“I miei amici hanno perso il loro bambino in giovane età a causa del cancro. Per i loro ultimi giorni si sono trasferiti in un ospizio per bambini. Ogni volta che vedo mia figlia, mi rendo conto di quanto sono incredibilmente fortunato. Da tempo cercavo un'opportunità da restituire alla comunità. Ora è il momento!" – Nils Homann

"Come?", potresti chiederti. O "cosa c'entra l'oncologia pediatrica con le moto?" Permettici di presentare "Emberwind", uno Street Tracker basato su Yamaha SR500.

Cosa e perché

La Yamaha SR500 è una bici perfettamente ragionevole per qualsiasi (aspirante) costruttore da trasformare in qualcosa di unico, anche con competenze limitate o un budget modesto. Non è troppo grande, non troppo pesante e non troppo complesso. Inoltre, centinaia di esempi, parti e idee disponibili. Inoltre, una miriade di immagini, profili instagram e post di blog che circondano questo particolare modello sono disponibili online. Allora, perché abbiamo scelto questo particolare? Innanzitutto, sembra fantastico. E in secondo luogo, piuttosto che per motivazioni convenzionali per costruire una bici personalizzata, Emberwind è stata costruita come progetto di beneficenza. Fu costruito con l'unico scopo di essere messo all'asta alla fine della costruzione. Tutto il ricavato sarà devoluto a un ospizio per bambini a Berlino. Che dovrebbe davvero essere la ragione principale, se siamo onesti con noi stessi. 

Nils Homann, fanatico della moto nel vero senso della parola, strappalacrime, costruttore, produttore, giornalista e YouTuber, ha messo testa e mani, insieme a Marius Schulz, da Semi di velocità. Con un combinato di 150 anni di esperienza (dare o prendere) hanno messo insieme 1390 parti singole, 214 parti nuove e 83 parti personalizzate, in poco meno di 240 ore (237 per la precisione) del loro tempo personale per garantire che questa idea arrivasse alla fruizione. E questo potrebbe essere solo un frutto direttamente dal giardino dell'Eden. 

Parti intime

L'SR 500 Street Tracker ora gira su pneumatici MITAS H-18 Highway (la versione stradale del loro famoso pneumatico H-18 Flat Track). Questi sono avvolti attorno a cerchi XS Performance da 19 "con spalla alta e raggi in acciaio inossidabile. La parte anteriore è sospesa con la configurazione di serie, ma i cursori verniciati a polvere e le copertine stampate in 3D migliorano davvero l'aspetto. La parte posteriore è sospesa da ammortizzatori YSS RE340 da 302 mm che incontrano il telaio accorciato appena dietro la copertura laterale adesiva. Tutti i componenti elettrici sono sistemati ordinatamente dietro le coperture e sotto un sedile in pelle fatto a mano. Seguendo la curvatura del telaio ausiliario c'è il parafango in alluminio personalizzato. Questo parafango nasconde i supporti in acciaio inossidabile per la targa, gli indicatori LED Daytona D-light SOL e il fanale posteriore a LED in un alloggiamento in alluminio. Nella parte anteriore un faro in stile Bates da 12 cm fornisce l'illuminazione.

Il tachimetro è un Daytona Velona da 60 mm senza contagiri che è chiaramente visibile sopra il manubrio di serie e i comandi di serie sabbiati in noce. Specialista Yamaha monocilindrico MOTORIZZA ricostruito il motore, che ora è alimentato da un carburatore Mikuni TMR 36 Flat Slide. Inspira attraverso un filtro aperto K&N ed espira attraverso un Mallory Drag Pipe in acciaio inossidabile lucidato all'altra estremità. Sopra questa centrale elettrica si trova la parte preferita di Nils, la pièce de résistance, e un vero colpo d'occhio: il serbatoio color ambra dipinto a mano con strisce bianche e nere. 

Processo di costruzione e asta

Ad eccezione della verniciatura a polvere del telaio e la verniciatura della vasca, eseguita da professionisti esterni (gratuitamente a sostegno della causa), tutto il lavoro è stato meticolosamente documentato e filmato. Dallo smontaggio della bici donatrice al primo giro dopo la ricostruzione, ogni passaggio può essere seguito in una serie di Esercitazioni su YouTube e sul loro sito web Motochino. La serie è stata girata a Artigiano, un garage per moto della comunità, a Berlino. Alla fine della serie, l'asta si svolgerà lì e potrà essere seguita tramite Live-Stream.

Oltre a documentare il processo in modo tale che chiunque potesse costruire la propria bicicletta in modo simile, anche il budget è stato tenuto sotto controllo. Fortunatamente, a causa della loro vasta esperienza, non si sono verificati costi imprevisti o sorprese. Negozio Kickstarter, Kedo, Supermichi di Nikon, Splett e Kahl, Jürgen, Lennert, Patricia per le foto, Felix e Faruk hanno fornito ulteriore supporto durante il processo.

Infine, la nostra ultima domanda a questi costruttori ispiratori è stata, ovviamente:
"E come va?"
– “Beh, come il vento!”

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Casper van der Ven

Lascia un commento

tag