Seguici su Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Google+, Youtube o iscriviti al nostro newsletter.

R100RXTRDon Luis 2

Fin dal primo giorno sono un grande fan del lavoro di Jose Rosell (alias “Pepo”). Di solito Pepo si concentra sulle Ducati, ma questa volta ha preso una BMW R92R del '100 come moto base per un'altra fantastica creazione. Il suo obiettivo era quello di costruire un vero classico da corsa, riempito solo con le parti e le modifiche migliori.

Cominciamo con la carrozzeria. Pepo ha costruito diverse macchine e penso che si possa vedere un piccolo schema, chiamiamolo “il tocco di Pepo”: manubrio basso, carrozzeria unica e carro posteriore rialzato. Tutte le parti sono realizzate su misura o personalizzate. Il serbatoio del carburante è di una Moto Guzzi e la combinazione sedile / posteriore è un componente Yamaha TZ modificato. La classica carenatura è realizzata su misura in fibra di carbonio.

R100R XTR Don Luigi mg_2095 mg_2107

Il telaio di serie è rinforzato e un telaio ausiliario personalizzato è saldato per adattarsi alla nuova parte posteriore. All'anteriore vediamo un completo riutilizzo di una Ducati Sports Classic con clip Tomaselli, pinze freno custom e dischi Discacciati abbinati ad una pompa freno radiale della stessa marca. Il liquido dei freni scorre nelle linee in kevlar di Frentubo. Per abbinare la parte anteriore aggiornata, viene utilizzato un ammortizzatore Ohlins nella parte posteriore.

mg_2090 mg_2062

Il motore è stato spostato un po' più in alto per una maggiore altezza da terra, poiché il cuore di questa macchina ha avuto anche alcuni seri aggiornamenti: carter più leggero, teste lavorate, pistoni ad alta compressione più leggeri, albero a camme da corsa, nuova coppa dell'olio, filtro dell'olio esterno e Radiatore olio passo. Per più aria, la macchina ha ottenuto carboidrati Keihin FCR da 40 mm con filtri DNA. La risposta rapida del motore è fornita da un acceleratore rapido Tomaselli. I suoni di questa bellezza ricevono il loro tocco finale da un sistema di scarico Supermario 2 in 1 con silenziatore a megafono.

Il sistema elettronico è aggiornato con un Batteria LIPO, accensione elettronica anteriore ad albero motore Silent Hetkit con 16 mappature, un nuovo regolatore elettronico, doppie bobine e doppie teste d'accensione. Alcuni gadget high-tech sono il cruscotto Motogadget, il pulsante di avvio Domino, i LED Vicma e gli interruttori Leonelli. 

XTR Pepò

Puoi trovare l'elenco completo di mod e parti qui.

By Pubblicato il: 30 novembre 2016Categorie: Cafe Racer Commenti su BMW R100R “Don Luis” di XTR PepoTag: , 2.1 min lettoVisualizzazioni: 712

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag

Seguici su Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Google+, Youtube o iscriviti al nostro newsletter.

R100RXTRDon Luis 2

Fin dal primo giorno sono un grande fan del lavoro di Jose Rosell (alias “Pepo”). Di solito Pepo si concentra sulle Ducati, ma questa volta ha preso una BMW R92R del '100 come moto base per un'altra fantastica creazione. Il suo obiettivo era quello di costruire un vero classico da corsa, riempito solo con le parti e le modifiche migliori.

Cominciamo con la carrozzeria. Pepo ha costruito diverse macchine e penso che si possa vedere un piccolo schema, chiamiamolo “il tocco di Pepo”: manubrio basso, carrozzeria unica e carro posteriore rialzato. Tutte le parti sono realizzate su misura o personalizzate. Il serbatoio del carburante è di una Moto Guzzi e la combinazione sedile / posteriore è un componente Yamaha TZ modificato. La classica carenatura è realizzata su misura in fibra di carbonio.

R100R XTR Don Luigi mg_2095 mg_2107

Il telaio di serie è rinforzato e un telaio ausiliario personalizzato è saldato per adattarsi alla nuova parte posteriore. All'anteriore vediamo un completo riutilizzo di una Ducati Sports Classic con clip Tomaselli, pinze freno custom e dischi Discacciati abbinati ad una pompa freno radiale della stessa marca. Il liquido dei freni scorre nelle linee in kevlar di Frentubo. Per abbinare la parte anteriore aggiornata, viene utilizzato un ammortizzatore Ohlins nella parte posteriore.

mg_2090 mg_2062

Il motore è stato spostato un po' più in alto per una maggiore altezza da terra, poiché il cuore di questa macchina ha avuto anche alcuni seri aggiornamenti: carter più leggero, teste lavorate, pistoni ad alta compressione più leggeri, albero a camme da corsa, nuova coppa dell'olio, filtro dell'olio esterno e Radiatore olio passo. Per più aria, la macchina ha ottenuto carboidrati Keihin FCR da 40 mm con filtri DNA. La risposta rapida del motore è fornita da un acceleratore rapido Tomaselli. I suoni di questa bellezza ricevono il loro tocco finale da un sistema di scarico Supermario 2 in 1 con silenziatore a megafono.

Il sistema elettronico è aggiornato con un Batteria LIPO, accensione elettronica anteriore ad albero motore Silent Hetkit con 16 mappature, un nuovo regolatore elettronico, doppie bobine e doppie teste d'accensione. Alcuni gadget high-tech sono il cruscotto Motogadget, il pulsante di avvio Domino, i LED Vicma e gli interruttori Leonelli. 

XTR Pepò

Puoi trovare l'elenco completo di mod e parti qui.

By Pubblicato il: 30 novembre 2016Categorie: Cafe Racer Commenti su BMW R100R “Don Luis” di XTR PepoTag: , 2.1 min lettoVisualizzazioni: 712

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

tag