Dopo un lungo periodo di riposo, Moto Morini torna! Originariamente italiana, di Milano, MM fa ora parte del gruppo automobilistico Zhongneng dal 2018. Nel 2022 sono stati rilasciati tre nuovi modelli. Tutti progettati in Italia e dotati di alcuni dei migliori e rinomati componenti italiani. Tutto basato sullo stesso motore bicilindrico da 650 cc. Il primo della linea è l'X-Cape, che abbiamo preso per una settimana e che vedremo in un post separato. Durante il lancio ho avuto l'opportunità di guidare la numero 2 e la 3 dello schieramento, entrambe versioni della Seiemmezzo. In italiano significa "sei e mezzo".

First Look

Il Seiemmezzo Scrambler (SCR), disponibile nei colori Night Black e Navy Green, e il Seiemmezzo Street (STR), disponibile nei colori Fire Red, Smokey Anthracite e Starlight White. Un'eccellente selezione di combinazioni di colori che, combinate con l'attenzione per i dettagli e le linee visive attentamente progettate, si traducono in macchine eleganti e belle. Soprattutto l'SCR Navy Green con forcelle anodizzate dorate, sella marrone e dettagli argentati è una delizia per i nostri occhi. Immergiamoci!

Base comune

Entrambi i modelli si basano sullo stesso telaio a traliccio in acciaio con forcellone in alluminio e motore bicilindrico 650. Il motore eroga 47.5 CV a 8250 giri/min e 54 Nm di coppia a 7000 giri/min, consentendo una velocità massima di 175 km/h. Il motore risulta potente e reattivo a tutti i regimi, se si mantengono alti i giri. Entrambi sfoggiano la stessa configurazione di sospensione completamente regolabile fornita da Kayaba, escursione anteriore e posteriore di 120 mm. Entrambi sono alti 810 mm e pesano circa 200 kg (peso a secco).

Entrambi sono rallentati in sicurezza dagli stessi freni anteriori Brembo a doppio disco da 298 mm con ABS Bosch.

 Dietro il faro completamente a LED si trova uno schermo TFT da 5 pollici molto pulito e chiaro con connettività Bluetooth. Permette al ciclista di scegliere tra due tipi di indicatori digitali. Uno assegnato alla STR, l'altro all'SCR. Per accedere alla configurazione, utilizzare i comandi del manubrio intuitivi e retroilluminati.

Differenze

Dove differiscono? Diamo prima un'occhiata.

La STR è più focalizzata sulla strada con un manubrio stretto e cerchi in alluminio da 18" e 17" con pneumatici Pirelli Angel GT. Ha una linea elegante con coda snella, adatta ad un pubblico sportivo e grintoso.

La SCR ha un manubrio più largo, come quelli delle scrambler britanniche degli anni '70, cerchi tubeless a raggi da 18" e 17" con pneumatici Pirelli MT60RS e una sella storica marrone con nervature. Ma cosa significa questo in termini di esperienza di guida?

Esperienza di guida

Mentre l'SCR sembra ben piantato, ma morbido, pronto ad affrontare qualsiasi tipo di superficie stradale, la STR sembra un po' più dura, ma sicura e decisamente più a suo agio su superfici molto lisce.

Ciò è dovuto esclusivamente agli pneumatici. Entrambi i modelli hanno la stessa identica configurazione delle sospensioni con impostazioni identiche tra i modelli che abbiamo testato.

Il manubrio più ampio dell'SCR consente una posizione di guida eretta e rilassata e correzioni fluide.

Al contrario, il manubrio STR più stretto invita ad una posizione sportiva del corpo e all'impegno nelle curve.

Con un'altezza di 185 cm, la sella SCR, i picchetti e le fossette del serbatoio si allineano perfettamente. Sebbene la STR abbia richiesto alcuni minuti per trovare la posizione di guida più comoda, in particolare allineando le cosce con la geometria del serbatoio. In breve, entrambe sono un'assoluta gioia da guidare e un ottimo rapporto qualità-prezzo! L’SCR sarà disponibile nell’UE il mese prossimo e costerà, a seconda delle tasse locali, tra 7350 e 8590 euro. La STR costa 400€ in meno.

E c’è un indizio per un futuro ancora più entusiasmante! Il 2024 dovrebbe essere l'anno di un nuovo motore 1200cc compatibile EURO5 che verrà utilizzato in 3 modelli: SuperAdventure, Milano e Super Scrambler! Fino ad allora, esploreremmo volentieri le curve dell'UE su queste fantastiche bici!

(Foto di Florian Meuret, Rodolphe Herpet e Casper van der Ven)

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag

    Dopo un lungo periodo di riposo, Moto Morini torna! Originariamente italiana, di Milano, MM fa ora parte del gruppo automobilistico Zhongneng dal 2018. Nel 2022 sono stati rilasciati tre nuovi modelli. Tutti progettati in Italia e dotati di alcuni dei migliori e rinomati componenti italiani. Tutto basato sullo stesso motore bicilindrico da 650 cc. Il primo della linea è l'X-Cape, che abbiamo preso per una settimana e che vedremo in un post separato. Durante il lancio ho avuto l'opportunità di guidare la numero 2 e la 3 dello schieramento, entrambe versioni della Seiemmezzo. In italiano significa "sei e mezzo".

First Look

Il Seiemmezzo Scrambler (SCR), disponibile nei colori Night Black e Navy Green, e il Seiemmezzo Street (STR), disponibile nei colori Fire Red, Smokey Anthracite e Starlight White. Un'eccellente selezione di combinazioni di colori che, combinate con l'attenzione per i dettagli e le linee visive attentamente progettate, si traducono in macchine eleganti e belle. Soprattutto l'SCR Navy Green con forcelle anodizzate dorate, sella marrone e dettagli argentati è una delizia per i nostri occhi. Immergiamoci!

Base comune

Entrambi i modelli si basano sullo stesso telaio a traliccio in acciaio con forcellone in alluminio e motore bicilindrico 650. Il motore eroga 47.5 CV a 8250 giri/min e 54 Nm di coppia a 7000 giri/min, consentendo una velocità massima di 175 km/h. Il motore risulta potente e reattivo a tutti i regimi, se si mantengono alti i giri. Entrambi sfoggiano la stessa configurazione di sospensione completamente regolabile fornita da Kayaba, escursione anteriore e posteriore di 120 mm. Entrambi sono alti 810 mm e pesano circa 200 kg (peso a secco).

Entrambi sono rallentati in sicurezza dagli stessi freni anteriori Brembo a doppio disco da 298 mm con ABS Bosch.

 Dietro il faro completamente a LED si trova uno schermo TFT da 5 pollici molto pulito e chiaro con connettività Bluetooth. Permette al ciclista di scegliere tra due tipi di indicatori digitali. Uno assegnato alla STR, l'altro all'SCR. Per accedere alla configurazione, utilizzare i comandi del manubrio intuitivi e retroilluminati.

Differenze

Dove differiscono? Diamo prima un'occhiata.

La STR è più focalizzata sulla strada con un manubrio stretto e cerchi in alluminio da 18" e 17" con pneumatici Pirelli Angel GT. Ha una linea elegante con coda snella, adatta ad un pubblico sportivo e grintoso.

La SCR ha un manubrio più largo, come quelli delle scrambler britanniche degli anni '70, cerchi tubeless a raggi da 18" e 17" con pneumatici Pirelli MT60RS e una sella storica marrone con nervature. Ma cosa significa questo in termini di esperienza di guida?

Esperienza di guida

Mentre l'SCR sembra ben piantato, ma morbido, pronto ad affrontare qualsiasi tipo di superficie stradale, la STR sembra un po' più dura, ma sicura e decisamente più a suo agio su superfici molto lisce.

Ciò è dovuto esclusivamente agli pneumatici. Entrambi i modelli hanno la stessa identica configurazione delle sospensioni con impostazioni identiche tra i modelli che abbiamo testato.

Il manubrio più ampio dell'SCR consente una posizione di guida eretta e rilassata e correzioni fluide.

Al contrario, il manubrio STR più stretto invita ad una posizione sportiva del corpo e all'impegno nelle curve.

Con un'altezza di 185 cm, la sella SCR, i picchetti e le fossette del serbatoio si allineano perfettamente. Sebbene la STR abbia richiesto alcuni minuti per trovare la posizione di guida più comoda, in particolare allineando le cosce con la geometria del serbatoio. In breve, entrambe sono un'assoluta gioia da guidare e un ottimo rapporto qualità-prezzo! L’SCR sarà disponibile nell’UE il mese prossimo e costerà, a seconda delle tasse locali, tra 7350 e 8590 euro. La STR costa 400€ in meno.

E c’è un indizio per un futuro ancora più entusiasmante! Il 2024 dovrebbe essere l'anno di un nuovo motore 1200cc compatibile EURO5 che verrà utilizzato in 3 modelli: SuperAdventure, Milano e Super Scrambler! Fino ad allora, esploreremmo volentieri le curve dell'UE su queste fantastiche bici!

(Foto di Florian Meuret, Rodolphe Herpet e Casper van der Ven)

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag