Nelle prime luci di una mattina d'estate di metà giugno, 12 persone si sono incontrate in una stazione di servizio a Berlino. Dopo aver fatto il pieno e la pancia, siamo partiti alla volta di Kassel, destinazione finale: la 12a edizione di Wheels & Waves a Biarritz, in Francia. L'equipaggio in sella ai propri destrieri di ferro, tra cui tre Ducati, BMW, Triumph, Honda, Royal Enfield, Moto Guzzi e due Moto Morini sponsorizzate (leggi la nostra prima recensione del giro Seiemmezzo SCR).

Foto: Cäthe Pfläging

Il fattore unificante per questa collezione casuale di biciclette: Craftwerk Berlin. Craftwerk è un garage comunitario dove i membri possono depositare le proprie motociclette, eseguire una manutenzione regolare (supervisionata), costruire le proprie moto personalizzate e godersi una serie di eventi legati alle motociclette, tra cui uscite, workshop, motoGP e proiezioni di documentari. Comprende uno spazio per eventi che può essere affittato e funge anche da museo, oltre a un bar aperto anche al pubblico. Se ti trovi a Berlino, questo posto è altamente raccomandato. Uno dei fondatori e un membro si sono riuniti e hanno pianificato questo viaggio a Biarritz e lo hanno soprannominato “Transpirenaica”. Perché? Perché avremmo tracciato tracce attraverso i Pirenei meridionali spagnoli, dalla costa mediterranea a quella atlantica e ritorno lungo il versante settentrionale francese. 

Foto: Janna Strauss

La prima tappa, Berlino-Kassel, è stata tranquilla, ad eccezione di un deflettore di scarico canaglia che è stato rimesso da McGyver nello scarico con una graffetta. Il percorso ci ha portato attraverso il Museo Bauhaus di Dessau per una sosta culturale per un caffè e attraverso il Parco Nazionale dei Monti Harz per bilanciare i chilometri in autostrada. A Kassel ci aspettavano Rudi e il suo autobus. Un autobus strategicamente programmato per accelerare il trasporto dei 12 e delle loro moto a Perpignan. In treno sono arrivate altre due persone, alla guida del mezzo di supporto. Mentre caricavano le motociclette, il gruppo si è goduto una sontuosa cena alla stazione di rifornimento sul marciapiede, prima che i 14 si imbarcassero sull'autobus e cercassero di dormire un po'. 18 ore dopo, siamo sbarcati nel sud della Francia e abbiamo dato un'occhiata alle nostre biciclette e ai nostri bagagli. Uno dei vecchi modelli ha richiesto la verifica del gioco delle punterie e il serraggio dei prigionieri della testata, rendendola la seconda "riparazione" nel giro di 500 km. Qui si è unito a noi un altro pilota Triumph plus proveniente da Vienna.

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Da Perpignan partiremo attraverso le strade di campagna verso le colline per pranzare al Donjon de Pyrepertuse a Duilhac-sous-Peyrepertuse. Dopo aver fatto rifornimento agli umani, le strade tortuose dei Pirenei ci hanno portato attraverso de Gorges de Galamus, con le sue ripide scogliere tagliate dai fiumi in profondità in basso e una strada scavata nelle pareti del canyon con spettacolari strapiombi, percorrendo questa strada stretta fa battere il cuore mentre rimani a bocca aperta per lo stupore. Il contrasto quando si superava il Col d’Ares, oltre il confine con la Spagna, era netto. Mentre il canyon è chiuso e stretto, la vista dalle montagne è ampia e lontana. Abbiamo pernottato al campeggio Vall de Camprodon. Qui ci siamo uniti ad altri 3 ciclisti che si sono diretti verso sud con il furgone di supporto, carico di una Yamaha, Rieju e una BMW. Avere un furgone di supporto si sarebbe presto rivelata la decisione più intelligente dell’intero viaggio. In precedenza ci siamo separati dalla Guzzi che aveva problemi di accensione, ma ci siamo diretti al campeggio con una mappa cartacea disegnata a mano. Sicuramente aiuta quando parli fluentemente lo spagnolo. 


Foto: Cäthe Pfläging

La mattina dopo siamo partiti per Montardit de Baix, passando per Castellar de n’Hug e il Parco Naturale Cadí-Moixeró. Avevamo diviso il gruppo in due gruppi più piccoli in base alle capacità di guida, il che ha facilitato la guida, ma complicato la logistica. Strade tortuose, su e giù per le montagne sono stati un gradito cambiamento rispetto alle strade diritte che di solito percorriamo per Berlino.

Foto: Cäthe Pfläging

La mattina dopo, dopo una colazione a base di panini tostati, croissant, caffè e succo d'arancia, siamo partiti per altri passi di montagna. Purtroppo la Moto Guzzi è rimasta indietro, ancora una volta. Ma questa volta qualcosa era andato perduto... la chiave di accensione. Dopo aver frugato in ogni tasca, pantaloni e giacca, due volte, e dopo aver scaricato e rifatto le valigie, due volte, e aver frugato in tutta l'attrezzatura da campeggio, si è deciso di caricare la Guzzi nel furgone e raggiungere il resto del gruppo. Nel frattempo, in cima a una montagna, uno degli altri motociclisti è stato piuttosto sorpreso di trovare una chiave sconosciuta nella tasca della giacca... Le giacche di pelle nera sicuramente si assomigliano quando il sole è tramontato.

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

La terza notte siamo stati a Boltaña. Quel giorno abbiamo preso un po' di pioggia e siamo rimasti delusi dal clima estivo spagnolo. Non sapevamo cosa ci avrebbe riservato il domani. 

Dopo una dormita tranquilla, il cielo si è schiarito un po' e siamo saliti allegramente in sella alle nostre bici per strade più ventose. Abbiamo seguito bellissime gole e passi di montagna con viste mozzafiato. Il tempo, però, quel giorno non è stato dalla nostra parte. Abbiamo visto a malapena il sole e le nuvole sono diventate di un grigio più profondo. I gruppi si sono ulteriormente divisi e io ero in un gruppo di quattro persone che procedevano verso nord attraverso le valli verso il campeggio Asolaze a Isaba. Quando la pioggia si è fatta più intensa, abbiamo mancato una svolta e abbiamo guidato fino alla fine della valle sotto quello che era diventato un acquazzone torrenziale. Ai lati del marciapiede avevano cominciato a scorrere piccoli fiumi d'acqua torbida, bruno-giallastra. Più di una volta abbiamo visto la ruota anteriore sprofondare in una pozzanghera fino all'asse. Alla fine della strada abbiamo individuato una locanda, ce l'abbiamo fatta!
Solo che la locanda non era Asolaze, era la Linza Inn, una valle a est di dove dovevamo essere, separata da una montagna alta 1500 m. Quindi abbiamo dovuto tornare indietro di mezz'ora, attraversare il passo di montagna e di nuovo verso nord nella valle successiva. I 20 km che normalmente richiedono meno di mezz'ora, ora durano 45 minuti. La pioggia continuava e le solette dei miei stivali erano inzuppate, l'acqua era entrata ovunque. L'attrezzatura antipioggia è impermeabile solo finché non lo è più. Fortunatamente siamo arrivati ​​tutti ad Asolaze senza incidenti o incidenti e ci aspettavano calde tapas. Un'altra moto sponsorizzata, una BMW R18 guidata dalla mente dietro Abbigliamento motociclistico a nord di Berlino, si è unito a noi qui. 

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Non erano previste corse per il giorno successivo, quindi tutti erano liberi di decidere se andare da qualche parte o rilassarsi e asciugare i vestiti. Alcuni hanno preso le tracce delle montagne fino all'hotel Canfranc nella valle dell'Aragona. L'ex stazione ferroviaria, costruita nel 1928 al confine tra Francia e Spagna, è rimasta abbandonata dal 1970 fino all'inizio del 2023, quando ha accolto i suoi primi ospiti come hotel. Un'ottima sosta per foto o un caffè.
La metà del gruppo è tornata alla gola a sud di Ansó per girare foto e video per i vari sponsor di moto, attrezzature e caschi. Girare il video mentre guidavo le due Moto Morini e le due BMW è stato divertente! Contrariamente al giorno prima, è stato davvero torrido! Oltre 30 gradi Celsius sono confortevoli in spiaggia o gestibili durante la guida, ma stare sotto il sole splendente con un completo a nord di Berlino o Punti arrugginiti l'abbigliamento in denim e pelle è un'altra storia.

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Alla fine della giornata, tutti sono saliti in cima al passo per un tramonto e una cena al sacco. Le condizioni stradali erano ottime, le curve emozionanti, eppure la nebbia oscurava la vista e la cena è stata rimandata. L'ultimo pilota si è unito al gruppo qui, in sella a una splendida Ducati 999S, per un totale di 18 persone.

Foto: Cäthe Pfläging


Foto: Casper van der Ven

La mattina dopo partiamo per la nostra destinazione: Biarritz! A causa delle ricorrenti difficoltà di accensione della Guzzi e di una gomma posteriore usurata su una Ducati, un piccolo sottogruppo si è recato a San Sebastián alla ricerca di un negozio di motociclette. Mentre l'officina cambiava la gomma, i ragazzi hanno tirato fuori gli attrezzi e hanno provato a regolare i punti e i tempi della Guzzi. Sono stati ricompensati con un tramonto sulla spiaggia, un paio di birre e piatti di specialità locali da condividere, pintxos o tapas basche. Pensa alle patate fritte (Krokettas), alle polpette in pastella (Bolas de Carne) e alle omelette (pintxos de tortilla). Ádamo è famoso per loro. Poiché era la notte prima del solstizio d'estate, o San Juan Eguna, gli artisti locali si esibivano su un palco nella piazza Padre Claret vicino alla spiaggia di Zurriola e l'intera città ballava le danze popolari tradizionali fino a notte fonda attorno a un enorme fuoco. L'atmosfera era allo stesso tempo estatica e rilassata, senza avere quell'atmosfera turistica fin troppo familiare e di cattivo gusto. La Guzzi rimase a San Sebastián. Questa volta non per difficoltà tecniche, ma perché il pilota ha regalato questa moto a suo padre, che risiede qui e sta pensando di tornare in sella. Che gesto meraviglioso!

La nostra base a Biarritz era al Camping Erreka, un punto centrale per goderci i festeggiamenti intorno a Wheels & Waves. Siamo andati alle gare di flat track a San Sebastián, ai concerti e agli spettacoli di venditori alla Cité de l'Océan a Biarritz, e abbiamo trascorso una giornata in spiaggia per riposare il corpo dopo una settimana di guida tutto il giorno, tutti i giorni. Sfortunatamente anche le onde si stavano calmando e il surf era fuori discussione. Abbiamo compensato tagliandoci una grande fetta di Gâteau Basque, una torta burrosa, friabile e tenera, la specialità locale. 

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Janna Strauss

Foto: Cäthe Pfläging

Dopo due notti al festival, godendoci i concerti, le motociclette in mostra, gli spettacoli, le bancarelle dei venditori e incontrando persone affini, siamo ripartiti verso Berlino. Attraverso vari passi di montagna, tra cui il Col de Cloze e il Col du Tourmalet, ci siamo diretti al Camping d'Esplantats a Sarrancolin. Pedalare in questa parte della Francia offre percorsi per i gusti di tutti. Che parte meravigliosa del mondo! La panetteria locale ci ha fornito croissant, caffè e persino flan, il budino al caramello, prima di partire la mattina successiva. Parti del gruppo si erano separate per riprendere le proprie tracce, a causa di orari e obblighi diversi. 


Foto: Cäthe Pfläging

Dopo una lunga giornata in sella, su colline e attraverso splendidi boschi, siamo arrivati ​​al Camping Domain LaCanal, gestito da una coppia olandese. Anche se non erano del tutto aperti per la stagione, ci hanno ospitato per la notte e il mattino successivo hanno persino preparato un'abbondante colazione. Un bel campeggio su una collina, con una fantastica vista sulla valle. Sfortunatamente, ho dovuto ritirare la R80 e rimandarla a casa con il furgone a causa di un sigillo saltato e del tempo insufficiente per procurarmi i pezzi, ripararla e arrivare in Italia in tempo per un matrimonio. Allo stesso modo anche la Ducati 999 dovette ritirarsi. Aveva provato a spiegare le ali il giorno prima, quando qualcuno l'aveva portato a fare un test di velocità massima sull'autostrada locale. Mi raggiunse con un ruggito unico per un bicilindrico desmodromico con impianto di scarico aperto. Poco dopo ho notato un pannello rosso vivo sull'asfalto, così come due tracce di pneumatici neri, che ondeggiavano e si incrociavano dalla corsia di sinistra, nella corsia centrale, attraverso la corsia di destra, e ho temuto di vedere moto e pilota separati sulla strada. il lato della strada. Grazie all'abilità e ad un'enorme dose di fortuna, sia il pilota che la moto erano in piedi all'uscita successiva, anche se la Ducati sembrava un po' nuda. Lo stallone italiano era effettivamente riuscito a perdere le ali. Il vento si era insinuato sotto la carenatura e aveva strappato via sia i pannelli sinistro che quello destro, quasi sbalzando a terra il pilota. Scossi e sbalorditi, ci siamo presi tutti un minuto per contare le nostre benedizioni.

Foto: Casper van der Ven

Il sigillo saltato ha concluso il viaggio un po' presto per il sottoscritto, ma grazie al sistema di trasporto pubblico francese e italiano, sono riuscito ad arrivare al matrimonio in Italia tre giorni dopo. Il resto dell'equipaggio è tornato a Berlino attraverso le Alpi francesi e svizzere. Vuoi vedere di più? Guarda questo video sul canale di Nils Homann (Credito foto e video: Cäthe Pfläging, Patricia Strauss, Felix Schmidt)


Foto: Cäthe Pfläging
Foto: Cäthe Pfläging

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Casper van der Ven

Lascia un commento

tag

Nelle prime luci di una mattina d'estate di metà giugno, 12 persone si sono incontrate in una stazione di servizio a Berlino. Dopo aver fatto il pieno e la pancia, siamo partiti alla volta di Kassel, destinazione finale: la 12a edizione di Wheels & Waves a Biarritz, in Francia. L'equipaggio in sella ai propri destrieri di ferro, tra cui tre Ducati, BMW, Triumph, Honda, Royal Enfield, Moto Guzzi e due Moto Morini sponsorizzate (leggi la nostra prima recensione del giro Seiemmezzo SCR).

Foto: Cäthe Pfläging

Il fattore unificante per questa collezione casuale di biciclette: Craftwerk Berlin. Craftwerk è un garage comunitario dove i membri possono depositare le proprie motociclette, eseguire una manutenzione regolare (supervisionata), costruire le proprie moto personalizzate e godersi una serie di eventi legati alle motociclette, tra cui uscite, workshop, motoGP e proiezioni di documentari. Comprende uno spazio per eventi che può essere affittato e funge anche da museo, oltre a un bar aperto anche al pubblico. Se ti trovi a Berlino, questo posto è altamente raccomandato. Uno dei fondatori e un membro si sono riuniti e hanno pianificato questo viaggio a Biarritz e lo hanno soprannominato “Transpirenaica”. Perché? Perché avremmo tracciato tracce attraverso i Pirenei meridionali spagnoli, dalla costa mediterranea a quella atlantica e ritorno lungo il versante settentrionale francese. 

Foto: Janna Strauss

La prima tappa, Berlino-Kassel, è stata tranquilla, ad eccezione di un deflettore di scarico canaglia che è stato rimesso da McGyver nello scarico con una graffetta. Il percorso ci ha portato attraverso il Museo Bauhaus di Dessau per una sosta culturale per un caffè e attraverso il Parco Nazionale dei Monti Harz per bilanciare i chilometri in autostrada. A Kassel ci aspettavano Rudi e il suo autobus. Un autobus strategicamente programmato per accelerare il trasporto dei 12 e delle loro moto a Perpignan. In treno sono arrivate altre due persone, alla guida del mezzo di supporto. Mentre caricavano le motociclette, il gruppo si è goduto una sontuosa cena alla stazione di rifornimento sul marciapiede, prima che i 14 si imbarcassero sull'autobus e cercassero di dormire un po'. 18 ore dopo, siamo sbarcati nel sud della Francia e abbiamo dato un'occhiata alle nostre biciclette e ai nostri bagagli. Uno dei vecchi modelli ha richiesto la verifica del gioco delle punterie e il serraggio dei prigionieri della testata, rendendola la seconda "riparazione" nel giro di 500 km. Qui si è unito a noi un altro pilota Triumph plus proveniente da Vienna.

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Da Perpignan partiremo attraverso le strade di campagna verso le colline per pranzare al Donjon de Pyrepertuse a Duilhac-sous-Peyrepertuse. Dopo aver fatto rifornimento agli umani, le strade tortuose dei Pirenei ci hanno portato attraverso de Gorges de Galamus, con le sue ripide scogliere tagliate dai fiumi in profondità in basso e una strada scavata nelle pareti del canyon con spettacolari strapiombi, percorrendo questa strada stretta fa battere il cuore mentre rimani a bocca aperta per lo stupore. Il contrasto quando si superava il Col d’Ares, oltre il confine con la Spagna, era netto. Mentre il canyon è chiuso e stretto, la vista dalle montagne è ampia e lontana. Abbiamo pernottato al campeggio Vall de Camprodon. Qui ci siamo uniti ad altri 3 ciclisti che si sono diretti verso sud con il furgone di supporto, carico di una Yamaha, Rieju e una BMW. Avere un furgone di supporto si sarebbe presto rivelata la decisione più intelligente dell’intero viaggio. In precedenza ci siamo separati dalla Guzzi che aveva problemi di accensione, ma ci siamo diretti al campeggio con una mappa cartacea disegnata a mano. Sicuramente aiuta quando parli fluentemente lo spagnolo. 


Foto: Cäthe Pfläging

La mattina dopo siamo partiti per Montardit de Baix, passando per Castellar de n’Hug e il Parco Naturale Cadí-Moixeró. Avevamo diviso il gruppo in due gruppi più piccoli in base alle capacità di guida, il che ha facilitato la guida, ma complicato la logistica. Strade tortuose, su e giù per le montagne sono stati un gradito cambiamento rispetto alle strade diritte che di solito percorriamo per Berlino.

Foto: Cäthe Pfläging

La mattina dopo, dopo una colazione a base di panini tostati, croissant, caffè e succo d'arancia, siamo partiti per altri passi di montagna. Purtroppo la Moto Guzzi è rimasta indietro, ancora una volta. Ma questa volta qualcosa era andato perduto... la chiave di accensione. Dopo aver frugato in ogni tasca, pantaloni e giacca, due volte, e dopo aver scaricato e rifatto le valigie, due volte, e aver frugato in tutta l'attrezzatura da campeggio, si è deciso di caricare la Guzzi nel furgone e raggiungere il resto del gruppo. Nel frattempo, in cima a una montagna, uno degli altri motociclisti è stato piuttosto sorpreso di trovare una chiave sconosciuta nella tasca della giacca... Le giacche di pelle nera sicuramente si assomigliano quando il sole è tramontato.

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

La terza notte siamo stati a Boltaña. Quel giorno abbiamo preso un po' di pioggia e siamo rimasti delusi dal clima estivo spagnolo. Non sapevamo cosa ci avrebbe riservato il domani. 

Dopo una dormita tranquilla, il cielo si è schiarito un po' e siamo saliti allegramente in sella alle nostre bici per strade più ventose. Abbiamo seguito bellissime gole e passi di montagna con viste mozzafiato. Il tempo, però, quel giorno non è stato dalla nostra parte. Abbiamo visto a malapena il sole e le nuvole sono diventate di un grigio più profondo. I gruppi si sono ulteriormente divisi e io ero in un gruppo di quattro persone che procedevano verso nord attraverso le valli verso il campeggio Asolaze a Isaba. Quando la pioggia si è fatta più intensa, abbiamo mancato una svolta e abbiamo guidato fino alla fine della valle sotto quello che era diventato un acquazzone torrenziale. Ai lati del marciapiede avevano cominciato a scorrere piccoli fiumi d'acqua torbida, bruno-giallastra. Più di una volta abbiamo visto la ruota anteriore sprofondare in una pozzanghera fino all'asse. Alla fine della strada abbiamo individuato una locanda, ce l'abbiamo fatta!
Solo che la locanda non era Asolaze, era la Linza Inn, una valle a est di dove dovevamo essere, separata da una montagna alta 1500 m. Quindi abbiamo dovuto tornare indietro di mezz'ora, attraversare il passo di montagna e di nuovo verso nord nella valle successiva. I 20 km che normalmente richiedono meno di mezz'ora, ora durano 45 minuti. La pioggia continuava e le solette dei miei stivali erano inzuppate, l'acqua era entrata ovunque. L'attrezzatura antipioggia è impermeabile solo finché non lo è più. Fortunatamente siamo arrivati ​​tutti ad Asolaze senza incidenti o incidenti e ci aspettavano calde tapas. Un'altra moto sponsorizzata, una BMW R18 guidata dalla mente dietro Abbigliamento motociclistico a nord di Berlino, si è unito a noi qui. 

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Non erano previste corse per il giorno successivo, quindi tutti erano liberi di decidere se andare da qualche parte o rilassarsi e asciugare i vestiti. Alcuni hanno preso le tracce delle montagne fino all'hotel Canfranc nella valle dell'Aragona. L'ex stazione ferroviaria, costruita nel 1928 al confine tra Francia e Spagna, è rimasta abbandonata dal 1970 fino all'inizio del 2023, quando ha accolto i suoi primi ospiti come hotel. Un'ottima sosta per foto o un caffè.
La metà del gruppo è tornata alla gola a sud di Ansó per girare foto e video per i vari sponsor di moto, attrezzature e caschi. Girare il video mentre guidavo le due Moto Morini e le due BMW è stato divertente! Contrariamente al giorno prima, è stato davvero torrido! Oltre 30 gradi Celsius sono confortevoli in spiaggia o gestibili durante la guida, ma stare sotto il sole splendente con un completo a nord di Berlino o Punti arrugginiti l'abbigliamento in denim e pelle è un'altra storia.

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Alla fine della giornata, tutti sono saliti in cima al passo per un tramonto e una cena al sacco. Le condizioni stradali erano ottime, le curve emozionanti, eppure la nebbia oscurava la vista e la cena è stata rimandata. L'ultimo pilota si è unito al gruppo qui, in sella a una splendida Ducati 999S, per un totale di 18 persone.

Foto: Cäthe Pfläging


Foto: Casper van der Ven

La mattina dopo partiamo per la nostra destinazione: Biarritz! A causa delle ricorrenti difficoltà di accensione della Guzzi e di una gomma posteriore usurata su una Ducati, un piccolo sottogruppo si è recato a San Sebastián alla ricerca di un negozio di motociclette. Mentre l'officina cambiava la gomma, i ragazzi hanno tirato fuori gli attrezzi e hanno provato a regolare i punti e i tempi della Guzzi. Sono stati ricompensati con un tramonto sulla spiaggia, un paio di birre e piatti di specialità locali da condividere, pintxos o tapas basche. Pensa alle patate fritte (Krokettas), alle polpette in pastella (Bolas de Carne) e alle omelette (pintxos de tortilla). Ádamo è famoso per loro. Poiché era la notte prima del solstizio d'estate, o San Juan Eguna, gli artisti locali si esibivano su un palco nella piazza Padre Claret vicino alla spiaggia di Zurriola e l'intera città ballava le danze popolari tradizionali fino a notte fonda attorno a un enorme fuoco. L'atmosfera era allo stesso tempo estatica e rilassata, senza avere quell'atmosfera turistica fin troppo familiare e di cattivo gusto. La Guzzi rimase a San Sebastián. Questa volta non per difficoltà tecniche, ma perché il pilota ha regalato questa moto a suo padre, che risiede qui e sta pensando di tornare in sella. Che gesto meraviglioso!

La nostra base a Biarritz era al Camping Erreka, un punto centrale per goderci i festeggiamenti intorno a Wheels & Waves. Siamo andati alle gare di flat track a San Sebastián, ai concerti e agli spettacoli di venditori alla Cité de l'Océan a Biarritz, e abbiamo trascorso una giornata in spiaggia per riposare il corpo dopo una settimana di guida tutto il giorno, tutti i giorni. Sfortunatamente anche le onde si stavano calmando e il surf era fuori discussione. Abbiamo compensato tagliandoci una grande fetta di Gâteau Basque, una torta burrosa, friabile e tenera, la specialità locale. 

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Patricia Sevilla Ciordia http://pscfoto.net

Foto: Janna Strauss

Foto: Cäthe Pfläging

Dopo due notti al festival, godendoci i concerti, le motociclette in mostra, gli spettacoli, le bancarelle dei venditori e incontrando persone affini, siamo ripartiti verso Berlino. Attraverso vari passi di montagna, tra cui il Col de Cloze e il Col du Tourmalet, ci siamo diretti al Camping d'Esplantats a Sarrancolin. Pedalare in questa parte della Francia offre percorsi per i gusti di tutti. Che parte meravigliosa del mondo! La panetteria locale ci ha fornito croissant, caffè e persino flan, il budino al caramello, prima di partire la mattina successiva. Parti del gruppo si erano separate per riprendere le proprie tracce, a causa di orari e obblighi diversi. 


Foto: Cäthe Pfläging

Dopo una lunga giornata in sella, su colline e attraverso splendidi boschi, siamo arrivati ​​al Camping Domain LaCanal, gestito da una coppia olandese. Anche se non erano del tutto aperti per la stagione, ci hanno ospitato per la notte e il mattino successivo hanno persino preparato un'abbondante colazione. Un bel campeggio su una collina, con una fantastica vista sulla valle. Sfortunatamente, ho dovuto ritirare la R80 e rimandarla a casa con il furgone a causa di un sigillo saltato e del tempo insufficiente per procurarmi i pezzi, ripararla e arrivare in Italia in tempo per un matrimonio. Allo stesso modo anche la Ducati 999 dovette ritirarsi. Aveva provato a spiegare le ali il giorno prima, quando qualcuno l'aveva portato a fare un test di velocità massima sull'autostrada locale. Mi raggiunse con un ruggito unico per un bicilindrico desmodromico con impianto di scarico aperto. Poco dopo ho notato un pannello rosso vivo sull'asfalto, così come due tracce di pneumatici neri, che ondeggiavano e si incrociavano dalla corsia di sinistra, nella corsia centrale, attraverso la corsia di destra, e ho temuto di vedere moto e pilota separati sulla strada. il lato della strada. Grazie all'abilità e ad un'enorme dose di fortuna, sia il pilota che la moto erano in piedi all'uscita successiva, anche se la Ducati sembrava un po' nuda. Lo stallone italiano era effettivamente riuscito a perdere le ali. Il vento si era insinuato sotto la carenatura e aveva strappato via sia i pannelli sinistro che quello destro, quasi sbalzando a terra il pilota. Scossi e sbalorditi, ci siamo presi tutti un minuto per contare le nostre benedizioni.

Foto: Casper van der Ven

Il sigillo saltato ha concluso il viaggio un po' presto per il sottoscritto, ma grazie al sistema di trasporto pubblico francese e italiano, sono riuscito ad arrivare al matrimonio in Italia tre giorni dopo. Il resto dell'equipaggio è tornato a Berlino attraverso le Alpi francesi e svizzere. Vuoi vedere di più? Guarda questo video sul canale di Nils Homann (Credito foto e video: Cäthe Pfläging, Patricia Strauss, Felix Schmidt)


Foto: Cäthe Pfläging
Foto: Cäthe Pfläging

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Casper van der Ven

Lascia un commento

tag