Quindi cosa fai quando vuoi che la tua Honda CL1969 vintage del 350 si trasformi in una caferacer, non solo per bombardare la città, ma che fa anche girare la testa ovunque la porti?

Metti la bici nella parte posteriore della tua VW Golf, getti un paio di sacchi della spazzatura pieni di parti che sono cadute o che avevi già raccolto e guidi per circa 90 miglia da Seattle a nord fino a Bellingam, WA. Perché è lì che Garage di progettazione moto hanno sede, un'officina di costruzione di motociclette a cui piace fare tutto da soli, comprese le parti CNC da zero. Inoltre, sono grandi fan della stampa e del design 3D, un altro ottimo modo per riprodurre parti obsolete o, meglio ancora, reinventarle!

Per questa bici, il piano originale del cliente di mantenere i doppi ammortizzatori è stato abbandonato a favore di una configurazione mono-ammortizzatore. Un ammortizzatore posteriore Ninja 650R è stato montato con staffe personalizzate tagliate a CNC. Questa si è rivelata una vera sfida, poiché una conversione mono ammortizzatore cambia drasticamente l'ergonomia della bici e hanno dovuto trovare la giusta rigidità della molla, movimento, ecc... Hanno riutilizzato il mozzo di serie, lo hanno rinnovato e verniciato a polvere, un nuovo cerchio e voilà: una guida più fluida e la parte posteriore della bici ora sembra davvero pulita e cattiva!

L'intero avantreno è stato sostituito con uno di una GSXR e dotato di tutti i nuovi SunRim da 17” e mozzo anteriore ricavato dal pieno. Il nuovo faro è stato unito alla moto con i morsetti della forcella del faro stampati in 3D interni e le staffe del faro tagliate a CNC.

E poi per la parte importante nel mezzo, il motore. Non solo ha ottenuto quell'elegante finitura nera e grigio Evo, ma è stato necessario fare molto prima che fosse pronta per tornare in strada! Il motore necessitava di un cilindro nuovo, ne è stato trovato uno usato buono e revisionato insieme a pistone e segmenti nuovi. Tutte le guarnizioni e le guarnizioni sono state sostituite e l'estremità superiore è passata. Inoltre, un nuovo sistema di accensione elettronica Shockwave, carburatori Mikuni VM30 e una configurazione di scarico 2-1 adeguatamente rumorosa...

E non finisce qui: l'intero vassoio dell'elettronica, che puoi vedere sotto il sedile, è stato stampato in 3D internamente. Rinforzato con tralicci e rinforzi per fornire resistenza strutturale, contiene un'unità M e una batteria AG801.

L'unico lavoro personalizzato non svolto da loro è stato il rivestimento del rivestimento del sedile, che hanno affidato a un partner di lunga data di cui si fidano, ottiene il loro stile e fa sembrare il sedile bello per l'avvio!

Alla domanda sul risultato finale di questa fantastica conversione, Garage di progettazione moto ha detto: “Va così bene! Tenendo presente che è una macchina degli anni '1960 con parti nuove, ma ha ancora quel tocco di vecchia scuola. Vibra, ha un profumo, ha bisogno di essere pronunciato anche bene haha, ma è sicuramente un tipo di corsa nostalgica divertente!

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Jaco Zijlstra

Lascia un commento

tag

Quindi cosa fai quando vuoi che la tua Honda CL1969 vintage del 350 si trasformi in una caferacer, non solo per bombardare la città, ma che fa anche girare la testa ovunque la porti?

Metti la bici nella parte posteriore della tua VW Golf, getti un paio di sacchi della spazzatura pieni di parti che sono cadute o che avevi già raccolto e guidi per circa 90 miglia da Seattle a nord fino a Bellingam, WA. Perché è lì che Garage di progettazione moto hanno sede, un'officina di costruzione di motociclette a cui piace fare tutto da soli, comprese le parti CNC da zero. Inoltre, sono grandi fan della stampa e del design 3D, un altro ottimo modo per riprodurre parti obsolete o, meglio ancora, reinventarle!

Per questa bici, il piano originale del cliente di mantenere i doppi ammortizzatori è stato abbandonato a favore di una configurazione mono-ammortizzatore. Un ammortizzatore posteriore Ninja 650R è stato montato con staffe personalizzate tagliate a CNC. Questa si è rivelata una vera sfida, poiché una conversione mono ammortizzatore cambia drasticamente l'ergonomia della bici e hanno dovuto trovare la giusta rigidità della molla, movimento, ecc... Hanno riutilizzato il mozzo di serie, lo hanno rinnovato e verniciato a polvere, un nuovo cerchio e voilà: una guida più fluida e la parte posteriore della bici ora sembra davvero pulita e cattiva!

L'intero avantreno è stato sostituito con uno di una GSXR e dotato di tutti i nuovi SunRim da 17” e mozzo anteriore ricavato dal pieno. Il nuovo faro è stato unito alla moto con i morsetti della forcella del faro stampati in 3D interni e le staffe del faro tagliate a CNC.

E poi per la parte importante nel mezzo, il motore. Non solo ha ottenuto quell'elegante finitura nera e grigio Evo, ma è stato necessario fare molto prima che fosse pronta per tornare in strada! Il motore necessitava di un cilindro nuovo, ne è stato trovato uno usato buono e revisionato insieme a pistone e segmenti nuovi. Tutte le guarnizioni e le guarnizioni sono state sostituite e l'estremità superiore è passata. Inoltre, un nuovo sistema di accensione elettronica Shockwave, carburatori Mikuni VM30 e una configurazione di scarico 2-1 adeguatamente rumorosa...

E non finisce qui: l'intero vassoio dell'elettronica, che puoi vedere sotto il sedile, è stato stampato in 3D internamente. Rinforzato con tralicci e rinforzi per fornire resistenza strutturale, contiene un'unità M e una batteria AG801.

L'unico lavoro personalizzato non svolto da loro è stato il rivestimento del rivestimento del sedile, che hanno affidato a un partner di lunga data di cui si fidano, ottiene il loro stile e fa sembrare il sedile bello per l'avvio!

Alla domanda sul risultato finale di questa fantastica conversione, Garage di progettazione moto ha detto: “Va così bene! Tenendo presente che è una macchina degli anni '1960 con parti nuove, ma ha ancora quel tocco di vecchia scuola. Vibra, ha un profumo, ha bisogno di essere pronunciato anche bene haha, ma è sicuramente un tipo di corsa nostalgica divertente!

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Jaco Zijlstra

Lascia un commento

tag