Senso svizzero
Negli ultimi anni abbiamo ricevuto meno buone notizie dalla Svizzera. C'è un idiota che sta cercando di convincere il mondo che saremo felici solo quando non possediamo nulla.

Ebbene, dopo aver posato gli occhi su questa moto, non potevamo essere più in disaccordo con questo personaggio e le sue idee folli. Siamo onesti, chi non vorrebbe possedere questa magnifica macchina?

Presentando il Tracker
È il collettivo dell'Emmental, in Svizzera, che è responsabile del nostro lampo di gola. Vanno dal moniker Collezione Arcto, che è una costante collaborazione tra lo studio di design industriale di Ulfert Janssen, Progettazione di sulee l'officina per biciclette personalizzate di Stefan Fuhrer, Fuhrer Moto.

Ulfert Janssen ha conseguito un Bachelor of Science in Industrial Design presso l'Art Center College of Design di Pasadena, California, USA
Il suo compagno è Stefan Fuhrer (Fuhrer Moto), ex meccanico da corsa di Dominique Aegerter e Tom Lüthi (ora Moto2), con quest'ultimo è diventato campione del mondo nel 2005 nella classe 125cc.

Sotto l'ombrello 'Arctos Collection' Ulfert e Stefan sono "fratelli nel crimine" per le costruzioni personalizzate Gannet.

Stefan porta alla festa il suo know-how nelle corse, le precise capacità ingegneristiche e il suo team di artigiani sono l'aggiunta perfetta per creare quello che chiamereste un dream team. I loro workshop sono proprio dietro l'angolo l'uno dall'altro, per un'interazione fluida e rapida.

È probabile che il cliente che ha guidato la Indian Motorcycle FTR 2021 del 1200 nello studio di design di Ulfert stesse cercando il meglio di entrambe le officine.

Brainstorm
Ulfert spiega: "Abbiamo pensato che sarebbe stato bello avere un tema flat track sulla moto e il marchio Indian Motorcycles ha un forte DNA nelle corse flat track.
Insieme al cliente abbiamo deciso che sarebbe stato bello esporre completamente il bellissimo telaio a traliccio dell'FTR che in originale è in parte coperto dai "coperchi del serbatoio" di plastica che ospitano l'airbox.“

Continuando: “Ci siamo subito resi conto del motivo per cui i designer indiani hanno deciso di coprire parzialmente il telaio in quanto tutto è asimmetrico su quel telaio tubolare, soprattutto con la sospensione posteriore mono. Ma abbiamo deciso di raccogliere la sfida ed esporre per intero la bellissima cornice a traliccio. Ci ha dato un sacco di mal di testa, ma ne è valsa la pena e il risultato con la cornice a vista dipinta in bianco perla è sbalorditivo”.

Dagli schizzi alla creta
Il team svizzero ha iniziato con gli schizzi di progettazione iniziali. I rendering sono stati prima tradotti in un modello in creta per trovare la forma in 3D in preparazione del lavoro in metallo.

Entra nella squadra dei suddetti artigiani. Questa è un'abilità molto specifica e questi ragazzi hanno fatto la loro magia formando e armeggiando le parti reali di metallo.

Una delle caratteristiche che troviamo davvero originali è lo schermo del tachimetro. Questo pezzo di equipaggiamento è stato integrato nel coperchio del serbatoio e lo ha reso "intarsiato e a filo" come lo descrive il team stesso. Pensiamo che si aggiunga alla pulizia dell'FTR. Il design del manubrio è più puro e racing, senza i gadget che normalmente offuscano l'avantreno.

Un'altra specifica di questa motocicletta indiana BikeBrewers apprezzata dal team, è la decisione di sostituire il serbatoio originale in plastica sotto la sella con un serbatoio racing flat track in alluminio e aggiungere una sezione di coda disegnata da Roland Sands. Non puoi mettere a nudo le bellissime fondamenta di una bici come questa e finire con un brutto pezzo di plastica in bella vista.

Stefan aggiunge: “Il nostro obiettivo era integrare tutti i requisiti tecnici e le regolazioni senza intaccare il concetto. È stata una vera sfida a causa degli incredibili problemi di spazio ristretto per tutti i componenti e abbiamo dovuto sostituire molte parti in altre posizioni della moto e reindirizzare i cavi e l'elettronica.
Per noi era importante risolvere e adattare i singoli componenti in modo tale che ci fosse un quadro generale coerente per ottenere un pilota molto elegante e tecnicamente perfetto".

Più roba
Altri dettagli che rendono questo FTR una vera opera d'arte sono i pulsanti di controllo da corsa e le pedane completamente neri di Jetprime di Gilles. Ma anche il piccolo fanale posteriore e i due piccoli fari high-tech di Highsider Germany aumentano l'eccitazione.

A completare il tutto, il piccolo fanale posteriore e i due piccoli fari high tech anch'essi prodotti da Highsider Germany.

Ci piacciono le ruote Kineo a raggi, ma siamo meno entusiasti della scelta di due diversi colori (nero e oro). Questo vale anche per gli pneumatici tassellati Michelin Anakee Wild montati. Comprendiamo la scelta dal punto di vista del patrimonio e del design, ma è una scelta che viene spesso rivista a causa della scomoda manovrabilità della bici. Ma a ciascuno il suo e le discussioni sul gusto sono inutili.

Abbiamo alzato più mani nella nostra squadra quando siamo arrivati ​​al sistema di scarico. È una speciale versione in titanio realizzata da Zard e conferisce la bella sfumatura blu. Lo slip-on è uno scarico SC-Project e dà una nota rotonda al motore a due cilindri secondo Ulfert e Stefan.

Degno di nota è il sedile, che è un lavoro di tappezzeria personalizzato da Zwahlen NIZ.

Pregevole
Una nota interessante è che le notizie sulla bici sono state raccolte da Motocicletta indiana Benelux. Immediatamente dopo che le prime immagini sono arrivate sull'autostrada digitale, Ulfert ha ricevuto un invito a spedire la bici nei Paesi Bassi.

Sarà esposto presso lo stand di Indian Motorcycle Benelux durante il Big Twin Expo 2022. Per aggiungere un po' di emozione in più, hanno anche inserito la moto nella competizione per conto della squadra svizzera.

Vediamo cosa ha da dire la giuria; "Paesi Bassi, possiamo avere i vostri voti per favore?"

Per quanto riguarda la BikeBrewers la squadra è preoccupata, questa build merita un premio.
Visiteremo la mostra per avere un'idea di prima mano della qualità del lavoro svolto dal team Arctos.
Assicurati di controllare le immagini sulle nostre piattaforme social!

Dettagli del costruttore:
Costruttore: Collezione Arcto
Sito web
e-mail: ulfertjanssen@gmail.com
Instagram
Facebook
telefono: +41 (0) 79 179 69 46

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

Senso svizzero
Negli ultimi anni abbiamo ricevuto meno buone notizie dalla Svizzera. C'è un idiota che sta cercando di convincere il mondo che saremo felici solo quando non possediamo nulla.

Ebbene, dopo aver posato gli occhi su questa moto, non potevamo essere più in disaccordo con questo personaggio e le sue idee folli. Siamo onesti, chi non vorrebbe possedere questa magnifica macchina?

Presentando il Tracker
È il collettivo dell'Emmental, in Svizzera, che è responsabile del nostro lampo di gola. Vanno dal moniker Collezione Arcto, che è una costante collaborazione tra lo studio di design industriale di Ulfert Janssen, Progettazione di sulee l'officina per biciclette personalizzate di Stefan Fuhrer, Fuhrer Moto.

Ulfert Janssen ha conseguito un Bachelor of Science in Industrial Design presso l'Art Center College of Design di Pasadena, California, USA
Il suo compagno è Stefan Fuhrer (Fuhrer Moto), ex meccanico da corsa di Dominique Aegerter e Tom Lüthi (ora Moto2), con quest'ultimo è diventato campione del mondo nel 2005 nella classe 125cc.

Sotto l'ombrello 'Arctos Collection' Ulfert e Stefan sono "fratelli nel crimine" per le costruzioni personalizzate Gannet.

Stefan porta alla festa il suo know-how nelle corse, le precise capacità ingegneristiche e il suo team di artigiani sono l'aggiunta perfetta per creare quello che chiamereste un dream team. I loro workshop sono proprio dietro l'angolo l'uno dall'altro, per un'interazione fluida e rapida.

È probabile che il cliente che ha guidato la Indian Motorcycle FTR 2021 del 1200 nello studio di design di Ulfert stesse cercando il meglio di entrambe le officine.

Brainstorm
Ulfert spiega: "Abbiamo pensato che sarebbe stato bello avere un tema flat track sulla moto e il marchio Indian Motorcycles ha un forte DNA nelle corse flat track.
Insieme al cliente abbiamo deciso che sarebbe stato bello esporre completamente il bellissimo telaio a traliccio dell'FTR che in originale è in parte coperto dai "coperchi del serbatoio" di plastica che ospitano l'airbox.“

Continuando: “Ci siamo subito resi conto del motivo per cui i designer indiani hanno deciso di coprire parzialmente il telaio in quanto tutto è asimmetrico su quel telaio tubolare, soprattutto con la sospensione posteriore mono. Ma abbiamo deciso di raccogliere la sfida ed esporre per intero la bellissima cornice a traliccio. Ci ha dato un sacco di mal di testa, ma ne è valsa la pena e il risultato con la cornice a vista dipinta in bianco perla è sbalorditivo”.

Dagli schizzi alla creta
Il team svizzero ha iniziato con gli schizzi di progettazione iniziali. I rendering sono stati prima tradotti in un modello in creta per trovare la forma in 3D in preparazione del lavoro in metallo.

Entra nella squadra dei suddetti artigiani. Questa è un'abilità molto specifica e questi ragazzi hanno fatto la loro magia formando e armeggiando le parti reali di metallo.

Una delle caratteristiche che troviamo davvero originali è lo schermo del tachimetro. Questo pezzo di equipaggiamento è stato integrato nel coperchio del serbatoio e lo ha reso "intarsiato e a filo" come lo descrive il team stesso. Pensiamo che si aggiunga alla pulizia dell'FTR. Il design del manubrio è più puro e racing, senza i gadget che normalmente offuscano l'avantreno.

Un'altra specifica di questa motocicletta indiana BikeBrewers apprezzata dal team, è la decisione di sostituire il serbatoio originale in plastica sotto la sella con un serbatoio racing flat track in alluminio e aggiungere una sezione di coda disegnata da Roland Sands. Non puoi mettere a nudo le bellissime fondamenta di una bici come questa e finire con un brutto pezzo di plastica in bella vista.

Stefan aggiunge: “Il nostro obiettivo era integrare tutti i requisiti tecnici e le regolazioni senza intaccare il concetto. È stata una vera sfida a causa degli incredibili problemi di spazio ristretto per tutti i componenti e abbiamo dovuto sostituire molte parti in altre posizioni della moto e reindirizzare i cavi e l'elettronica.
Per noi era importante risolvere e adattare i singoli componenti in modo tale che ci fosse un quadro generale coerente per ottenere un pilota molto elegante e tecnicamente perfetto".

Più roba
Altri dettagli che rendono questo FTR una vera opera d'arte sono i pulsanti di controllo da corsa e le pedane completamente neri di Jetprime di Gilles. Ma anche il piccolo fanale posteriore e i due piccoli fari high-tech di Highsider Germany aumentano l'eccitazione.

A completare il tutto, il piccolo fanale posteriore e i due piccoli fari high tech anch'essi prodotti da Highsider Germany.

Ci piacciono le ruote Kineo a raggi, ma siamo meno entusiasti della scelta di due diversi colori (nero e oro). Questo vale anche per gli pneumatici tassellati Michelin Anakee Wild montati. Comprendiamo la scelta dal punto di vista del patrimonio e del design, ma è una scelta che viene spesso rivista a causa della scomoda manovrabilità della bici. Ma a ciascuno il suo e le discussioni sul gusto sono inutili.

Abbiamo alzato più mani nella nostra squadra quando siamo arrivati ​​al sistema di scarico. È una speciale versione in titanio realizzata da Zard e conferisce la bella sfumatura blu. Lo slip-on è uno scarico SC-Project e dà una nota rotonda al motore a due cilindri secondo Ulfert e Stefan.

Degno di nota è il sedile, che è un lavoro di tappezzeria personalizzato da Zwahlen NIZ.

Pregevole
Una nota interessante è che le notizie sulla bici sono state raccolte da Motocicletta indiana Benelux. Immediatamente dopo che le prime immagini sono arrivate sull'autostrada digitale, Ulfert ha ricevuto un invito a spedire la bici nei Paesi Bassi.

Sarà esposto presso lo stand di Indian Motorcycle Benelux durante il Big Twin Expo 2022. Per aggiungere un po' di emozione in più, hanno anche inserito la moto nella competizione per conto della squadra svizzera.

Vediamo cosa ha da dire la giuria; "Paesi Bassi, possiamo avere i vostri voti per favore?"

Per quanto riguarda la BikeBrewers la squadra è preoccupata, questa build merita un premio.
Visiteremo la mostra per avere un'idea di prima mano della qualità del lavoro svolto dal team Arctos.
Assicurati di controllare le immagini sulle nostre piattaforme social!

Dettagli del costruttore:
Costruttore: Collezione Arcto
Sito web
e-mail: ulfertjanssen@gmail.com
Instagram
Facebook
telefono: +41 (0) 79 179 69 46

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento