Organizzare la scena

A volte nella vita le cose cun cerchio completo. Permettimi di scansare e riportarti indietro. In una giornata di sole di novembre 2017, volevo rilassarmi da una conferenza scientifica a cui ho partecipato a Miami, in Florida. Alla ricerca dell'ombra sono finito a Brothers & Brawlers, dove ho trovato uno spazio bellissimo, un'ottima tazza di caffè e un'atmosfera che mi ha fatto venire voglia di restare fino alla fine dei tempi. Il cemento grigio, l'acciaio nero e il legno naturale gli conferivano un'atmosfera industriale, ma lo spazio sembrava leggero e i sedili e i divani in pelle erano morbidi e piacevoli. I caschi, gli accessori e gli indumenti esposti hanno solleticato la mia fantasia. In esposizione un paio di moto custom. Questo è ciò che la maggior parte di noi vede nella nostra immaginazione quando sentiamo "man cave". Sebastian Ramirez, proprietario e fondatore di DiRocco Eyewear, ha fornito il tocco finale. Ha allestito lo spazio come una pubblicità vivente che puoi respirare, annusare e gustare.

Ispirazione

Successivamente, ho visto una motocicletta che ha piantato un seme nella mia immaginazione. Il seme della costruzione di una motocicletta personalizzata (all'epoca possedevo una Triumph Bonneville T2010 del 100 praticamente di serie). Mentre parlavamo dello spazio e del concetto, si è fermato un furgone. Chet e colleghi sono saltati fuori, una bicicletta è arrivata. E abbiamo finito per dare loro una mano a metterla su una piattaforma per l'esposizione. La motocicletta era una Triumph Thruxton, disegnata da un famoso cavaliere mascherato, azzimato, il primo nel Serie Sneefell by Cohn corridori. Non sapevo che 5 anni dopo avrei scritto di un'altra serie di motociclette che il costruttore spagnolo Chet P Ilzarbe avrebbe prodotto con sede a Miami.

In precedenza abbiamo presentato la loro Harley Davidson XR1200X muscle R.S serie. Ora è il momento di aggiornarti sulla loro nuova linea, la Muscle R2. In una seconda parte, ti daremo maggiori informazioni su Cohn Racers e sul suo fondatore.

sfondo

Innanzitutto, alcuni retroscena. Il Muscle R2 è nato dall'originale Muscle R, come la maggior parte dei corridori e dei costruttori possono concordare: c'è sempre spazio per miglioramenti. Durante la produzione dell'originale Muscle R, Chet iniziò a identificare e testare questi piccoli miglioramenti. Adattare, modificare e testare una motocicletta che si costruisce per il proprio garage fa parte del processo. Tuttavia, questo è fuori discussione quando ti imponi standard elevati per le motociclette che costruisci per i clienti di tutto il mondo. Quindi dove puoi prendere questi miglioramenti ed esprimere le tue capacità di risoluzione dei problemi? Corretta, in una seconda serie, la MR2. I profitti della prima serie sono stati utilizzati per assumere Joan Mataro e Anton. Il primo ingegnere meccanico con la passione per le moto, il secondo specialista della fibra di carbonio, che ha lavorato alla Scuderia Toro Rosso e alla Koenisegg. I fondi rimanenti sono stati investiti in macchinari, inclusi scanner 3D, software e stampanti 3D. Questa configurazione consente il reverse engineering, la prototipazione rapida e la valutazione dei dati. 

Tuttavia, nonostante i miglioramenti nel negozio, il concetto originale è rimasto: una Harley Davidson Sportster con potenza reale, freni adeguati, maneggevolezza migliorata e una posizione elegante ma meschina che riflette il suo pilota. Per migliorare la maneggevolezza, il team ha progettato un nuovo telaio con geometria ottimizzata per un comfort e una guidabilità superiori. In secondo luogo, aumentando la potenza del motore e diminuendo il peso si è ottenuto il 26% in più di potenza e il 22% in meno di peso, migliorando ulteriormente sia la maneggevolezza che la guidabilità.  

Telaio

Ancora una volta, un modello Sportster ha fornito il motore e il telaio come punti di partenza. Hanno scansionato entrambi in 3D e hanno incluso anche un frame XR1200 aggiuntivo. Utilizzando la mesh digitale risultante con milioni di punti dati registrati, è stato possibile aggiungere digitalmente altri componenti. Dopo aver aggiunto le sospensioni e le ruote, il primo prototipo è stato simulato per testare il comportamento e l'ergonomia. Diversi prototipi sono stati poi stampati da plastica PETG. Dopo diverse iterazioni, hanno optato per un assemblaggio in 3 pezzi che si imbullona con quattro bulloni M8 nella parte anteriore e quattro M10 nella parte posteriore. Il maestro saldatore Josh Lewis ha costruito una maschera di saldatura per allineare perfettamente ogni componente prima dell'assemblaggio. Pertanto, qualsiasi lega può essere utilizzata per saldare un telaio nella geometria perfetta. Attualmente usano Titanium GR5 futuri proprietari di MR2. L'utilizzo di queste leghe di alta qualità si traduce in un peso finale del telaio inferiore alla metà del telaio sportivo originale. 

Risparmio di peso

Inoltre, l'utilizzo del titanio su tutta la bici garantisce il suddetto risparmio di peso. Gli assali anteriore e posteriore originariamente in acciaio, l'attacco manubrio e lo scarico sono stati tutti realizzati in titanio. Anche i bulloni originali in acciaio vengono sostituiti con bulloni in titanio. Un forcellone in alluminio billet cnc è un pezzo particolarmente difficile da trovare, solitamente limitato alla MotoGP e alle corse d'élite. Pertanto, il team ha progettato un 5 pezzi saldati insieme e adattati all'altezza del cliente. Fornisce forza, riduce il peso e introduce la giusta quantità di flessibilità. Ancora una volta, la simulazione digitale è stata utilizzata per mettere a punto questi parametri nel progetto finale. 

Sospensione

Migliorando ulteriormente la maneggevolezza, le sospensioni di serie sono state sostituite con forcelle Öhlins FGRT serie 200 completamente regolabili in staffe triple proprietarie in alluminio billet cnc e doppi ammortizzatori posteriori. La rigidità della molla e le valvole saranno adattate alle specifiche di ogni cliente. 

Ruote e pneumatici

I mozzi Harley Davidson di serie con raggi in acciaio inossidabile e lavcd con cerchi 18 × 6.0 e 18 × 3.5 conferiscono alla moto un tocco di flattrack. I clienti hanno una vasta gamma di opzioni per pneumatici con questa configurazione, ma i pneumatici dual sport sembravano essere una scelta popolare per la prima serie. I cerchi in fibra di carbonio, titanio e alluminio sono attualmente in fase di sviluppo e saranno disponibili come optional solo per i possessori di MR2.

La centrale elettrica

A spingere tutto questo in avanti è un propulsore da 100 CV basato sul motore originale. Una delle parti più impegnative da progettare e produrre è il sistema di aspirazione dell'aria brevettato. Il collettore in alluminio è fresato a cnc da un blocco pieno su una macchina a 6 assi. L'ossigeno viene fornito tramite due bellissimi condotti rivestiti in rete nella parte anteriore. Il carburante è fornito da un foglio di alluminio da 2 mm tagliato al laser e piegato, saldato e ricoperto da un guscio in fibra di carbonio. È stato integrato un piccolo radiatore dell'olio per ridurre la temperatura dell'olio e il serbatoio dell'olio originale sotto il sedile è stato mantenuto per garantire un volume sufficiente nel sistema. All'estremità posteriore del motore ci sono due collettori in titanio con curve tagliate a torta, che gli conferiscono una gamma di colori arcobaleno dopo molteplici cicli di riscaldamento, completati da due scarichi Akrapovic. Per i futuri clienti disposti a scambiare una certa affidabilità, l'output può essere ulteriormente aumentato.

pelletteria

Per sedersi in cima a questa centrale elettrica, i clienti dovranno scegliere la propria pelle per la tappezzeria artigianale. Le pelli provengono dalla Scozia e gli artigiani realizzano quindi il sedile, la cinghia del serbatoio e altre parti opzionali per garantire l'unità in tutto. Questo lega entrambe le estremità e mostra il livello di dettaglio che va in queste bici!

Detailing

La fibra di carbonio viene utilizzata in tutta la costruzione. Il loro specialista interno con un background impressionante ha ottimizzato il processo di impregnazione delle fibre di carbonio con resina e polimerizzazione in autoclave (si pensi: pentola a pressione industriale) per garantire il rapporto resina/fibra ottimale. Questo rende un materiale molto leggero e allo stesso tempo molto resistente. Oltre 20 parti dell'MR2 sono realizzate in questo modo. Ai nostri occhi, questo processo intenso e costoso è giustificato dal risultato! Che spettacolo visivo da osservare!

Altri dettagli esteticamente gradevoli sono le luci e gli indicatori di direzione. Sono completamente integrati nella bici. Le luci di coda, freno e indicatore sono integrate nel parafango con solo due parti! Tutto il cablaggio è accuratamente nascosto alla vista, ad esempio il cablaggio degli indicatori è integrato nel manubrio. L'indicatore è retroilluminato in blu, così come i pulsanti, un tocco sottile ed elegante che migliora il funzionamento al buio. Questa è un'altra indicazione che i costruttori hanno dato la priorità al punto di vista del pilota. L'indicatore mostra i giri analogici e tutte le altre informazioni in modo digitale, mantenendolo pulito e senza tempo. La parte anteriore del misuratore è ricoperta di carbonio che incorona la bici con un logo 24K fuso in cera, lucidato. 

Ultima chiamata!

Verranno costruite solo 99 moto, secondo le specifiche del cliente. La maggior parte delle opzioni modificate internamente sono incluse. Verranno apportate modifiche all'altezza da terra, alla rigidità delle sospensioni e ad altri piccoli dettagli che garantiranno la vestibilità più comoda per il cliente. Desideri speciali possono anche essere soddisfatti. Il prezzo è progressivo, il primo a partire da $ 45,000 USD.
Vuoi iniziare? Email

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Casper van der Ven

Lascia un commento

tag

Organizzare la scena

A volte nella vita le cose cun cerchio completo. Permettimi di scansare e riportarti indietro. In una giornata di sole di novembre 2017, volevo rilassarmi da una conferenza scientifica a cui ho partecipato a Miami, in Florida. Alla ricerca dell'ombra sono finito a Brothers & Brawlers, dove ho trovato uno spazio bellissimo, un'ottima tazza di caffè e un'atmosfera che mi ha fatto venire voglia di restare fino alla fine dei tempi. Il cemento grigio, l'acciaio nero e il legno naturale gli conferivano un'atmosfera industriale, ma lo spazio sembrava leggero e i sedili e i divani in pelle erano morbidi e piacevoli. I caschi, gli accessori e gli indumenti esposti hanno solleticato la mia fantasia. In esposizione un paio di moto custom. Questo è ciò che la maggior parte di noi vede nella nostra immaginazione quando sentiamo "man cave". Sebastian Ramirez, proprietario e fondatore di DiRocco Eyewear, ha fornito il tocco finale. Ha allestito lo spazio come una pubblicità vivente che puoi respirare, annusare e gustare.

Ispirazione

Successivamente, ho visto una motocicletta che ha piantato un seme nella mia immaginazione. Il seme della costruzione di una motocicletta personalizzata (all'epoca possedevo una Triumph Bonneville T2010 del 100 praticamente di serie). Mentre parlavamo dello spazio e del concetto, si è fermato un furgone. Chet e colleghi sono saltati fuori, una bicicletta è arrivata. E abbiamo finito per dare loro una mano a metterla su una piattaforma per l'esposizione. La motocicletta era una Triumph Thruxton, disegnata da un famoso cavaliere mascherato, azzimato, il primo nel Serie Sneefell by Cohn corridori. Non sapevo che 5 anni dopo avrei scritto di un'altra serie di motociclette che il costruttore spagnolo Chet P Ilzarbe avrebbe prodotto con sede a Miami.

In precedenza abbiamo presentato la loro Harley Davidson XR1200X muscle R.S serie. Ora è il momento di aggiornarti sulla loro nuova linea, la Muscle R2. In una seconda parte, ti daremo maggiori informazioni su Cohn Racers e sul suo fondatore.

sfondo

Innanzitutto, alcuni retroscena. Il Muscle R2 è nato dall'originale Muscle R, come la maggior parte dei corridori e dei costruttori possono concordare: c'è sempre spazio per miglioramenti. Durante la produzione dell'originale Muscle R, Chet iniziò a identificare e testare questi piccoli miglioramenti. Adattare, modificare e testare una motocicletta che si costruisce per il proprio garage fa parte del processo. Tuttavia, questo è fuori discussione quando ti imponi standard elevati per le motociclette che costruisci per i clienti di tutto il mondo. Quindi dove puoi prendere questi miglioramenti ed esprimere le tue capacità di risoluzione dei problemi? Corretta, in una seconda serie, la MR2. I profitti della prima serie sono stati utilizzati per assumere Joan Mataro e Anton. Il primo ingegnere meccanico con la passione per le moto, il secondo specialista della fibra di carbonio, che ha lavorato alla Scuderia Toro Rosso e alla Koenisegg. I fondi rimanenti sono stati investiti in macchinari, inclusi scanner 3D, software e stampanti 3D. Questa configurazione consente il reverse engineering, la prototipazione rapida e la valutazione dei dati. 

Tuttavia, nonostante i miglioramenti nel negozio, il concetto originale è rimasto: una Harley Davidson Sportster con potenza reale, freni adeguati, maneggevolezza migliorata e una posizione elegante ma meschina che riflette il suo pilota. Per migliorare la maneggevolezza, il team ha progettato un nuovo telaio con geometria ottimizzata per un comfort e una guidabilità superiori. In secondo luogo, aumentando la potenza del motore e diminuendo il peso si è ottenuto il 26% in più di potenza e il 22% in meno di peso, migliorando ulteriormente sia la maneggevolezza che la guidabilità.  

Telaio

Ancora una volta, un modello Sportster ha fornito il motore e il telaio come punti di partenza. Hanno scansionato entrambi in 3D e hanno incluso anche un frame XR1200 aggiuntivo. Utilizzando la mesh digitale risultante con milioni di punti dati registrati, è stato possibile aggiungere digitalmente altri componenti. Dopo aver aggiunto le sospensioni e le ruote, il primo prototipo è stato simulato per testare il comportamento e l'ergonomia. Diversi prototipi sono stati poi stampati da plastica PETG. Dopo diverse iterazioni, hanno optato per un assemblaggio in 3 pezzi che si imbullona con quattro bulloni M8 nella parte anteriore e quattro M10 nella parte posteriore. Il maestro saldatore Josh Lewis ha costruito una maschera di saldatura per allineare perfettamente ogni componente prima dell'assemblaggio. Pertanto, qualsiasi lega può essere utilizzata per saldare un telaio nella geometria perfetta. Attualmente usano Titanium GR5 futuri proprietari di MR2. L'utilizzo di queste leghe di alta qualità si traduce in un peso finale del telaio inferiore alla metà del telaio sportivo originale. 

Risparmio di peso

Inoltre, l'utilizzo del titanio su tutta la bici garantisce il suddetto risparmio di peso. Gli assali anteriore e posteriore originariamente in acciaio, l'attacco manubrio e lo scarico sono stati tutti realizzati in titanio. Anche i bulloni originali in acciaio vengono sostituiti con bulloni in titanio. Un forcellone in alluminio billet cnc è un pezzo particolarmente difficile da trovare, solitamente limitato alla MotoGP e alle corse d'élite. Pertanto, il team ha progettato un 5 pezzi saldati insieme e adattati all'altezza del cliente. Fornisce forza, riduce il peso e introduce la giusta quantità di flessibilità. Ancora una volta, la simulazione digitale è stata utilizzata per mettere a punto questi parametri nel progetto finale. 

Sospensione

Migliorando ulteriormente la maneggevolezza, le sospensioni di serie sono state sostituite con forcelle Öhlins FGRT serie 200 completamente regolabili in staffe triple proprietarie in alluminio billet cnc e doppi ammortizzatori posteriori. La rigidità della molla e le valvole saranno adattate alle specifiche di ogni cliente. 

Ruote e pneumatici

I mozzi Harley Davidson di serie con raggi in acciaio inossidabile e lavcd con cerchi 18 × 6.0 e 18 × 3.5 conferiscono alla moto un tocco di flattrack. I clienti hanno una vasta gamma di opzioni per pneumatici con questa configurazione, ma i pneumatici dual sport sembravano essere una scelta popolare per la prima serie. I cerchi in fibra di carbonio, titanio e alluminio sono attualmente in fase di sviluppo e saranno disponibili come optional solo per i possessori di MR2.

La centrale elettrica

A spingere tutto questo in avanti è un propulsore da 100 CV basato sul motore originale. Una delle parti più impegnative da progettare e produrre è il sistema di aspirazione dell'aria brevettato. Il collettore in alluminio è fresato a cnc da un blocco pieno su una macchina a 6 assi. L'ossigeno viene fornito tramite due bellissimi condotti rivestiti in rete nella parte anteriore. Il carburante è fornito da un foglio di alluminio da 2 mm tagliato al laser e piegato, saldato e ricoperto da un guscio in fibra di carbonio. È stato integrato un piccolo radiatore dell'olio per ridurre la temperatura dell'olio e il serbatoio dell'olio originale sotto il sedile è stato mantenuto per garantire un volume sufficiente nel sistema. All'estremità posteriore del motore ci sono due collettori in titanio con curve tagliate a torta, che gli conferiscono una gamma di colori arcobaleno dopo molteplici cicli di riscaldamento, completati da due scarichi Akrapovic. Per i futuri clienti disposti a scambiare una certa affidabilità, l'output può essere ulteriormente aumentato.

pelletteria

Per sedersi in cima a questa centrale elettrica, i clienti dovranno scegliere la propria pelle per la tappezzeria artigianale. Le pelli provengono dalla Scozia e gli artigiani realizzano quindi il sedile, la cinghia del serbatoio e altre parti opzionali per garantire l'unità in tutto. Questo lega entrambe le estremità e mostra il livello di dettaglio che va in queste bici!

Detailing

La fibra di carbonio viene utilizzata in tutta la costruzione. Il loro specialista interno con un background impressionante ha ottimizzato il processo di impregnazione delle fibre di carbonio con resina e polimerizzazione in autoclave (si pensi: pentola a pressione industriale) per garantire il rapporto resina/fibra ottimale. Questo rende un materiale molto leggero e allo stesso tempo molto resistente. Oltre 20 parti dell'MR2 sono realizzate in questo modo. Ai nostri occhi, questo processo intenso e costoso è giustificato dal risultato! Che spettacolo visivo da osservare!

Altri dettagli esteticamente gradevoli sono le luci e gli indicatori di direzione. Sono completamente integrati nella bici. Le luci di coda, freno e indicatore sono integrate nel parafango con solo due parti! Tutto il cablaggio è accuratamente nascosto alla vista, ad esempio il cablaggio degli indicatori è integrato nel manubrio. L'indicatore è retroilluminato in blu, così come i pulsanti, un tocco sottile ed elegante che migliora il funzionamento al buio. Questa è un'altra indicazione che i costruttori hanno dato la priorità al punto di vista del pilota. L'indicatore mostra i giri analogici e tutte le altre informazioni in modo digitale, mantenendolo pulito e senza tempo. La parte anteriore del misuratore è ricoperta di carbonio che incorona la bici con un logo 24K fuso in cera, lucidato. 

Ultima chiamata!

Verranno costruite solo 99 moto, secondo le specifiche del cliente. La maggior parte delle opzioni modificate internamente sono incluse. Verranno apportate modifiche all'altezza da terra, alla rigidità delle sospensioni e ad altri piccoli dettagli che garantiranno la vestibilità più comoda per il cliente. Desideri speciali possono anche essere soddisfatti. Il prezzo è progressivo, il primo a partire da $ 45,000 USD.
Vuoi iniziare? Email

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Casper van der Ven

Lascia un commento

tag