Vero ferro americano
Negli ultimi anni abbiamo cavalcato un certo numero di indiani, da l'eccitante FTR fino all l'imponente Capo la scorsa estate. Con l'autunno in pieno svolgimento, abbiamo pensato che sarebbe stato opportuno provare alcune grandi bici nel mese di novembre 2021. Di recente abbiamo iniziato con la BMW R18 e la R18 Transcontinentale.

Con questa eredità in mente il Roadmaster indiano era un logico passo successivo. Per restare in sintonia con l'ispirazione delle moto bavaresi risalenti agli anni '1930, è stato bello essere presentati da Indian Motorcycle con la loro 'Heritage Edition'.

Tutto compreso
Tutto ciò che puoi sognare è probabilmente montato su questa macchina! A partire dall'impressionante cuore "Thunderstroke" che non è inferiore a 116 pollici cubi (1800 cc), che si trova anche nel Chief, nel Chieftain e nello Springfield, l'elenco delle delizie appetitose continua all'infinito.

Secondo Indian Motorcycle, il Roadmaster è stato costruito per i motociclisti che cercano il "Gold Standard" in termini di comfort e guida. Questo Roadmaster è decorato con finiture cromate, Ride Command con integrazione Apple CarPlay®, disattivazione del cilindro posteriore e una varietà di modalità di guida.

Le dotazioni standard includono sedili e manopole riscaldati multiregolazione, borse laterali e bagagliaio con chiusura a distanza, pedane passeggero regolabili, ABS, cruise control, accensione senza chiave, monitoraggio automatico della pressione dei pneumatici, illuminazione a LED completa e carenature inferiori con prese d'aria regolabili.

"Possiamo portarle qualcos'altro, signore?"
Bene, che ne dici di: pneumatici Metzeler Cruisetec® e un parabrezza regolabile a pulsante? I servizi standard dell'intera gamma Roadmaster includono borse laterali e bagagliaio con chiusura a distanza con oltre 140 litri di stivaggio combinato, pedane passeggero regolabili, ABS, cruise control, accensione senza chiave, monitoraggio della pressione dei pneumatici e illuminazione a LED completa.

Inoltre, i pulsanti di accensione sul Roadmaster, proprio come sui modelli sopra menzionati, sono stati riposizionati sul cubo dell'interruttore sul manubrio per ospitare una nuova porta di ricarica da 12 volt sul cruscotto. La porta di ricarica offre comodamente ai motociclisti l'opportunità di collegarsi e connettersi a una gamma più ampia di dispositivi elettronici.

Uff! E pensavo che la mia lista dei desideri di Natale fosse lunga.

Sulla strada
Dopo aver preso tutto questo, era ora di mettersi in viaggio. Avendo appena restituito la BMW R18 Transcontinental è stato un bel cambiamento salire sulla Roadmaster. Mentre ci è voluto un giorno intero per mettersi davvero a proprio agio con l'enorme BMW, il Roadmaster, che è ugualmente gigantesco, si è sentito facile da maneggiare fin dall'inizio.

Ovviamente è una macchina ingombrante non necessariamente costruita per le strade di campagna olandesi. Il suo habitat naturale è più l'autostrada americana, ma non c'è stato nessun istante in cui si sia sentito a disagio o fuori posto.

È anche bello sperimentare le reazioni degli altri utenti della strada quando vedono apparire nei loro specchietti retrovisori l'impressionante carenatura anteriore del Roadmaster. Le auto si spostano automaticamente a lato della strada per fare spazio e si vedono molte teste girate verso la macchina per ammirare le bellissime rifiniture.

Ampia banda di potenza
Ho già citato l'erogazione di potenza regolare e i carichi di coppia disponibili a bassi regimi pazzeschi? Essendo un teppista quale sono, a volte non potevo resistere all'accelerazione del motore, solo per provare tutta la potenza del suo cuore ruggente.

Il Roadmaster è dotato di un freno anteriore a doppio disco e di un freno posteriore a disco singolo (con ABS). C'è una potenza di arresto sufficiente disponibile, anche se sembra un po' meno diretta rispetto alla BMW. Con il suo manubrio basso e largo, la sella ampia e le pedane spaziose, tutti i modelli Roadmaster dovrebbero adattarsi comodamente alla stragrande maggioranza dei motociclisti europei. E grazie al parabrezza regolabile, la protezione antivento è facilmente personalizzabile. Ho giocato con l'elettronica per alzare e abbassare lo scudo durante la guida. In ambienti urbani ho trovato meglio guidare con lo scudo abbassato poiché il bordo superiore era esattamente in vista quando ero seduto dritto.

L'autunno arriva con il clima frizzante e le manopole e i sedili riscaldati (anche per i passeggeri) hanno sicuramente reso le lunghe miglia percorse molto più comodamente anche su viaggi più brevi e anche più freddi.

Caffè e torta alla maniera americana
In un freddo sabato mattina ho deciso di andare a cavallo da un amico che vive nel sud del paese. Purtroppo non sta molto bene e questa è stata un'ottima scusa per percorrere oltre 400 chilometri in un giorno, solo per un caffè, una torta, i bei vecchi ricordi di guida e una risata.

Che esperienza magnifica è stata! L'indiano sfida il pilota a continuare a guidare fino a quando non c'è più orizzonte in vista. Quel giorno è stato un Royal Ride e mi sono sentito come un re in sella a questa motocicletta ad alta potenza per tutta la settimana.

scelte
La vita consiste nel selezionare i percorsi da seguire e seguire le proprie passioni per aprire la strada alla vita.
Scegliere la bici giusta al momento giusto è una di queste.

Non dimenticare di "lavorare di meno e guidare di più". La vita è troppo breve per non farlo.

Foto di: Ron Betista

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag

Vero ferro americano
Negli ultimi anni abbiamo cavalcato un certo numero di indiani, da l'eccitante FTR fino all l'imponente Capo la scorsa estate. Con l'autunno in pieno svolgimento, abbiamo pensato che sarebbe stato opportuno provare alcune grandi bici nel mese di novembre 2021. Di recente abbiamo iniziato con la BMW R18 e la R18 Transcontinentale.

Con questa eredità in mente il Roadmaster indiano era un logico passo successivo. Per restare in sintonia con l'ispirazione delle moto bavaresi risalenti agli anni '1930, è stato bello essere presentati da Indian Motorcycle con la loro 'Heritage Edition'.

Tutto compreso
Tutto ciò che puoi sognare è probabilmente montato su questa macchina! A partire dall'impressionante cuore "Thunderstroke" che non è inferiore a 116 pollici cubi (1800 cc), che si trova anche nel Chief, nel Chieftain e nello Springfield, l'elenco delle delizie appetitose continua all'infinito.

Secondo Indian Motorcycle, il Roadmaster è stato costruito per i motociclisti che cercano il "Gold Standard" in termini di comfort e guida. Questo Roadmaster è decorato con finiture cromate, Ride Command con integrazione Apple CarPlay®, disattivazione del cilindro posteriore e una varietà di modalità di guida.

Le dotazioni standard includono sedili e manopole riscaldati multiregolazione, borse laterali e bagagliaio con chiusura a distanza, pedane passeggero regolabili, ABS, cruise control, accensione senza chiave, monitoraggio automatico della pressione dei pneumatici, illuminazione a LED completa e carenature inferiori con prese d'aria regolabili.

"Possiamo portarle qualcos'altro, signore?"
Bene, che ne dici di: pneumatici Metzeler Cruisetec® e un parabrezza regolabile a pulsante? I servizi standard dell'intera gamma Roadmaster includono borse laterali e bagagliaio con chiusura a distanza con oltre 140 litri di stivaggio combinato, pedane passeggero regolabili, ABS, cruise control, accensione senza chiave, monitoraggio della pressione dei pneumatici e illuminazione a LED completa.

Inoltre, i pulsanti di accensione sul Roadmaster, proprio come sui modelli sopra menzionati, sono stati riposizionati sul cubo dell'interruttore sul manubrio per ospitare una nuova porta di ricarica da 12 volt sul cruscotto. La porta di ricarica offre comodamente ai motociclisti l'opportunità di collegarsi e connettersi a una gamma più ampia di dispositivi elettronici.

Uff! E pensavo che la mia lista dei desideri di Natale fosse lunga.

Sulla strada
Dopo aver preso tutto questo, era ora di mettersi in viaggio. Avendo appena restituito la BMW R18 Transcontinental è stato un bel cambiamento salire sulla Roadmaster. Mentre ci è voluto un giorno intero per mettersi davvero a proprio agio con l'enorme BMW, il Roadmaster, che è ugualmente gigantesco, si è sentito facile da maneggiare fin dall'inizio.

Ovviamente è una macchina ingombrante non necessariamente costruita per le strade di campagna olandesi. Il suo habitat naturale è più l'autostrada americana, ma non c'è stato nessun istante in cui si sia sentito a disagio o fuori posto.

È anche bello sperimentare le reazioni degli altri utenti della strada quando vedono apparire nei loro specchietti retrovisori l'impressionante carenatura anteriore del Roadmaster. Le auto si spostano automaticamente a lato della strada per fare spazio e si vedono molte teste girate verso la macchina per ammirare le bellissime rifiniture.

Ampia banda di potenza
Ho già citato l'erogazione di potenza regolare e i carichi di coppia disponibili a bassi regimi pazzeschi? Essendo un teppista quale sono, a volte non potevo resistere all'accelerazione del motore, solo per provare tutta la potenza del suo cuore ruggente.

Il Roadmaster è dotato di un freno anteriore a doppio disco e di un freno posteriore a disco singolo (con ABS). C'è una potenza di arresto sufficiente disponibile, anche se sembra un po' meno diretta rispetto alla BMW. Con il suo manubrio basso e largo, la sella ampia e le pedane spaziose, tutti i modelli Roadmaster dovrebbero adattarsi comodamente alla stragrande maggioranza dei motociclisti europei. E grazie al parabrezza regolabile, la protezione antivento è facilmente personalizzabile. Ho giocato con l'elettronica per alzare e abbassare lo scudo durante la guida. In ambienti urbani ho trovato meglio guidare con lo scudo abbassato poiché il bordo superiore era esattamente in vista quando ero seduto dritto.

L'autunno arriva con il clima frizzante e le manopole e i sedili riscaldati (anche per i passeggeri) hanno sicuramente reso le lunghe miglia percorse molto più comodamente anche su viaggi più brevi e anche più freddi.

Caffè e torta alla maniera americana
In un freddo sabato mattina ho deciso di andare a cavallo da un amico che vive nel sud del paese. Purtroppo non sta molto bene e questa è stata un'ottima scusa per percorrere oltre 400 chilometri in un giorno, solo per un caffè, una torta, i bei vecchi ricordi di guida e una risata.

Che esperienza magnifica è stata! L'indiano sfida il pilota a continuare a guidare fino a quando non c'è più orizzonte in vista. Quel giorno è stato un Royal Ride e mi sono sentito come un re in sella a questa motocicletta ad alta potenza per tutta la settimana.

scelte
La vita consiste nel selezionare i percorsi da seguire e seguire le proprie passioni per aprire la strada alla vita.
Scegliere la bici giusta al momento giusto è una di queste.

Non dimenticare di "lavorare di meno e guidare di più". La vita è troppo breve per non farlo.

Foto di: Ron Betista

Condividi questa storia, scegliere la piattaforma!

Circa l'autore: Ron Betista

Ron Betist è cresciuto con le motociclette con un padre a capo delle forze di polizia motociclistiche di Amsterdam. Guida (legalmente) da oltre 40 anni e le moto sono la sua vera passione. Con una lunga carriera nel marketing e nelle vendite, ha una vasta rete internazionale. È entrato a far parte di BikeBrewers nel 2017 per diffondere la sua parola sulle biciclette con il resto del mondo.

Lascia un commento

Per motivi di sicurezza, è richiesto l'uso del servizio reCAPTCHA di Google, soggetto a Google Informativa sulla Privacy ed Condizioni d'uso.

tag