversi beni di consumo.  

Dato che lo stile della K-100 non era davvero di suo gusto e ne aveva il tempo, ha iniziato quasi subito a personalizzare la moto nel suo capannone, progettando e poi realizzando lui stesso il primo esemplare della parte. E mettere ogni fase della trasformazione su instagram, che ben presto ha avuto un afflusso costante di follower, che poi hanno anche iniziato a chiedergli di vendere loro queste parti che aveva progettato.  

Powerbrick – l'azienda – è nata. Ha iniziato a far produrre le parti in quantità maggiori e a venderle attraverso la sua pagina insta. Come designer professionista, Timothy sviluppa completamente i suoi prodotti sul suo computer in rendering 3D. E questi disegni possono essere inviati subito alla fabbrica che sarà entrato in produzione!  

Il business dei ricambi è effettivamente fiorito durante gli anni del covid. Immagino che molti appassionati siano rimasti bloccati a casa con una bici della serie K nel capannone, hanno avuto l'impulso di farla funzionare e avere un aspetto migliore, hanno avuto il tempo di setacciare Internet alla ricerca di idee, ma poi anche il tempo di fare davvero qualcosa Esso…

La maggior parte delle vendite nasce dalla presenza su Instagram di Powerbrick, magari un po' via Facebook, ma il tutto senza spendere soldi in marketing! Più recentemente, Powerbrick ha iniziato a promuovere il marchio ai saloni motociclistici, come il BMW Motorrad giorni a Berlino e il BikeShed MotoShow a Londra questa primavera. 

Come prevedibile per un'azienda dell'era di Internet, la clientela di Powerbrick è davvero internazionale, con molti ordini dagli Stati Uniti e dall'Australia e relativamente pochi dal suo "mercato interno", i Paesi Bassi. 

Negli ultimi due anni, sono state acquistate più motociclette come piattaforma di sviluppo per le sue parti da un lato e per mostrare le parti che sta producendo dall'altro. Queste motociclette vengono poi vendute una volta finite, creando Powerbricks un negozio personalizzato in cima a un'attività di progettazione e produzione di parti.  

L'anno scorso (2022), Powerbrick ha realizzato due di queste conversioni completamente personalizzate, hanno in programma di farne tre quest'anno e poi continuare su un percorso di crescita costante ma controllato: 4 conversioni complete nel 2024. Timothy vuole mantenere il pieno controllo delle sue abitudini, costruendole in conformità con lo stile Powerbrick e non limitato da clienti esigenti. L'allestimento di Powerbrick a Schiedam, in Olanda, lo riflette molto bene: un'officina spartana ma ben attrezzata – come ufficio e magazzino – in uno spazio industriale in procinto di essere demolito, e solo Timothy e Sazza, il suo fidato aiutante, a fare tutto il lavoro...  

Powerbrick produce e vende staffe triple personalizzate, sottotelai, set di filtri dell'aria, coperture dei fari, tappi del serbatoio, scarichi... In tutto circa 70 parti diverse, tutte progettate internamente e prodotte esclusivamente per Powerbrick. Principalmente per la serie K di BMW, ma più recentemente si stanno espandendo anche alla serie R.  

E, proprio ora, Powerbrick è all'inizio di una nuova entusiasmante avventura, sfidando le Harley Davidson. Per il concessionario HD di Amsterdam/Rotterdam, Powerbrick sta iniziando a convertire 3 Harley nuove di zecca; uno Sportster, un modello adventure-touring, ma anche una bici elettrica, la LiveWire. Siamo entusiasti di vedere come saranno quelle bici!

By Pubblicato il: 8 agosto 2023Categorie: Articoli, Profilo del costruttore di biciclette, Cafe Racer, Artigianato personalizzato Commenti su Powerbrick3.7 min lettoVisualizzazioni: 653

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Jaco Zijlstra

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy e della gestione della Condizioni d'uso.

tag

Timothy Somers è relativamente nuovo sulla scena motociclistica, sicuramente rispetto a un veterano come me che è salito su una moto per la prima volta nel 1980... 

Ma lui - e la sua azienda Powerbrick - hanno davvero iniziato a fare colpo in questo mondo delle due ruote, e sicuramente tra gli appassionati delle BMW della serie K. Ecco dove sono le radici dell'azienda, le K-bike BMW degli anni '80 e dei primi anni '90, con i grandi blocchi motore rettangolari sospesi sotto di loro - da cui il nome "Powerbrick".  

Timothy ha iniziato a guidare nel 2018, ha preso la patente di guida per motociclette e ha acquistato una BMW K100 a buon prezzo. Questo è stato nello stesso momento in cui ha lasciato il lavoro a il suo agenzia di design, avendo lavorato alla progettazione e alla produzione di diversi beni di consumo.  

Dato che lo stile della K-100 non era davvero di suo gusto e ne aveva il tempo, ha iniziato quasi subito a personalizzare la moto nel suo capannone, progettando e poi realizzando lui stesso il primo esemplare della parte. E mettere ogni fase della trasformazione su instagram, che ben presto ha avuto un afflusso costante di follower, che poi hanno anche iniziato a chiedergli di vendere loro queste parti che aveva progettato.  

Powerbrick – l'azienda – è nata. Ha iniziato a far produrre le parti in quantità maggiori e a venderle attraverso la sua pagina insta. Come designer professionista, Timothy sviluppa completamente i suoi prodotti sul suo computer in rendering 3D. E questi disegni possono essere inviati subito alla fabbrica che sarà entrato in produzione!  

Il business dei ricambi è effettivamente fiorito durante gli anni del covid. Immagino che molti appassionati siano rimasti bloccati a casa con una bici della serie K nel capannone, hanno avuto l'impulso di farla funzionare e avere un aspetto migliore, hanno avuto il tempo di setacciare Internet alla ricerca di idee, ma poi anche il tempo di fare davvero qualcosa Esso…

La maggior parte delle vendite nasce dalla presenza su Instagram di Powerbrick, magari un po' via Facebook, ma il tutto senza spendere soldi in marketing! Più recentemente, Powerbrick ha iniziato a promuovere il marchio ai saloni motociclistici, come il BMW Motorrad giorni a Berlino e il BikeShed MotoShow a Londra questa primavera. 

Come prevedibile per un'azienda dell'era di Internet, la clientela di Powerbrick è davvero internazionale, con molti ordini dagli Stati Uniti e dall'Australia e relativamente pochi dal suo "mercato interno", i Paesi Bassi. 

Negli ultimi due anni, sono state acquistate più motociclette come piattaforma di sviluppo per le sue parti da un lato e per mostrare le parti che sta producendo dall'altro. Queste motociclette vengono poi vendute una volta finite, creando Powerbricks un negozio personalizzato in cima a un'attività di progettazione e produzione di parti.  

L'anno scorso (2022), Powerbrick ha realizzato due di queste conversioni completamente personalizzate, hanno in programma di farne tre quest'anno e poi continuare su un percorso di crescita costante ma controllato: 4 conversioni complete nel 2024. Timothy vuole mantenere il pieno controllo delle sue abitudini, costruendole in conformità con lo stile Powerbrick e non limitato da clienti esigenti. L'allestimento di Powerbrick a Schiedam, in Olanda, lo riflette molto bene: un'officina spartana ma ben attrezzata – come ufficio e magazzino – in uno spazio industriale in procinto di essere demolito, e solo Timothy e Sazza, il suo fidato aiutante, a fare tutto il lavoro...  

Powerbrick produce e vende staffe triple personalizzate, sottotelai, set di filtri dell'aria, coperture dei fari, tappi del serbatoio, scarichi... In tutto circa 70 parti diverse, tutte progettate internamente e prodotte esclusivamente per Powerbrick. Principalmente per la serie K di BMW, ma più recentemente si stanno espandendo anche alla serie R.  

E, proprio ora, Powerbrick è all'inizio di una nuova entusiasmante avventura, sfidando le Harley Davidson. Per il concessionario HD di Amsterdam/Rotterdam, Powerbrick sta iniziando a convertire 3 Harley nuove di zecca; uno Sportster, un modello adventure-touring, ma anche una bici elettrica, la LiveWire. Siamo entusiasti di vedere come saranno quelle bici!

By Pubblicato il: 8 agosto 2023Categorie: Articoli, Profilo del costruttore di biciclette, Cafe Racer, Artigianato personalizzato Commenti su Powerbrick3.7 min lettoVisualizzazioni: 653

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Jaco Zijlstra

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy e della gestione della Condizioni d'uso.

tag