Nel 1969, quando la Honda Motorcycle Company ha presentato al mondo la sua CB 750, con il suo motore a 4 cilindri in linea da 750 cc raffreddato ad aria, ha letteralmente spazzato via tutta la concorrenza. Non solo hanno costruito la prima superbike prodotta in serie al mondo, ma l'hanno anche venduta a un prezzo accessibile. Si chiamava “The Dream CB 750 Four” e divenne il bisnonno di quella che in seguito sarebbe stata chiamata “Universal Japanese Motorcycles”. Con una velocità massima di 200 km/h (125 mph), freni a disco (la prima motocicletta al mondo a ottenerli) e un ampio numero di innovazioni tecnologiche, la CB 750 è diventata un successo imminente in tutto il mondo.

Dal momento che la CB 750 gareggiava direttamente con Triumph, BMW e Harley-Davidson, anch'essa divenne un oggetto popolare da modificare. Per quanto ci riguarda, la Honda CB 750 è probabilmente la moto più personalizzata di sempre! Abbiamo coperto numerosi progetti che sono stati costruiti attorno alla piattaforma, e sì, HD-Triumph-BMW sono anche bici base incredibilmente popolari, ma semplicemente non possono competere con la Honda in termini di accessibilità; dopotutto è il campione del popolo.

Ora è il 2022 e ancora riceviamo notifiche di motociclette di nuova costruzione che ruotano attorno alla Honda CB 750. Quindi, quando i ragazzi di Moto Adonis ci hanno chiamato, abbiamo risposto. Siamo stati con build dai customizzatori olandesi più spesso di recente, e la velocità con cui le bici lasciano la loro officina è incredibile. Non commettere errori, questi ragazzi hanno un occhio per i dettagli e lo fanno con un sacco di passione. Questo potrebbe essere il momento giusto per dire che hanno un po' di spazio nel loro programma e ora sono attivamente alla ricerca di nuove sfide. Assicurati di andare sul loro sito web e di contattare i ragazzi tu stesso!

Nonostante il suo status di superbike alla fine degli anni '1960 e all'inizio degli anni '1970, oggigiorno quando le persone pensano alla Seven Fifty, pensano a una moto da turismo modesta, morbida e nuda. Molto affidabile, di facile manutenzione, e come possiamo metterlo bene, un po' noioso. Una sfida che l'equipaggio di Moto Adonis, formato da Arthur Renkema e Job Leussink, sa come affrontare. Come di solito inizia il team, all'inizio sono state abbozzate un paio di idee su un pezzo di carta. Una volta che le idee hanno iniziato a diventare più concrete, è stato realizzato un rendering digitale al computer. Da quei progetti il ​​proprietario della Honda poteva farsi una buona idea del prodotto finale. Una volta che ha dato il via libera al rendering, la build potrebbe iniziare.

L'idea era quella di costruire una scrambler attorno alla Honda CB Seven Fifty del 2001. Uno pulito. Con dei vecchi pneumatici tassellati. Qualcosa che vorresti avere con te quando l'apocalisse zombie esploderà. Il primo ordine del giorno era tagliare il telaio ausiliario, sollevarlo di qualche centimetro e saldare di nuovo una versione più corta. Ciò consentiva un paio di ammortizzatori posteriori più alti. Una semplice panca è stata fabbricata e rivestita da Tappezzeria Miller Kustom in pelle marrone diamantata con bordino nero. Moto Adonis ha aggiunto il suo caratteristico fanale posteriore integrato al sedile posteriore per mantenere le cose pulite. È stato creato un vano batteria personalizzato per ospitare la batteria sotto il sedile. Scarichi MAD sono responsabili del sistema di scarico in acciaio inossidabile malato. In combinazione con i filtri dell'aria della capsula, questa cosa deve suonare forte!

Davanti, è stato montato un nuovo manubrio per una posizione più imponente. Un tachimetro minimalista fornisce tutte le informazioni necessarie e il nuovo faro rotondo a LED garantisce visibilità di notte. Un paio di soffietti della forcella evitano che sporco e sporcizia si attacchino agli steli della forcella. Anche i parafanghi corti personalizzati nella parte anteriore e posteriore aiutano in qualche modo. Gli specchietti retrovisori forniscono una visione posteriore e hanno un aspetto spettacolare su questa Honda, specialmente in combinazione con gli indicatori di direzione. I pneumatici dual sport Heidenau K60 sembrano all'altezza del compito. Il colore grigio del serbatoio combinato con il motore, le ruote e il forcellone oscurati rendono davvero fantastica questa scrambler. Per assicurarsi che anche il CB funzioni alla grande, è stato messo su un banco prova e messo a punto su un sano 81 CV alla ruota posteriore. Non è affatto male!

Crediti fotografici: Lennart Stolte

Dettagli del costruttore:
Moto Adone
Sito web
Instagram
Facebook

By Pubblicato il: 7 gennaio 2022Categorie: Articoli, Scrambler Commenti su Honda CB 750 'Abominio' di Moto AdonisTag: , , , , 3.9 min lettoVisualizzazioni: 762

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy e della gestione della Condizioni d'uso.

tag

Nel 1969, quando la Honda Motorcycle Company ha presentato al mondo la sua CB 750, con il suo motore a 4 cilindri in linea da 750 cc raffreddato ad aria, ha letteralmente spazzato via tutta la concorrenza. Non solo hanno costruito la prima superbike prodotta in serie al mondo, ma l'hanno anche venduta a un prezzo accessibile. Si chiamava “The Dream CB 750 Four” e divenne il bisnonno di quella che in seguito sarebbe stata chiamata “Universal Japanese Motorcycles”. Con una velocità massima di 200 km/h (125 mph), freni a disco (la prima motocicletta al mondo a ottenerli) e un ampio numero di innovazioni tecnologiche, la CB 750 è diventata un successo imminente in tutto il mondo.

Dal momento che la CB 750 gareggiava direttamente con Triumph, BMW e Harley-Davidson, anch'essa divenne un oggetto popolare da modificare. Per quanto ci riguarda, la Honda CB 750 è probabilmente la moto più personalizzata di sempre! Abbiamo coperto numerosi progetti che sono stati costruiti attorno alla piattaforma, e sì, HD-Triumph-BMW sono anche bici base incredibilmente popolari, ma semplicemente non possono competere con la Honda in termini di accessibilità; dopotutto è il campione del popolo.

Ora è il 2022 e ancora riceviamo notifiche di motociclette di nuova costruzione che ruotano attorno alla Honda CB 750. Quindi, quando i ragazzi di Moto Adonis ci hanno chiamato, abbiamo risposto. Siamo stati con build dai customizzatori olandesi più spesso di recente, e la velocità con cui le bici lasciano la loro officina è incredibile. Non commettere errori, questi ragazzi hanno un occhio per i dettagli e lo fanno con un sacco di passione. Questo potrebbe essere il momento giusto per dire che hanno un po' di spazio nel loro programma e ora sono attivamente alla ricerca di nuove sfide. Assicurati di andare sul loro sito web e di contattare i ragazzi tu stesso!

Nonostante il suo status di superbike alla fine degli anni '1960 e all'inizio degli anni '1970, oggigiorno quando le persone pensano alla Seven Fifty, pensano a una moto da turismo modesta, morbida e nuda. Molto affidabile, di facile manutenzione, e come possiamo metterlo bene, un po' noioso. Una sfida che l'equipaggio di Moto Adonis, formato da Arthur Renkema e Job Leussink, sa come affrontare. Come di solito inizia il team, all'inizio sono state abbozzate un paio di idee su un pezzo di carta. Una volta che le idee hanno iniziato a diventare più concrete, è stato realizzato un rendering digitale al computer. Da quei progetti il ​​proprietario della Honda poteva farsi una buona idea del prodotto finale. Una volta che ha dato il via libera al rendering, la build potrebbe iniziare.

L'idea era quella di costruire una scrambler attorno alla Honda CB Seven Fifty del 2001. Uno pulito. Con dei vecchi pneumatici tassellati. Qualcosa che vorresti avere con te quando l'apocalisse zombie esploderà. Il primo ordine del giorno era tagliare il telaio ausiliario, sollevarlo di qualche centimetro e saldare di nuovo una versione più corta. Ciò consentiva un paio di ammortizzatori posteriori più alti. Una semplice panca è stata fabbricata e rivestita da Tappezzeria Miller Kustom in pelle marrone diamantata con bordino nero. Moto Adonis ha aggiunto il suo caratteristico fanale posteriore integrato al sedile posteriore per mantenere le cose pulite. È stato creato un vano batteria personalizzato per ospitare la batteria sotto il sedile. Scarichi MAD sono responsabili del sistema di scarico in acciaio inossidabile malato. In combinazione con i filtri dell'aria della capsula, questa cosa deve suonare forte!

Davanti, è stato montato un nuovo manubrio per una posizione più imponente. Un tachimetro minimalista fornisce tutte le informazioni necessarie e il nuovo faro rotondo a LED garantisce visibilità di notte. Un paio di soffietti della forcella evitano che sporco e sporcizia si attacchino agli steli della forcella. Anche i parafanghi corti personalizzati nella parte anteriore e posteriore aiutano in qualche modo. Gli specchietti retrovisori forniscono una visione posteriore e hanno un aspetto spettacolare su questa Honda, specialmente in combinazione con gli indicatori di direzione. I pneumatici dual sport Heidenau K60 sembrano all'altezza del compito. Il colore grigio del serbatoio combinato con il motore, le ruote e il forcellone oscurati rendono davvero fantastica questa scrambler. Per assicurarsi che anche il CB funzioni alla grande, è stato messo su un banco prova e messo a punto su un sano 81 CV alla ruota posteriore. Non è affatto male!

Crediti fotografici: Lennart Stolte

Dettagli del costruttore:
Moto Adone
Sito web
Instagram
Facebook

By Pubblicato il: 7 gennaio 2022Categorie: Articoli, Scrambler Commenti su Honda CB 750 'Abominio' di Moto AdonisTag: , , , , 3.9 min lettoVisualizzazioni: 762

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Adnane Bensala

Adnane Bensalah è un appassionato di moto di prim'ordine. Da quando, all'età di 13 anni, ha recuperato con il fratello una Gilera Citta fuori uso, il suo amore per i veicoli a due ruote con motore a combustione non ha fatto che crescere. Da quel giorno in poi, guidare e girare in motocicletta è tutto ciò a cui riesce a pensare. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale, Adnane ha finito per lavorare per un'importante compagnia petrolifera e del gas. Questo gli ha permesso di viaggiare in tutto il mondo e incontrare persone di ogni estrazione sociale. Adnane ama interagire con le persone e ama ancora di più condividere le sue esperienze. Adnane si definisce un "motociclista" invece di "motociclista", perché pensa che suoni stravagante. Ha posseduto più di una dozzina di motociclette in diverse categorie, ma la sua vera passione sono le moto retrò, le café racer e le scrambler. La filosofia di Adnane è che qualsiasi moto può essere considerata perfetta, tutto dipende dalle dimensioni del tuo sorriso quando la guidi. Avendo lavorato lui stesso su molte moto, Adnane è un vero autodidatta e si è formato come meccanico. “Chiunque può smontare un motore, ma rimontarlo in condizioni di funzionamento è questo che fa la differenza.” Forse è per questo che gli piace scrivere di costruzioni di biciclette e delle persone dietro di loro. Adnane possiede una Moto Guzzi V7 Special per un giro quotidiano, una Royal Enfield Classic 500 che è stata messa a punto per correre.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy e della gestione della Condizioni d'uso.

tag