Dato che non ero mai stato al BikeShed Motoshow e lo conoscevo solo di fama, essendo uno dei principali saloni di motociclette custom al mondo, ero entusiasta di avere due delle mie moto Hard Motos scelte per essere esposte lì. Non ho resistito, anche se questo significava viaggiare da Amsterdam nel fine settimana di Pentecoste – e ho dovuto passare un paio di giorni a lucidare le mie biciclette per farle sembrare la parte!

Quindi via a Londra e alla sede, Tobacco Dock vicino al Tamigi e alla Torre di Londra...

Questa è stata la prima cosa che mi ha colpito, un posto così bello: vecchi edifici ma restaurati con gusto con un paio di vecchie barche a vela all'esterno per la decorazione. Un sacco di stanze, tutte allestite per le centinaia di biciclette esposte. E per i vari marchi di moto che sfoggiano i costumi migliori in base ai loro vari modelli... Inoltre un campionario di venditori di motociclette che vanno dall'abbigliamento ovviamente, all'arte, al tè - che British!

La seconda cosa che ho notato è stata l'organizzazione efficiente e l'ottimo personale (per lo più volontari) a disposizione per aiutarti a sistemarti. Un sacco di sicurezza, come le fascette individuali sulle biciclette, quindi puoi rimuovere le tue solo alla fine dello spettacolo. E avendo personale di sicurezza ovunque.

Non che ne sentissi il bisogno, l'atmosfera è stata genuinamente amichevole e rilassata per tutta la durata dell'evento, anche il sabato mattina quando le file si sono allungate per centinaia di metri prima dell'apertura dello spettacolo alle 10:00.

E poi le bici! Il tema di quest'anno era "Passato, presente e futuro" e numerose moto adatte a tutte e tre le categorie presenti...

Per 'Past', un sacco di fantastiche moto, da restaurate prima della guerra a migliori dell'originale, a chopper, bobber e caféracer.

Per "Present", un bel po' di moto retrò, nuove ma convertite/modificate in sì: chopper, bobber e caféracer. Ma sorprendentemente c'è un altro tipo di custom che sta diventando piuttosto importante in questa categoria, le bici da enduro! In media molto più colorate di quelle a cui siamo abituati dalle moto custom, con la possibile eccezione dei chopper degli anni Settanta.

'Futuro' – ovviamente un bel po' di bici elettriche, incluse quelle che la legge olandese considera biciclette – fat bike come la Super73. Ho visto però un prototipo di una moto più performante, quindi potrebbe arrivare...

C'era anche una presentazione virtuale di una sorta di bici camaleonte – che prendeva forme diverse per corse diverse – a cui potevi accedere scansionando un codice QR, ma immagino di essere all'antica; preferisco vedere la moto vera...

C'è stata una serata di pre-apertura il venerdì per la stampa e gli invitati VIP, con un po' di buona musica ma file interminabili presso i tre unici venditori di cibo aperti quella sera, quindi siamo sgattaiolati fuori per cenare allo Smoking Goat, vicino al quartier generale di BikeShed a Shoreditch: incredibile!

Quindi sono arrivato sabato presto per trovare un numero incredibile di persone già in fila in attesa dell'apertura dello spettacolo. Fortunatamente, siamo riusciti a entrare dal retro, semplicemente mostrando il nostro braccialetto da espositore. E in effetti, sabato è stato affollato, ma mai sovraffollato, il locale è abbastanza grande da ospitare un vasto numero di visitatori senza sentirsi angusto.

La domenica è stata un po' meno affollata, quindi mi sono divertito a ammirare di nuovo le oltre 300 meravigliose moto esposte!

C'era intrattenimento: musica dal vivo a tutte le ore nella sala principale e presentazioni e tavole rotonde nell'edificio Shed Talks. C'era cibo e bevande in abbondanza il sabato e la domenica, una varietà di camion di cibo erano parcheggiati appena fuori dal locale. Bel tempo, quindi abbronzarsi un po' bevendo un buon caffelatte faceva sicuramente parte della routine mattutina...

Tutto sommato, uno dei più bei spettacoli di motociclette che abbia mai visto, ne vale sicuramente la pena, tornerò per saperne di più!

By Pubblicato il: 9 giugno 2023Categorie: Articoli, Stile di vita Petrolhead, Capannone costruisce Commenti su BikeShed London Motoshow 20233.8 min lettoVisualizzazioni: 606

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Jaco Zijlstra

Lascia un commento

tag

Dato che non ero mai stato al BikeShed Motoshow e lo conoscevo solo di fama, essendo uno dei principali saloni di motociclette custom al mondo, ero entusiasta di avere due delle mie moto Hard Motos scelte per essere esposte lì. Non ho resistito, anche se questo significava viaggiare da Amsterdam nel fine settimana di Pentecoste – e ho dovuto passare un paio di giorni a lucidare le mie biciclette per farle sembrare la parte!

Quindi via a Londra e alla sede, Tobacco Dock vicino al Tamigi e alla Torre di Londra...

Questa è stata la prima cosa che mi ha colpito, un posto così bello: vecchi edifici ma restaurati con gusto con un paio di vecchie barche a vela all'esterno per la decorazione. Un sacco di stanze, tutte allestite per le centinaia di biciclette esposte. E per i vari marchi di moto che sfoggiano i costumi migliori in base ai loro vari modelli... Inoltre un campionario di venditori di motociclette che vanno dall'abbigliamento ovviamente, all'arte, al tè - che British!

La seconda cosa che ho notato è stata l'organizzazione efficiente e l'ottimo personale (per lo più volontari) a disposizione per aiutarti a sistemarti. Un sacco di sicurezza, come le fascette individuali sulle biciclette, quindi puoi rimuovere le tue solo alla fine dello spettacolo. E avendo personale di sicurezza ovunque.

Non che ne sentissi il bisogno, l'atmosfera è stata genuinamente amichevole e rilassata per tutta la durata dell'evento, anche il sabato mattina quando le file si sono allungate per centinaia di metri prima dell'apertura dello spettacolo alle 10:00.

E poi le bici! Il tema di quest'anno era "Passato, presente e futuro" e numerose moto adatte a tutte e tre le categorie presenti...

Per 'Past', un sacco di fantastiche moto, da restaurate prima della guerra a migliori dell'originale, a chopper, bobber e caféracer.

Per "Present", un bel po' di moto retrò, nuove ma convertite/modificate in sì: chopper, bobber e caféracer. Ma sorprendentemente c'è un altro tipo di custom che sta diventando piuttosto importante in questa categoria, le bici da enduro! In media molto più colorate di quelle a cui siamo abituati dalle moto custom, con la possibile eccezione dei chopper degli anni Settanta.

'Futuro' – ovviamente un bel po' di bici elettriche, incluse quelle che la legge olandese considera biciclette – fat bike come la Super73. Ho visto però un prototipo di una moto più performante, quindi potrebbe arrivare...

C'era anche una presentazione virtuale di una sorta di bici camaleonte – che prendeva forme diverse per corse diverse – a cui potevi accedere scansionando un codice QR, ma immagino di essere all'antica; preferisco vedere la moto vera...

C'è stata una serata di pre-apertura il venerdì per la stampa e gli invitati VIP, con un po' di buona musica ma file interminabili presso i tre unici venditori di cibo aperti quella sera, quindi siamo sgattaiolati fuori per cenare allo Smoking Goat, vicino al quartier generale di BikeShed a Shoreditch: incredibile!

Quindi sono arrivato sabato presto per trovare un numero incredibile di persone già in fila in attesa dell'apertura dello spettacolo. Fortunatamente, siamo riusciti a entrare dal retro, semplicemente mostrando il nostro braccialetto da espositore. E in effetti, sabato è stato affollato, ma mai sovraffollato, il locale è abbastanza grande da ospitare un vasto numero di visitatori senza sentirsi angusto.

La domenica è stata un po' meno affollata, quindi mi sono divertito a ammirare di nuovo le oltre 300 meravigliose moto esposte!

C'era intrattenimento: musica dal vivo a tutte le ore nella sala principale e presentazioni e tavole rotonde nell'edificio Shed Talks. C'era cibo e bevande in abbondanza il sabato e la domenica, una varietà di camion di cibo erano parcheggiati appena fuori dal locale. Bel tempo, quindi abbronzarsi un po' bevendo un buon caffelatte faceva sicuramente parte della routine mattutina...

Tutto sommato, uno dei più bei spettacoli di motociclette che abbia mai visto, ne vale sicuramente la pena, tornerò per saperne di più!

By Pubblicato il: 9 giugno 2023Categorie: Articoli, Stile di vita Petrolhead, Capannone costruisce Commenti su BikeShed London Motoshow 20233.8 min lettoVisualizzazioni: 606

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Jaco Zijlstra

Lascia un commento

tag