Prima di iniziare, noi di BikeBrewers, sentiamo la necessità di condividere alcuni sviluppi dell'anno passato. Come avrai notato, abbiamo pubblicato una serie di recensioni di moto e abbigliamento sul nostro sito Web e sui nostri canali social, Instagram, Facebook, Pinterest e YouTube incluso .

Questo è in risposta all'afflusso di inviti da parte dei produttori a provare e rivedere i loro nuovi modelli, caschi e abbigliamento. Questo ci ha ispirato a includere più articoli sul nostro sito web, quelli che ci piace chiamare "stile di vita petrolifero". Crediamo che sia un'ottima opportunità per dare ai nostri follower uno sguardo più ampio su ciò che sta accadendo nel mondo delle motociclette. Cerchiamo di adottare un approccio leggermente diverso quando scriviamo delle nostre esperienze. Stare lontano da tutte le cose tecniche che scavano in profondità, cerchiamo di esprimere le nostre emozioni quando guidiamo qualcosa di nuovo o diverso.

Naturalmente rimarremo sempre fedeli al nostro principio fondamentale, ovvero le motociclette costruite su misura. Ma secondo noi il sale della vita è la varietà.

Nell'articolo qui sotto il nostro membro del team Ron è stato invitato per un giro serio in Spagna. Ha sempre affermato di non essere mai stato visto in sella a una moto d'avventura, ma è tornato un uomo cambiato.

Godetevi il suo coning out!

Team editoriale

ragazzo retrò
Le motociclette personalizzate in stile retrò sono principalmente progettate per la guida nelle aree urbane. Essendo un grande fan delle motociclette in stile retrò e vintage, probabilmente ti aspetteresti che diventi molto eccitato alla prospettiva di guidare una Kawasaki Z900RS piuttosto che il modello Versys 1000 S dello stesso marchio.

È un ragionamento molto logico poiché sono noto soprattutto per il mio coinvolgimento con la scena retrò e personalizzata. Tuttavia, le cose sono cambiate radicalmente dopo aver trascorso un'intera giornata a guidare su tortuose strade di campagna in Catalogna, in Spagna.

1000+ curve in 9 ore
Su invito di Kawasaki ho preso parte alla 'Kawasaki Versys Experience' che è un evento organizzato da Kawasaki Europe in collaborazione con il CromRide. Il CromRide ha celebrato quest'anno il suo quinto anniversario ed è più o meno un "giro catalano locale" organizzato da Joan Martí Utset e dal suo team di Crom Events. Quando dico "locale" intendo davvero regionale poiché i corridori vengono da tutta la Catalogna e da altre parti della Spagna per partecipare.

La corsa in sé è una sfida di 12 ore, 570 km e oltre 2000 curve, che conduce i ciclisti lungo strade fantastiche e panorami affascinanti sulle montagne dei Pirenei. In collaborazione con Crom Events, Kawasaki ha organizzato un "Evento esperienziale Versys". 18 giornalisti provenienti da vari paesi europei sono stati invitati a provare la Kawasaki Versys 2021 S 1000 durante un'intera giornata di guida. Nel nostro caso si trattava di una 'versione light' da 10 ore, 370 km e oltre 1000 curve da conquistare.

Versi 1000
È stato il mio primo incontro con la Versys 1000 S il giorno in cui siamo partiti per questo viaggio di 370 km. Ci sono stati strani corteggiamenti con le moto d'avventura nella mia esperienza motociclistica di 45 anni, ma mai una corsa così seria come quella che stavo intraprendendo quel giorno.

Ho una mente aperta quando si tratta di andare in moto e mi emoziono facilmente con qualsiasi cosa motorizzata con due ruote. Finché ci sono coppia e velocità coinvolte, puoi contare su di me!

La Kawasaki è una macchina impressionante da qualunque angolazione la si guardi. Se lo vedi avvicinarsi nello specchietto retrovisore lo lascerai passare piuttosto che sfidarlo a duello. La moto ha una certa aggressività incorporata nella sua parte anteriore, ma il design generale è di classe, moderno e distinto. Ha 'pronto per portarti dove vuoi andare' scritto dappertutto.

Le Kawasaki Versys 1000 S e SE sono chiaramente progettate per offrire il massimo divertimento di guida in un'ampia varietà di situazioni di guida su strada. Che si guidi da solo o in coppia, dietro l'angolo o intorno al mondo, questa divertente moto da turismo sportiva combina un motore In-Line Four altamente reattivo, chiaramente sintonizzato per la flessibilità, e un telaio agile che è dotato di sospensioni dinamiche, farà sicuramente sorridere i motociclisti nei loro caschi. Anche se per l'occasione indossavo un casco integrale da avventura, sono sicuro che il mio sorriso fosse facilmente individuabile da lontano.

Posizione del pilota
Con la prospettiva di dover guidare per 10 ore o più, speravo in un comfort maggiore di quello a cui ero abituato su tutte le macchine retrò e vintage che guido regolarmente. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla sua posizione di guida rilassata ed eretta che offriva un alto livello di controllo della macchina, ed era completata da una sella molto confortevole e da una buona protezione dal vento, che rendeva facile passare molto tempo in sella.

Parlando di livello di controllo; era qualcosa per cui ero e sono tuttora molto grato a Kawasaki. I "ragazzi del posto" che ho incontrato, che partecipavano anche loro al CromRide nei punti in cui le due rotte si mescolavano, si tuffavano "a tutto gas" in ogni curva che incontravamo. Inutile dire che il mio testosteron mi ha urlato di andare all'inseguimento, ma non potevo competere con loro. L'evidente svantaggio dell'insufficiente esperienza di strada di montagna e dell'essere nuovi a tutte quelle curve, sapevano chiaramente cosa stavano facendo. Probabilmente hanno nuove queste strade così come il dorso delle loro mani.

Solo la bici e io
Lasciando le loro spalle per quello che erano, ho deciso di optare per un'esperienza solo con me e la Versys 1000 S. Continuando a guidare leggermente più veloce di quanto consentito dalla legge, la Versys e io abbiamo sviluppato una storia d'amore lungo la strada. Non abbiamo incontrato quasi nessun altro veicolo per la maggior parte della giornata, è stato facile concentrarsi sull'instaurazione di un vero rapporto tra me e la Versys. Sono rimasto impressionato dalla sua bellezza, dalla sua sicurezza lungo quelle sinuose strade di campagna, ma forse soprattutto, dall'ampia coppia disponibile in tutte le marce. L'ammirazione deve essere stata reciproca, poiché la Kawasaki era chiaramente soddisfatta della mia maneggevolezza e velocità con cui ho spinto la moto attraverso le montagne dei Pirenei.

Più evidente è stato il perdono della macchina quando si è trattato di fare stupidi errori di frenata alla fine della prima tappa, poco prima di pranzo. Dopo un ottimo inizio mattutino e un sacco di divertimento, il mio stomaco vuoto e la mancanza di caffeina mi hanno chiaramente riportato nel quadrante 'coscientemente incompetente' della matrice. Ci sono stati un paio di momenti difficili in cui ho frenato nel momento sbagliato, ma la Versys ha preso il controllo e ci ha guidato sani e salvi in ​​quelle curve.

La Kawasaki Versys 1000 viene fornita di serie con 3 diverse modalità di guida: sport, strada e pioggia. Nella modalità "strada" è disponibile una potenza più che sufficiente. Passando a "Sport" il Versys perderà la giacca di lana e mostrerà il suo "potere del lupo". Abbastanza la differenza ed è bene avere una scelta in base al proprio stato d'animo personale.

Dopo pranzo tuffo
La nostra sosta per il pranzo era programmata al "Hostatgeria Restaurant Santuari de Montgrony" da qualche parte in alta montagna in un luogo che può essere raggiunto solo tramite un passaggio dedicato, che termina in un "cul de sac". Lì, i nostri ospiti ci stavano aspettando. Durante la condivisione del delizioso cibo, è stato anche il momento di confrontare le note con i colleghi della stampa. Era molto chiaro che tutti loro erano impressionati dalla Versys quanto me, e non vedevamo l'ora che iniziasse la seconda parte della corsa. Alcuni di loro avevano paura di un 'bagno dopo pranzo', ma con l'adrenalina che mi scorreva nelle vene non c'era niente del genere da parte mia.

Al mattino avevo attraversato una ripida curva di apprendimento. Ma con oltre 45 anni di esperienza di guida sono ancora uno studente veloce e per i restanti 180 chilometri, mi sono davvero buttato a capofitto. Con il tempo non essendo un fattore, era solo la strada, la successione ininterrotta di curve emozionanti, la Versys 1000 S e io per le prossime cinque ore. Che sensazione gloriosa.

Guardando indietro
Ho iniziato questo post affermando che non sono davvero un tipo da "moto da avventura". Ritiro ora quelle parole. Lo sono sicuramente! La Kawasaki Versys 1000 è riuscita a convertirmi alla convinzione che ci sia un sacco di eccitazione e divertimento nel guidare questo tipo di moto, specialmente su strade come quelle che ci hanno sfidato a guidare quel giorno.

In breve; La Kawasaki Versys 1000 è sicuramente una moto che aggiungerò alla scuderia. Ha tutto ciò che cerchi in una bici che vuoi portare per un giro che è più di un giro occasionale nel tuo paese. Ti sedurrà a prendere la "strada lunga verso casa" ogni volta che sali a bordo o magari aggiungere qualche giorno in più a un viaggio internazionale.

È un compagno affidabile che viene fornito con un pacchetto completo di attrezzatura elettronica per aiutarti a goderti ancora di più il viaggio.

Conclusione finale in una parola: SI!

Dati tecnici:

Dimensioni
Lunghezza totale: 2,270 mm
Larghezza totale: 950 mm
Altezza totale: 1,530 mm / 1,490 mm (posizione alta/bassa)
Interasse: 1,520 mm
Luce libera: 150 mm
Altezza seduta: 840 mm

Massa in ordine di marcia
SE: 257 chilogrammi
S: 255 kg
Capacità serbatoio carburante: litri 21

Prestazioni
massimo potenza: 88.2 kW {120 PS} / 9,000 min-
massimo coppia: 102.0 N·m {10.4 kgƒ·m} / 7,500 min

motore
Tipo: Quattro tempi in linea raffreddato a liquido
Sistema di valvole: DOHC, 16 valvole
Alesaggio x corsa: 77.0 x 56.0 mm
Dislocamento: 1,043 cm3

Kawasaki Versys 1000
CromRide
CromRide – Instagram
CromEventi

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Un commento

  1. KRSSS Ottobre 18, 2021 a 7: 23 am - Rispondi

    Le strade in catalogna sono le migliori!! =)

    Saluti di un ragazzo retrò di Osona!

Lascia un commento

tag

Prima di iniziare, noi di BikeBrewers, sentiamo la necessità di condividere alcuni sviluppi dell'anno passato. Come avrai notato, abbiamo pubblicato una serie di recensioni di moto e abbigliamento sul nostro sito Web e sui nostri canali social, Instagram, Facebook, Pinterest e YouTube incluso .

Questo è in risposta all'afflusso di inviti da parte dei produttori a provare e rivedere i loro nuovi modelli, caschi e abbigliamento. Questo ci ha ispirato a includere più articoli sul nostro sito web, quelli che ci piace chiamare "stile di vita petrolifero". Crediamo che sia un'ottima opportunità per dare ai nostri follower uno sguardo più ampio su ciò che sta accadendo nel mondo delle motociclette. Cerchiamo di adottare un approccio leggermente diverso quando scriviamo delle nostre esperienze. Stare lontano da tutte le cose tecniche che scavano in profondità, cerchiamo di esprimere le nostre emozioni quando guidiamo qualcosa di nuovo o diverso.

Naturalmente rimarremo sempre fedeli al nostro principio fondamentale, ovvero le motociclette costruite su misura. Ma secondo noi il sale della vita è la varietà.

Nell'articolo qui sotto il nostro membro del team Ron è stato invitato per un giro serio in Spagna. Ha sempre affermato di non essere mai stato visto in sella a una moto d'avventura, ma è tornato un uomo cambiato.

Godetevi il suo coning out!

Team editoriale

ragazzo retrò
Le motociclette personalizzate in stile retrò sono principalmente progettate per la guida nelle aree urbane. Essendo un grande fan delle motociclette in stile retrò e vintage, probabilmente ti aspetteresti che diventi molto eccitato alla prospettiva di guidare una Kawasaki Z900RS piuttosto che il modello Versys 1000 S dello stesso marchio.

È un ragionamento molto logico poiché sono noto soprattutto per il mio coinvolgimento con la scena retrò e personalizzata. Tuttavia, le cose sono cambiate radicalmente dopo aver trascorso un'intera giornata a guidare su tortuose strade di campagna in Catalogna, in Spagna.

1000+ curve in 9 ore
Su invito di Kawasaki ho preso parte alla 'Kawasaki Versys Experience' che è un evento organizzato da Kawasaki Europe in collaborazione con il CromRide. Il CromRide ha celebrato quest'anno il suo quinto anniversario ed è più o meno un "giro catalano locale" organizzato da Joan Martí Utset e dal suo team di Crom Events. Quando dico "locale" intendo davvero regionale poiché i corridori vengono da tutta la Catalogna e da altre parti della Spagna per partecipare.

La corsa in sé è una sfida di 12 ore, 570 km e oltre 2000 curve, che conduce i ciclisti lungo strade fantastiche e panorami affascinanti sulle montagne dei Pirenei. In collaborazione con Crom Events, Kawasaki ha organizzato un "Evento esperienziale Versys". 18 giornalisti provenienti da vari paesi europei sono stati invitati a provare la Kawasaki Versys 2021 S 1000 durante un'intera giornata di guida. Nel nostro caso si trattava di una 'versione light' da 10 ore, 370 km e oltre 1000 curve da conquistare.

Versi 1000
È stato il mio primo incontro con la Versys 1000 S il giorno in cui siamo partiti per questo viaggio di 370 km. Ci sono stati strani corteggiamenti con le moto d'avventura nella mia esperienza motociclistica di 45 anni, ma mai una corsa così seria come quella che stavo intraprendendo quel giorno.

Ho una mente aperta quando si tratta di andare in moto e mi emoziono facilmente con qualsiasi cosa motorizzata con due ruote. Finché ci sono coppia e velocità coinvolte, puoi contare su di me!

La Kawasaki è una macchina impressionante da qualunque angolazione la si guardi. Se lo vedi avvicinarsi nello specchietto retrovisore lo lascerai passare piuttosto che sfidarlo a duello. La moto ha una certa aggressività incorporata nella sua parte anteriore, ma il design generale è di classe, moderno e distinto. Ha 'pronto per portarti dove vuoi andare' scritto dappertutto.

Le Kawasaki Versys 1000 S e SE sono chiaramente progettate per offrire il massimo divertimento di guida in un'ampia varietà di situazioni di guida su strada. Che si guidi da solo o in coppia, dietro l'angolo o intorno al mondo, questa divertente moto da turismo sportiva combina un motore In-Line Four altamente reattivo, chiaramente sintonizzato per la flessibilità, e un telaio agile che è dotato di sospensioni dinamiche, farà sicuramente sorridere i motociclisti nei loro caschi. Anche se per l'occasione indossavo un casco integrale da avventura, sono sicuro che il mio sorriso fosse facilmente individuabile da lontano.

Posizione del pilota
Con la prospettiva di dover guidare per 10 ore o più, speravo in un comfort maggiore di quello a cui ero abituato su tutte le macchine retrò e vintage che guido regolarmente. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla sua posizione di guida rilassata ed eretta che offriva un alto livello di controllo della macchina, ed era completata da una sella molto confortevole e da una buona protezione dal vento, che rendeva facile passare molto tempo in sella.

Parlando di livello di controllo; era qualcosa per cui ero e sono tuttora molto grato a Kawasaki. I "ragazzi del posto" che ho incontrato, che partecipavano anche loro al CromRide nei punti in cui le due rotte si mescolavano, si tuffavano "a tutto gas" in ogni curva che incontravamo. Inutile dire che il mio testosteron mi ha urlato di andare all'inseguimento, ma non potevo competere con loro. L'evidente svantaggio dell'insufficiente esperienza di strada di montagna e dell'essere nuovi a tutte quelle curve, sapevano chiaramente cosa stavano facendo. Probabilmente hanno nuove queste strade così come il dorso delle loro mani.

Solo la bici e io
Lasciando le loro spalle per quello che erano, ho deciso di optare per un'esperienza solo con me e la Versys 1000 S. Continuando a guidare leggermente più veloce di quanto consentito dalla legge, la Versys e io abbiamo sviluppato una storia d'amore lungo la strada. Non abbiamo incontrato quasi nessun altro veicolo per la maggior parte della giornata, è stato facile concentrarsi sull'instaurazione di un vero rapporto tra me e la Versys. Sono rimasto impressionato dalla sua bellezza, dalla sua sicurezza lungo quelle sinuose strade di campagna, ma forse soprattutto, dall'ampia coppia disponibile in tutte le marce. L'ammirazione deve essere stata reciproca, poiché la Kawasaki era chiaramente soddisfatta della mia maneggevolezza e velocità con cui ho spinto la moto attraverso le montagne dei Pirenei.

Più evidente è stato il perdono della macchina quando si è trattato di fare stupidi errori di frenata alla fine della prima tappa, poco prima di pranzo. Dopo un ottimo inizio mattutino e un sacco di divertimento, il mio stomaco vuoto e la mancanza di caffeina mi hanno chiaramente riportato nel quadrante 'coscientemente incompetente' della matrice. Ci sono stati un paio di momenti difficili in cui ho frenato nel momento sbagliato, ma la Versys ha preso il controllo e ci ha guidato sani e salvi in ​​quelle curve.

La Kawasaki Versys 1000 viene fornita di serie con 3 diverse modalità di guida: sport, strada e pioggia. Nella modalità "strada" è disponibile una potenza più che sufficiente. Passando a "Sport" il Versys perderà la giacca di lana e mostrerà il suo "potere del lupo". Abbastanza la differenza ed è bene avere una scelta in base al proprio stato d'animo personale.

Dopo pranzo tuffo
La nostra sosta per il pranzo era programmata al "Hostatgeria Restaurant Santuari de Montgrony" da qualche parte in alta montagna in un luogo che può essere raggiunto solo tramite un passaggio dedicato, che termina in un "cul de sac". Lì, i nostri ospiti ci stavano aspettando. Durante la condivisione del delizioso cibo, è stato anche il momento di confrontare le note con i colleghi della stampa. Era molto chiaro che tutti loro erano impressionati dalla Versys quanto me, e non vedevamo l'ora che iniziasse la seconda parte della corsa. Alcuni di loro avevano paura di un 'bagno dopo pranzo', ma con l'adrenalina che mi scorreva nelle vene non c'era niente del genere da parte mia.

Al mattino avevo attraversato una ripida curva di apprendimento. Ma con oltre 45 anni di esperienza di guida sono ancora uno studente veloce e per i restanti 180 chilometri, mi sono davvero buttato a capofitto. Con il tempo non essendo un fattore, era solo la strada, la successione ininterrotta di curve emozionanti, la Versys 1000 S e io per le prossime cinque ore. Che sensazione gloriosa.

Guardando indietro
Ho iniziato questo post affermando che non sono davvero un tipo da "moto da avventura". Ritiro ora quelle parole. Lo sono sicuramente! La Kawasaki Versys 1000 è riuscita a convertirmi alla convinzione che ci sia un sacco di eccitazione e divertimento nel guidare questo tipo di moto, specialmente su strade come quelle che ci hanno sfidato a guidare quel giorno.

In breve; La Kawasaki Versys 1000 è sicuramente una moto che aggiungerò alla scuderia. Ha tutto ciò che cerchi in una bici che vuoi portare per un giro che è più di un giro occasionale nel tuo paese. Ti sedurrà a prendere la "strada lunga verso casa" ogni volta che sali a bordo o magari aggiungere qualche giorno in più a un viaggio internazionale.

È un compagno affidabile che viene fornito con un pacchetto completo di attrezzatura elettronica per aiutarti a goderti ancora di più il viaggio.

Conclusione finale in una parola: SI!

Dati tecnici:

Dimensioni
Lunghezza totale: 2,270 mm
Larghezza totale: 950 mm
Altezza totale: 1,530 mm / 1,490 mm (posizione alta/bassa)
Interasse: 1,520 mm
Luce libera: 150 mm
Altezza seduta: 840 mm

Massa in ordine di marcia
SE: 257 chilogrammi
S: 255 kg
Capacità serbatoio carburante: litri 21

Prestazioni
massimo potenza: 88.2 kW {120 PS} / 9,000 min-
massimo coppia: 102.0 N·m {10.4 kgƒ·m} / 7,500 min

motore
Tipo: Quattro tempi in linea raffreddato a liquido
Sistema di valvole: DOHC, 16 valvole
Alesaggio x corsa: 77.0 x 56.0 mm
Dislocamento: 1,043 cm3

Kawasaki Versys 1000
CromRide
CromRide – Instagram
CromEventi

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Un commento

  1. KRSSS Ottobre 18, 2021 a 7: 23 am - Rispondi

    Le strade in catalogna sono le migliori!! =)

    Saluti di un ragazzo retrò di Osona!

Lascia un commento

tag