Testato su strada; Indian Springield
Le moto custom sono sempre al centro di BikeBrewers'attenzione. Ma quasi ogni pezzo d'arte personalizzato nasce da qualcosa che è stato prodotto da un produttore di motociclette. Riteniamo sia giusto evidenziare occasionalmente nuovi modelli che consideriamo abbastanza interessanti da essere visti tra tutti quei magnifici sogni personalizzati. Le bici che selezioniamo hanno tutte un grande potenziale di personalizzazione, riportandoci alle nostre radici. In questo articolo editoriale, il nostro birraio spagnolo Thierry Tronquit Prats ingrandisce un peso massimo americano: l'indiano Springfield

Abbondanza in tutto
Proprio di recente, ho avuto l'opportunità di provare l'Indian Springfield 2020, un classico bagger della vecchia scuola. Questa moto è una vera centrale elettrica con il più grande motore di produzione indiano prima del 2020. Il suo cuore pulsante è un motore bicilindrico a V da 1800 cc, ben dotato di molta coppia. La macchina è adornata con un sacco di cromature e altre cose fronzoli.

Ma prima di parlare di questo cruiser custom, passiamo in rassegna l'eredità di questo iconico marchio motociclistico americano. Sapevi che la Indian Motorcycle Company è stata responsabile di alcuni dei primi progressi nella tecnologia motociclistica e di alcuni impressionanti primi record di velocità delle motociclette?

Nel 1901, Hendee assunse Oscar Hedstrom per creare una bici a gas in grado di accelerare le gare ciclistiche. Dopo il successo e l'entusiasmo per questa prima macchina, l'azienda ha aperto uno stabilimento in Massachusetts e ha iniziato a produrre motociclette in serie. Nel loro primo anno sul mercato, un pilota su una motocicletta indiana ha vinto una gara da Boston a New York. Nel 1903, la Indian Motorcycle Company stava per diventare il più grande e importante produttore di motociclette al mondo. Nello stesso anno, un paio di giovani uomini a Milwaukee costruirono la prima motocicletta Harley-Davidson, creando quella che sarebbe diventata la più grande rivale indiana.

Vinci domenica, vendi lunedì
Nel 1906, una coppia di motociclisti usò una motocicletta indiana per andare da San Francisco a New York in 31.5 giorni da record. Negli anni '1910 le motociclette indiane furono riprogettate con un moderno sistema di sospensioni, il primo avviamento elettrico su una motocicletta e un enorme motore da 1000 cc. Tutti questi aggiornamenti hanno aiutato le motociclette indiane a battere ancora di più i record di velocità e di resistenza. Nel 1911, Indian dominò il mondo delle corse, vincendo la gara più prestigiosa di tutte, il Trofeo Senior dell'Isola di Man. Alla fine di quell'anno, le motociclette indiane avevano stabilito non meno di 121 record di corse riconosciuti.

Per tutta la prima parte del 1900, Indian ha prodotto modelli ad alte prestazioni (il primo Indian Scout nel 1920, Indian Chief nel '22 e Big Chief nel 1923) ed è sempre stata in anticipo sui tempi migliorando motore e telai. Indian è riuscita a consolidarsi nella storia del motociclismo attraverso corse su strada, gare su sterrato e tentativi di velocità su terra sulle famose saline di Bonneville per tutto il 20 ° secolo. Indian si è affermata anche nel mondo del flat track, portandola a diventare rivale con Harley-Davidson.

Risorgendo dalle ceneri
Tuttavia, nel 1953, a causa della mancanza di vendite e degli effetti della seconda guerra mondiale, Indian Motorcycles cessò l'attività. Il nome del marchio ei diritti sono passati di mano alcune volte dal 1953 al 1977. È stato solo nel 2011 che Indian ha fatto un forte ritorno quando Polaris Industries ha acquistato il marchio. Il 2013 ha segnato la grande inaugurazione della rinnovata Indian Motorcycle. È stato introdotto il fantastico motore Thunder Stroke 111 V-Twin ed è stata presentata una nuova generazione di moto. La Indian Motorcycle è stata reinventata con nuovi modelli rilasciati negli ultimi 7 anni, tra cui l'Indian Roadmaster, il nuovissimo Indian Scout, l'FTR ispirato al flat tracker, l'Indian Chief Dark Horse e lo Springfield.

Springfield
L'indiano Springfield è arrivato sul mercato nel 2016 e il suo design è stato trasferito nell'anno modello 2020 grazie al suo successo.
Con una combinazione di potenza del potente bicilindrico a V 111 `` Thunderstroke '' (119Lb-Ft @ 3,000 giri / min), ingegneria di livello mondiale e caratteristiche touring premium, l'Indian Springfield è costruito per il lungo raggio. Il parafango valenzato, introdotto nel 1940 e utilizzato fino al 1942, è all'avanguardia con una fronte cromata e l'iconico stemma del cofano da guerra illuminato. Le gonne cromate della forcella della lattina di birra rinforzano gli steli, così come la navicella del faro e la barra dei baffi, e quest'ultima supporta un paio di luci di passaggio insieme agli indicatori di direzione anteriori per avvolgere l'illuminazione anteriore. Una vera icona americana! Proprio come le prime moto da tour americane, la Springfield spinge un grande parabrezza a sgancio rapido che ti lascia con il livello di protezione simile a una vera carenatura ma con una visibilità molto maggiore in avanti e verso il basso. Nel mio caso, a causa della mia altezza, ha generato turbolenze attorno al casco. Da quello che so, è disponibile uno schermo più alto.

Un cruscotto cromato cavalca il serbatoio del carburante da 20.8 litri con il pulsante di accensione / spegnimento, un indicatore del carburante rotondo e un grande indicatore analogico per il tachimetro. Una serie di spie luminose sono posizionate di fronte al tachimetro e c'è un piccolo schermo LED per gestire le metriche rimanenti e fungere da interfaccia per la funzione Ride Modes. Le caratteristiche standard sono 3 modalità di guida e disattivazione del cilindro posteriore. L'indiano Springfield mantiene le caratteristiche preferite dai motociclisti come i sedili in vera pelle, le borse laterali con bloccaggio a distanza e le pedane del passeggero regolabili. Anche l'ABS, il cruise control, l'accensione senza chiave e il monitoraggio della pressione dei pneumatici sono di serie.

Per quanto riguarda il telaio, uno scheletro in fusione di alluminio tiene tutto insieme e, sebbene ciò indubbiamente rimuova un po 'di peso, pesa ancora la bilancia a 376 kg bagnati. Non è affatto quella che chiameresti una bici "leggera" e non è l'ideale per la guida urbana e per zigzagare nel traffico dell'ora di punta. È pesante e la disattivazione / attivazione del cilindro è bizzarra quando si decolla con un semaforo verde.
Un'area in cui ho potuto vedere qualche miglioramento è l'ABS posteriore. Uno sbattimento sul pedale del freno posteriore si tradurrà comunque in un blocco della gomma e questo non va bene quando si guida in città in una giornata invernale. Credimi, so di cosa sto parlando.

Strada aperta, arriviamo!
Ma una volta liberato su strade aperte, scoprirai una corsa incredibilmente fluida e stabile. Lo Springfield ha una coppia che tira il ceppo molto bassa fornita alle ruote posteriori da una trasmissione a cinghia e una trasmissione a sei velocità. La sella è molto comoda e la posizione di guida è perfettamente eretta. Se le velocità più basse sono tutto ciò di cui hai bisogno, la Springfield potrebbe essere la bici che fa per te. Se, come me, ti piace lo stile cruiser ma ti diverti anche a bombardare alcuni twisties, lo Springfield farà entrambi abbastanza bene, meglio dell'equivalente Harley Davidson Street Glide, a mio parere personale.

L'Indian Springfield del 2020 è un cruiser da turismo progettato per essere moderno nel comfort e nella tecnologia, ma classico in termini di aspetto e sensazione.

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag

Testato su strada; Indian Springield
Le moto custom sono sempre al centro di BikeBrewers'attenzione. Ma quasi ogni pezzo d'arte personalizzato nasce da qualcosa che è stato prodotto da un produttore di motociclette. Riteniamo sia giusto evidenziare occasionalmente nuovi modelli che consideriamo abbastanza interessanti da essere visti tra tutti quei magnifici sogni personalizzati. Le bici che selezioniamo hanno tutte un grande potenziale di personalizzazione, riportandoci alle nostre radici. In questo articolo editoriale, il nostro birraio spagnolo Thierry Tronquit Prats ingrandisce un peso massimo americano: l'indiano Springfield

Abbondanza in tutto
Proprio di recente, ho avuto l'opportunità di provare l'Indian Springfield 2020, un classico bagger della vecchia scuola. Questa moto è una vera centrale elettrica con il più grande motore di produzione indiano prima del 2020. Il suo cuore pulsante è un motore bicilindrico a V da 1800 cc, ben dotato di molta coppia. La macchina è adornata con un sacco di cromature e altre cose fronzoli.

Ma prima di parlare di questo cruiser custom, passiamo in rassegna l'eredità di questo iconico marchio motociclistico americano. Sapevi che la Indian Motorcycle Company è stata responsabile di alcuni dei primi progressi nella tecnologia motociclistica e di alcuni impressionanti primi record di velocità delle motociclette?

Nel 1901, Hendee assunse Oscar Hedstrom per creare una bici a gas in grado di accelerare le gare ciclistiche. Dopo il successo e l'entusiasmo per questa prima macchina, l'azienda ha aperto uno stabilimento in Massachusetts e ha iniziato a produrre motociclette in serie. Nel loro primo anno sul mercato, un pilota su una motocicletta indiana ha vinto una gara da Boston a New York. Nel 1903, la Indian Motorcycle Company stava per diventare il più grande e importante produttore di motociclette al mondo. Nello stesso anno, un paio di giovani uomini a Milwaukee costruirono la prima motocicletta Harley-Davidson, creando quella che sarebbe diventata la più grande rivale indiana.

Vinci domenica, vendi lunedì
Nel 1906, una coppia di motociclisti usò una motocicletta indiana per andare da San Francisco a New York in 31.5 giorni da record. Negli anni '1910 le motociclette indiane furono riprogettate con un moderno sistema di sospensioni, il primo avviamento elettrico su una motocicletta e un enorme motore da 1000 cc. Tutti questi aggiornamenti hanno aiutato le motociclette indiane a battere ancora di più i record di velocità e di resistenza. Nel 1911, Indian dominò il mondo delle corse, vincendo la gara più prestigiosa di tutte, il Trofeo Senior dell'Isola di Man. Alla fine di quell'anno, le motociclette indiane avevano stabilito non meno di 121 record di corse riconosciuti.

Per tutta la prima parte del 1900, Indian ha prodotto modelli ad alte prestazioni (il primo Indian Scout nel 1920, Indian Chief nel '22 e Big Chief nel 1923) ed è sempre stata in anticipo sui tempi migliorando motore e telai. Indian è riuscita a consolidarsi nella storia del motociclismo attraverso corse su strada, gare su sterrato e tentativi di velocità su terra sulle famose saline di Bonneville per tutto il 20 ° secolo. Indian si è affermata anche nel mondo del flat track, portandola a diventare rivale con Harley-Davidson.

Risorgendo dalle ceneri
Tuttavia, nel 1953, a causa della mancanza di vendite e degli effetti della seconda guerra mondiale, Indian Motorcycles cessò l'attività. Il nome del marchio ei diritti sono passati di mano alcune volte dal 1953 al 1977. È stato solo nel 2011 che Indian ha fatto un forte ritorno quando Polaris Industries ha acquistato il marchio. Il 2013 ha segnato la grande inaugurazione della rinnovata Indian Motorcycle. È stato introdotto il fantastico motore Thunder Stroke 111 V-Twin ed è stata presentata una nuova generazione di moto. La Indian Motorcycle è stata reinventata con nuovi modelli rilasciati negli ultimi 7 anni, tra cui l'Indian Roadmaster, il nuovissimo Indian Scout, l'FTR ispirato al flat tracker, l'Indian Chief Dark Horse e lo Springfield.

Springfield
L'indiano Springfield è arrivato sul mercato nel 2016 e il suo design è stato trasferito nell'anno modello 2020 grazie al suo successo.
Con una combinazione di potenza del potente bicilindrico a V 111 `` Thunderstroke '' (119Lb-Ft @ 3,000 giri / min), ingegneria di livello mondiale e caratteristiche touring premium, l'Indian Springfield è costruito per il lungo raggio. Il parafango valenzato, introdotto nel 1940 e utilizzato fino al 1942, è all'avanguardia con una fronte cromata e l'iconico stemma del cofano da guerra illuminato. Le gonne cromate della forcella della lattina di birra rinforzano gli steli, così come la navicella del faro e la barra dei baffi, e quest'ultima supporta un paio di luci di passaggio insieme agli indicatori di direzione anteriori per avvolgere l'illuminazione anteriore. Una vera icona americana! Proprio come le prime moto da tour americane, la Springfield spinge un grande parabrezza a sgancio rapido che ti lascia con il livello di protezione simile a una vera carenatura ma con una visibilità molto maggiore in avanti e verso il basso. Nel mio caso, a causa della mia altezza, ha generato turbolenze attorno al casco. Da quello che so, è disponibile uno schermo più alto.

Un cruscotto cromato cavalca il serbatoio del carburante da 20.8 litri con il pulsante di accensione / spegnimento, un indicatore del carburante rotondo e un grande indicatore analogico per il tachimetro. Una serie di spie luminose sono posizionate di fronte al tachimetro e c'è un piccolo schermo LED per gestire le metriche rimanenti e fungere da interfaccia per la funzione Ride Modes. Le caratteristiche standard sono 3 modalità di guida e disattivazione del cilindro posteriore. L'indiano Springfield mantiene le caratteristiche preferite dai motociclisti come i sedili in vera pelle, le borse laterali con bloccaggio a distanza e le pedane del passeggero regolabili. Anche l'ABS, il cruise control, l'accensione senza chiave e il monitoraggio della pressione dei pneumatici sono di serie.

Per quanto riguarda il telaio, uno scheletro in fusione di alluminio tiene tutto insieme e, sebbene ciò indubbiamente rimuova un po 'di peso, pesa ancora la bilancia a 376 kg bagnati. Non è affatto quella che chiameresti una bici "leggera" e non è l'ideale per la guida urbana e per zigzagare nel traffico dell'ora di punta. È pesante e la disattivazione / attivazione del cilindro è bizzarra quando si decolla con un semaforo verde.
Un'area in cui ho potuto vedere qualche miglioramento è l'ABS posteriore. Uno sbattimento sul pedale del freno posteriore si tradurrà comunque in un blocco della gomma e questo non va bene quando si guida in città in una giornata invernale. Credimi, so di cosa sto parlando.

Strada aperta, arriviamo!
Ma una volta liberato su strade aperte, scoprirai una corsa incredibilmente fluida e stabile. Lo Springfield ha una coppia che tira il ceppo molto bassa fornita alle ruote posteriori da una trasmissione a cinghia e una trasmissione a sei velocità. La sella è molto comoda e la posizione di guida è perfettamente eretta. Se le velocità più basse sono tutto ciò di cui hai bisogno, la Springfield potrebbe essere la bici che fa per te. Se, come me, ti piace lo stile cruiser ma ti diverti anche a bombardare alcuni twisties, lo Springfield farà entrambi abbastanza bene, meglio dell'equivalente Harley Davidson Street Glide, a mio parere personale.

L'Indian Springfield del 2020 è un cruiser da turismo progettato per essere moderno nel comfort e nella tecnologia, ma classico in termini di aspetto e sensazione.

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag