Presentazione di un nuovo BikeBrewer!

Dall'anno scorso, BikeBrewers sta crescendo a un ritmo esponenziale. Non solo i produttori di motociclette e i produttori di abbigliamento per motocicli trovano la loro strada da noi, ma da quando abbiamo reso i nostri contenuti disponibili in oltre 15 lingue, anche la nostra portata si è ampliata in modo significativo. Anche se siamo basati in Europa, le nostre ambizioni non si limitano a questo continente. Cerchiamo di fare il possibile e oltre. Questo può essere raggiunto solo con le persone giuste.
È con questo in mente che siamo orgogliosi di presentare una nuova aggiunta alla nostra redazione! L'olandese Daan Staffhorst è un compagno di corsa in Piloti classici comunità e un appassionato appassionato di moto. Lui e sua moglie Anne si sono trasferiti a New York nel 2019, pochi giorni prima dello scoppio della pandemia. Daan ha accettato di assumere la posizione di nostro corrispondente dalla costa orientale negli Stati Uniti.

Nella sua vita quotidiana, Daan lavora come regista in una società finanziaria. Un lavoro impegnativo, senza dubbio! Durante i giorni feriali, tutto vestito in giacca e cravatta, si tiene occupato fissando fogli di calcolo, a volte costretto a prendere decisioni difficili. Ma nei fine settimana, salta sulla sua Triumph Scrambler e ruggisce sulle strade di campagna, per schiarirsi la mente.

Diamo il benvenuto a Daan come nostro nuovo collega e non vediamo l'ora di condividere le sue avventure in moto con tutti noi. Iniziamo con un primo resoconto di un recente viaggio che ha fatto in Alaska con sua moglie Anne. Daan è chiaramente "felice del grilletto" poiché ci ha fornito 5.000 (!) fotografie tra cui scegliere, oltre a un fantastico video.
Fatto interessante; Daan ha scattato queste foto con il drone mentre era in sella, mentre Anne si occupava del manubrio. Tutto meritorio!

Ecco la prima parte della sua Grande avventura:

[su_youtube url=”https://youtu.be/Rk0eiZA6JEs” width=”800″ title=”'Perdersi in Alaska' un viaggio su strada di BikeBrewer”]

L'ultima frontiera; il miglio dell'Alaska
Che tu sia sulla strada o su un sentiero in Alaska, il miglio dell'Alaska è lo slang locale per l'incapacità di un viaggiatore di stimare con precisione quanto è lontano il prossimo punto di vista, catena montuosa o sosta. A causa della combinazione di terreno accidentato e la vastità del 49° stato americano, il miglio dell'Alaska impiega più tempo a percorrere rispetto al miglio "normale" medio e ti metterà alla prova di più, prima di premiarti con la bellezza naturale senza pari dello stato (o un meritata pausa). Alla fine di agosto, io e mia moglie Anne abbiamo imparato tutto sul miglio dell'Alaska.

In cerca di avventura
Questo è il primo resoconto di un giro impegnativo che volevamo fare da molto tempo.

Da appassionato di motocicletta alla ricerca di nuove avventure di guida, mi sono imbattuto nell'account sui social media della società di noleggio motociclette locale in Alaska MotoQuest. Con sede ad Anchorage, MotoQuest offre un'offerta di tour guidati e autoguidati. Mia moglie ed io eravamo particolarmente interessati a uno dei tour offerti alla fine della stagione equestre. Più ti avvicini all'autunno e all'inverno, più è probabile che tu possa intravedere l'aurora boreale. Tuttavia, il lato negativo è che puoi aspettarti anche una discreta quantità di pioggia.

Ora, mentre guido da diversi anni, la mia esperienza in fuoristrada è limitata. Venendo dai Paesi Bassi abbiamo più asfalto di quello che possiamo divertirci a testare le nostre abilità sulla ghiaia. Inoltre, Anne ha ottenuto la patente non molto prima che potessimo attraversare la catena montuosa del Denali. A seguito di un'assunzione al telefono, abbiamo prenotato una Suzuki V-Strom 650 per un tour autoguidato di 10 giorni, permettendoci di personalizzare il tour e pianificare le nostre giornate come desideravamo.

Nel grande spalancato
Abbiamo iniziato ad attrezzarci, pianificare, corrispondenti alle stazioni di servizio con il chilometraggio previsto, aggiungendo più giorni e miglia lungo il processo. Noleggio di telefoni satellitari, mazza per orsi, kit di pronto soccorso, pompa per pneumatici, kit di toppe per pneumatici, pacchi batteria: volevamo assicurarci che lo scenario peggiore non fosse l'ultimo. Nel tentativo di aumentare la resistenza, abbiamo fatto un giro di prova insieme sulla nostra Triumph Street Scrambler 2018. Una corsa di 4 giorni che copre 900 miglia di strade secondarie attraverso la regione di Catskills, situata a nord di New York City. Si è rivelato un esercizio utile, poiché abbiamo appreso di più sui vantaggi di Gore-Tex e sul lato negativo dei piccoli sedili del passeggero. Inesperti di viaggi in moto fino a questo punto, ci eravamo preparati il ​​più possibile.

Un olandese a New York
Vivendo a New York, volevo andare in Alaska per sperimentare il contrasto della follia tra il trambusto della giungla urbana e la solitudine delle foreste di abeti, dei corridoi fluviali e delle catene montuose dell'Alaska. Pertanto, il nostro percorso includeva la Denali Highway e McCarthy Road, entrambe con tratti fuoristrada e traffico limitato. L'itinerario prevedeva in media circa 4 ore di guida al giorno: la giornata più lunga richiederebbe circa 6.5 ​​ore di guida. Inoltre, dei 10 giorni, abbiamo assicurato 2 giorni di riposo. Abbiamo programmato un'incredibile escursione sul ghiacciaio per il nostro primo giorno di riposo e avremmo trascorso il secondo giorno di riposo in un indimenticabile tour in kayak sul ghiacciaio. Tanto per riposare, ma non ce lo saremmo persi per niente al mondo!




Prima tappa
Preparati e imballati, abbiamo ritirato la bici ad Anchorage e ci siamo diretti a Talkeetna tramite Hatcher Pass. Fuoristrada, tornanti e una forte pendenza hanno reso questo passaggio un buon test per le nostre capacità e per la Suzuki. Impressionati dalle prestazioni del motore da 650 cc, sia la moto che il nostro ego sono usciti indenni dall'Hatcher Pass. Sentendoci rassicurati, il giorno dopo abbiamo puntato sulla Denali Highway, presumibilmente uno dei percorsi più spettacolari del mondo.

Impressioni ed emozioni
È difficile descrivere la sensazione quando abbiamo attraversato la Denali Highway, McCarthy Road o una qualsiasi delle altre strade sul nostro percorso, attraversando dall'asfalto alla ghiaia. La promessa di una strada da percorrere che ti condurrà attraverso una regione così bella è elettrizzante. Valli, foreste, laghi e fauna selvatica: ce l'abbiamo fatta tutta. C'è una certa serenità nell'implacabile vastità di queste aree. Cambiando posto di tanto in tanto, ore di guida volano, accumulando punti panoramici, escursioni, salmone rosso e miglia mentre navighiamo lungo - mentre imparare le miglia dell'Alaska sotto la pioggia può essere impegnativo. Lento e costante vince la gara, e non c'è motivo di correre con le ore di sole in Alaska durante il nostro viaggio.

id=”attachment_17150″ align=”aligncenter” width=”4000″]


Instagram di Daan

Questa è la fine della parte I.
Assicurati di rimanere sintonizzato per il resto di questo rapporto sulla corsa.

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Un commento

  1. Daan van der Keur Novembre 20, 2021 a 2: 16 pm - Rispondi

    Viaggiare in moto è ancora di gran lunga il modo migliore per viaggiare secondo me. Andare in bicicletta è davvero pericoloso, quando vieni morso da un cane fuori dall'Europa (in Iran una volta sono stato inseguito da 10-15 cani nel deserto) la possibilità che tu abbia la rabbia è davvero alta. Un medico del LUMC del Dipartimento di Malattie Infettive dove lavoravo una volta mi disse che è il modo più doloroso di morire. Alla fine ti sembra di vedere dei bug che corrono sullo sfondo.
    Quando compirò 60 anni l'anno prossimo sto pensando di andare in pensione (è possibile dice il sito web di ABP) e poi saltare sulla mia moto per non scendere mai più. Voglio viaggiare dall'Argentina all'Alaska, dalla Norvegia al Sud Africa e da Amsterdam a Vladivostok e poi prendere il traghetto per il Giappone.
    Ho già attraversato la vecchia URSS due volte (prima a Kiev e poi attraverso il Caucaso), quindi è stato prima che cadesse la cortina di ferro. Questi due viaggi sono stati totalmente allucinanti e avranno sempre un posto speciale nel mio cuore. Era nel 1989/1990 proibito andare in URSS in moto ma ho trovato un semplice trucco ed era quello di non dire loro (= Agenzia di Viaggi Intourist per i Voucher e Ambasciata Russa per il Visto) che stavi andando in motocicletta. Ho sempre detto/scritto "Mezzi propri" e per loro significava un'auto ed era permesso. Se sei andato al confine russo con un visto, ti hanno fatto entrare senza problemi.
    Inoltre ho guidato Leiden -> Singapore nel 1992/1993 e Leiden -> Bishek/Kirgyzstan viceversa nel 2019,

Lascia un commento

tag

Presentazione di un nuovo BikeBrewer!

Dall'anno scorso, BikeBrewers sta crescendo a un ritmo esponenziale. Non solo i produttori di motociclette e i produttori di abbigliamento per motocicli trovano la loro strada da noi, ma da quando abbiamo reso i nostri contenuti disponibili in oltre 15 lingue, anche la nostra portata si è ampliata in modo significativo. Anche se siamo basati in Europa, le nostre ambizioni non si limitano a questo continente. Cerchiamo di fare il possibile e oltre. Questo può essere raggiunto solo con le persone giuste.
È con questo in mente che siamo orgogliosi di presentare una nuova aggiunta alla nostra redazione! L'olandese Daan Staffhorst è un compagno di corsa in Piloti classici comunità e un appassionato appassionato di moto. Lui e sua moglie Anne si sono trasferiti a New York nel 2019, pochi giorni prima dello scoppio della pandemia. Daan ha accettato di assumere la posizione di nostro corrispondente dalla costa orientale negli Stati Uniti.

Nella sua vita quotidiana, Daan lavora come regista in una società finanziaria. Un lavoro impegnativo, senza dubbio! Durante i giorni feriali, tutto vestito in giacca e cravatta, si tiene occupato fissando fogli di calcolo, a volte costretto a prendere decisioni difficili. Ma nei fine settimana, salta sulla sua Triumph Scrambler e ruggisce sulle strade di campagna, per schiarirsi la mente.

Diamo il benvenuto a Daan come nostro nuovo collega e non vediamo l'ora di condividere le sue avventure in moto con tutti noi. Iniziamo con un primo resoconto di un recente viaggio che ha fatto in Alaska con sua moglie Anne. Daan è chiaramente "felice del grilletto" poiché ci ha fornito 5.000 (!) fotografie tra cui scegliere, oltre a un fantastico video.
Fatto interessante; Daan ha scattato queste foto con il drone mentre era in sella, mentre Anne si occupava del manubrio. Tutto meritorio!

Ecco la prima parte della sua Grande avventura:

[su_youtube url=”https://youtu.be/Rk0eiZA6JEs” width=”800″ title=”'Perdersi in Alaska' un viaggio su strada di BikeBrewer”]

L'ultima frontiera; il miglio dell'Alaska
Che tu sia sulla strada o su un sentiero in Alaska, il miglio dell'Alaska è lo slang locale per l'incapacità di un viaggiatore di stimare con precisione quanto è lontano il prossimo punto di vista, catena montuosa o sosta. A causa della combinazione di terreno accidentato e la vastità del 49° stato americano, il miglio dell'Alaska impiega più tempo a percorrere rispetto al miglio "normale" medio e ti metterà alla prova di più, prima di premiarti con la bellezza naturale senza pari dello stato (o un meritata pausa). Alla fine di agosto, io e mia moglie Anne abbiamo imparato tutto sul miglio dell'Alaska.

In cerca di avventura
Questo è il primo resoconto di un giro impegnativo che volevamo fare da molto tempo.

Da appassionato di motocicletta alla ricerca di nuove avventure di guida, mi sono imbattuto nell'account sui social media della società di noleggio motociclette locale in Alaska MotoQuest. Con sede ad Anchorage, MotoQuest offre un'offerta di tour guidati e autoguidati. Mia moglie ed io eravamo particolarmente interessati a uno dei tour offerti alla fine della stagione equestre. Più ti avvicini all'autunno e all'inverno, più è probabile che tu possa intravedere l'aurora boreale. Tuttavia, il lato negativo è che puoi aspettarti anche una discreta quantità di pioggia.

Ora, mentre guido da diversi anni, la mia esperienza in fuoristrada è limitata. Venendo dai Paesi Bassi abbiamo più asfalto di quello che possiamo divertirci a testare le nostre abilità sulla ghiaia. Inoltre, Anne ha ottenuto la patente non molto prima che potessimo attraversare la catena montuosa del Denali. A seguito di un'assunzione al telefono, abbiamo prenotato una Suzuki V-Strom 650 per un tour autoguidato di 10 giorni, permettendoci di personalizzare il tour e pianificare le nostre giornate come desideravamo.

Nel grande spalancato
Abbiamo iniziato ad attrezzarci, pianificare, corrispondenti alle stazioni di servizio con il chilometraggio previsto, aggiungendo più giorni e miglia lungo il processo. Noleggio di telefoni satellitari, mazza per orsi, kit di pronto soccorso, pompa per pneumatici, kit di toppe per pneumatici, pacchi batteria: volevamo assicurarci che lo scenario peggiore non fosse l'ultimo. Nel tentativo di aumentare la resistenza, abbiamo fatto un giro di prova insieme sulla nostra Triumph Street Scrambler 2018. Una corsa di 4 giorni che copre 900 miglia di strade secondarie attraverso la regione di Catskills, situata a nord di New York City. Si è rivelato un esercizio utile, poiché abbiamo appreso di più sui vantaggi di Gore-Tex e sul lato negativo dei piccoli sedili del passeggero. Inesperti di viaggi in moto fino a questo punto, ci eravamo preparati il ​​più possibile.

Un olandese a New York
Vivendo a New York, volevo andare in Alaska per sperimentare il contrasto della follia tra il trambusto della giungla urbana e la solitudine delle foreste di abeti, dei corridoi fluviali e delle catene montuose dell'Alaska. Pertanto, il nostro percorso includeva la Denali Highway e McCarthy Road, entrambe con tratti fuoristrada e traffico limitato. L'itinerario prevedeva in media circa 4 ore di guida al giorno: la giornata più lunga richiederebbe circa 6.5 ​​ore di guida. Inoltre, dei 10 giorni, abbiamo assicurato 2 giorni di riposo. Abbiamo programmato un'incredibile escursione sul ghiacciaio per il nostro primo giorno di riposo e avremmo trascorso il secondo giorno di riposo in un indimenticabile tour in kayak sul ghiacciaio. Tanto per riposare, ma non ce lo saremmo persi per niente al mondo!




Prima tappa
Preparati e imballati, abbiamo ritirato la bici ad Anchorage e ci siamo diretti a Talkeetna tramite Hatcher Pass. Fuoristrada, tornanti e una forte pendenza hanno reso questo passaggio un buon test per le nostre capacità e per la Suzuki. Impressionati dalle prestazioni del motore da 650 cc, sia la moto che il nostro ego sono usciti indenni dall'Hatcher Pass. Sentendoci rassicurati, il giorno dopo abbiamo puntato sulla Denali Highway, presumibilmente uno dei percorsi più spettacolari del mondo.

Impressioni ed emozioni
È difficile descrivere la sensazione quando abbiamo attraversato la Denali Highway, McCarthy Road o una qualsiasi delle altre strade sul nostro percorso, attraversando dall'asfalto alla ghiaia. La promessa di una strada da percorrere che ti condurrà attraverso una regione così bella è elettrizzante. Valli, foreste, laghi e fauna selvatica: ce l'abbiamo fatta tutta. C'è una certa serenità nell'implacabile vastità di queste aree. Cambiando posto di tanto in tanto, ore di guida volano, accumulando punti panoramici, escursioni, salmone rosso e miglia mentre navighiamo lungo - mentre imparare le miglia dell'Alaska sotto la pioggia può essere impegnativo. Lento e costante vince la gara, e non c'è motivo di correre con le ore di sole in Alaska durante il nostro viaggio.

id=”attachment_17150″ align=”aligncenter” width=”4000″]


Instagram di Daan

Questa è la fine della parte I.
Assicurati di rimanere sintonizzato per il resto di questo rapporto sulla corsa.

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Un commento

  1. Daan van der Keur Novembre 20, 2021 a 2: 16 pm - Rispondi

    Viaggiare in moto è ancora di gran lunga il modo migliore per viaggiare secondo me. Andare in bicicletta è davvero pericoloso, quando vieni morso da un cane fuori dall'Europa (in Iran una volta sono stato inseguito da 10-15 cani nel deserto) la possibilità che tu abbia la rabbia è davvero alta. Un medico del LUMC del Dipartimento di Malattie Infettive dove lavoravo una volta mi disse che è il modo più doloroso di morire. Alla fine ti sembra di vedere dei bug che corrono sullo sfondo.
    Quando compirò 60 anni l'anno prossimo sto pensando di andare in pensione (è possibile dice il sito web di ABP) e poi saltare sulla mia moto per non scendere mai più. Voglio viaggiare dall'Argentina all'Alaska, dalla Norvegia al Sud Africa e da Amsterdam a Vladivostok e poi prendere il traghetto per il Giappone.
    Ho già attraversato la vecchia URSS due volte (prima a Kiev e poi attraverso il Caucaso), quindi è stato prima che cadesse la cortina di ferro. Questi due viaggi sono stati totalmente allucinanti e avranno sempre un posto speciale nel mio cuore. Era nel 1989/1990 proibito andare in URSS in moto ma ho trovato un semplice trucco ed era quello di non dire loro (= Agenzia di Viaggi Intourist per i Voucher e Ambasciata Russa per il Visto) che stavi andando in motocicletta. Ho sempre detto/scritto "Mezzi propri" e per loro significava un'auto ed era permesso. Se sei andato al confine russo con un visto, ti hanno fatto entrare senza problemi.
    Inoltre ho guidato Leiden -> Singapore nel 1992/1993 e Leiden -> Bishek/Kirgyzstan viceversa nel 2019,

Lascia un commento

tag